Abbiamo chiesto a un entomologo perché esistono le zanzare

Ma non potrebbero semplicemente estinguersi, invece di pungerci? Purtroppo no. Abbiamo chiesto a un esperto come mai le zanzare esistano

Ambiente
di Gabriele Ferraresi facebook 22 giugno 2016 10:47
Abbiamo chiesto a un entomologo perché esistono le zanzare

perché esistono le zanzare  Nella foto: una zanzara, l’unico difetto dell’estate

 

Bella l’estate eh? Si va in giro, si dorme col lenzuolo, si passa qualche pomeriggio o qualche serata al parco o in mezzo alla natura, insomma, vorremmo che non finisse mai. Ora. La natura è splendida e passarci del tempo rispettandola è piacevolissimo, ma la natura, d’estate, ha un solo difetto: le zanzare.

Le maledette zanzare, golose predatrici del nostro sangue. Noi di Dailybest però sappiamo che tutto nella natura ha un senso, e che nulla in natura esiste per caso, per cui abbiamo voluto rispondere a una domanda che di certo anche voi vi sarete posti: perché esistono le zanzare?

Per scoprire perché esistono le zanzare abbiamo contattato il Professor Carlo Lozzia, Ordinario in Entomologia Applicata presso l’Università degli Studi di Milano, uno dei maggiori esperti del tema che da oltre 45 anni studia – e insegna ai suoi studenti – il mondo degli insetti, zanzare comprese.

Il Professor Lozzia è un’autorità nel suo campo, era la persona migliore per rispondere al nostro quesito.

 

Professore, parto con una domanda che la farà sorridere: perché esistono le zanzare?
Perché in natura ogni individuo e ogni specie assolve a un compito. Le zanzare hanno il compito di entrare nella catena alimentare dei pesci – con le loro larve – mentre gli adulti delle zanzare entrano nella catena alimentare degli uccelli. È questo il ruolo delle zanzare. Pungono perché le femmine hanno bisogno del nostro sangue per far maturare i loro ovari, e per farlo devono suggere del sangue.

Tutti nella vita ci siamo chiesti: ma se non ci fossero le zanzare, cosa cambierebbe? È fantabiologia?
Sì, è un po’ fantabiologia! Probabilmente a livello acquatico le zanzare hanno un’importanza maggiore, perché gli organismi che possono essere cibo di pesci o di altri animali acquatici non sono poi molti, quindi lì l’assenza delle larve potrebbe causare qualche problema. Se non esistessero probabilmente sarebbe un po’ meno un problema per gli uccelli. Pipistrelli e uccelli notturni quando volano tengono semplicemente la bocca aperta e ingurgitano anche una bella quantità di zanzare, ma non poi moltissime: si dice che nella dieta del pipistrello le zanzare siano solo il 5%.

I pipistrelli quindi non sono poi così utili per debellare le zanzare
Non è che ne mangino poi così tante! C’è tutta una corrente di pensiero a favore, vendono anche le gabbiette per far nidificare i pipistrelli, ma è una stupidaggine. Se i pipistrelli ne mangiassero il 50%, 70% ognuno avrebbe senso, ma ne mangiano davvero una quota così esigua… a un certo punto diventerebbero i pipistrelli il problema!

Abbiamo accennato ai nemici naturali delle zanzare: quali sono gli altri nemici?
Pesci, uccelli, pipistrelli: ma non ne hanno altri. Sono così tante perché poi i siti di riproduzione sono tantissimi, e sono ovunque. Banalmente a Milano, c’è chi ha il condizionatore, chi ha l’acqua sui terrazzi… e questi sono tutti siti di riproduzione. Basta pochissima acqua ferma, anche un bicchiere o un mezzo bicchiere, perché le zanzare possano mettere dentro le loro uova. È chiaro che poi nei paesi tropicali – ma una volta anche in Italia dove esisteva il plasmodio della malaria – le zanzare diventano un problema anche sanitario.

In Italia nel 2016 con le zanzare però ci va di lusso: per noi sono solo un fastidio, in altre parti del mondo no
Noi abbiamo avuto tre, quattro anni fa la Chikungunya, una febbre malarica che era arrivata nel nostro Paese: un po’ debilitante sulle persone anziane, ha dato qualche problema in Emilia Romagna, lì c’è stato qualche caso. Ma nel nostro Paese non c’è più la malaria: l’Agro Pontino e alcune zone della Sardegna erano zone malariche, ma sono state bonificate decenni fa. Anche se nessuno ci dice che non possa tornare, magari con qualche container via nave che arriva da lontano, da zone del mondo infette: anche con Expo c’era una sorta di allerta, poi non è arrivato niente.

 

Bene: ora sappiamo perché esistono le zanzare. Grazie Professore!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)