ISea, l’app per localizzare i migranti dispersi in mare e aiutare i soccorritori

Con lo smartphone e un pezzetto di Mediterraneo dal satellite da monitorare possiamo fare la differenza?

App
di Sandro Giorello facebook 15 giugno 2016 17:46
ISea, l’app per localizzare i migranti dispersi in mare e aiutare i soccorritori

app salvare migranti smartphone msf.org/ - Un gommone carico di migranti salvato durante un’operazione della Moas

 

La recente ondata di migranti che ha coinvolto l’Europa è sicuramente uno degli aspetti più tristi e preoccupanti che ha caratterizzato questi ultimi anni.

Lo scorso dicembre l’Organizzazione internazionale per le migrazioni aveva quantificato che nel 2015 erano sbarcate nel vecchio continente più di un milione di persone, quattro volte tanto rispetto a quelle arrivate nel 2014.

Il dato più tragico è quello relativo ai dispersi in mare: per l’Oim si tratta di 3.500 vittime ma secondo il parere l’ONG di Malta Moas (Migrant Offshore Aid Station) il numero sarebbe molto più grande (almeno 5300 morti).

 

app salvare migranti smartphone iTunes - Le schermate di I SEA, disponibile al momento solo per iOS

 

La Moas ha da poco lanciato l’applicazione gratuita I SEA che sfrutta le riprese satellitari del mare al fine di migliorare la procedura dei soccorsi. Il funzionamento è molto semplice: a tutti coloro che scaricheranno l’app sarà affidato una ristretta zona di mare che comparirà sullo schermo del loro cellulare.

Nel caso l’utente individuasse una banca o un gommone potrà geolocalizzarlo e inviare subito una segnalazione alla squadra soccorsi più vicina, che valuterà la bontà della segnalazione ed eventualmente partirà al soccorso.

In pratica, diventeremo tutti parte attiva di questo enorme sistema di monitoraggio, aiutando i soccorsi ad arrivare in tempo utile e tempestivo. Un modo nobilissimo di applicare il concetto di crowdsourcing e salvare vite umane.

FONTE | | WIRED.CO.UK

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)