Oggi nasceva Ugo Tognazzi, icona di stile e di sberleffo

Dalla supercazzola ai ruoli più drammatici, uno dei più grandi attori italiani di sempre

Cinema
di Simone Stefanini facebook 23 marzo 2017 10:18
Oggi nasceva Ugo Tognazzi, icona di stile e di sberleffo

Ugo-Tognazzi-Corna arteventuno

 

Il grande  Ugo Tognazzi nasceva a Cremona il 23 marzo del 1922. È stato protagonista di 150 film e ha saputo portare sullo schermo l’italiano medio come pochi altri attori. Ha lavorato coi più grandi registi italiani: da Dino Risi a Marco Ferreri, passando Mario Monicelli, Pietro Germi e Pier Paolo Pasolini.

 

È passato dalla commedia leggera al film d’autore rimanendo sempre se stesso, aggiungendo ai personaggi  comici un lato di spessore e di dramma e alleggerendo gli eroi tragici con il suo naturale umorismo.

 

tumblr_nm6ujakaSt1rfd7lko1_400 tumblr - Una grande verità

 

Per onorarlo a Cremona, la sua città natale, nel 2015 33 manifesti di suoi film sono stati rivisitati da grafici e illustratori per la mostra 33T D’autore.  Matteo Berton alle prese con Amici Miei.

 

Amici miei Matteo Berton 655x935 © Matteo Berton

 

Riccardo Guasco rielabora Il vizietto

 

Il vizietto Riccardo Guasco 655x934 © Riccardo Guasco

 

Davide Bonazzi reinterpreta La tragedia di un uomo ridicolo

 

La tragedia di un uomo ridicolo Davide Bonazzi French 655x934 © Davide Bonari

 

La rivista satirica Il Male, nel 1978 pubblicò false prime pagine dei più famosi quotidiani con la notizia Arrestato Ugo Tognzzi, capo delle Brigate Rosse. Al suo fianco, Raimondo Vianello, servizio fotografico falso compreso. Tognazzi diventò uno dei più grandi troll della storia d’Italia.

 

tumblr_lahu9vKE5y1qepckfo1_540 tumblr

 

Oltre a essere un grande attore, Tognazzi era anche un grande appassionato di cucina. Guardate questo video in cui spiega la sua maionese. Che poesia, altro che Cotto e mangiato

 

 

Non si può parlare di Ugo Tognazzi senza citare la tecnica e la velocità con cui eseguiva la supercazzola nei panni del conte Raffaello Mascetti nella trilogia di Amici Miei.

 

 

Tra tutte le partner cinematografiche che ha avuto, come non ricordare la giovanissima Ornella Muti in Romanzo popolare di Monicelli (1974), in cui il conflitto nord-sud e quello uomo-donna viene descritto perfettamente in questa scena. Tognazzi,  sindacalista milanese moderno e di larghe vedute, prova a prenderla bene quando la moglie Vincenzina, avellinese, gli confessa il tradimento. SPOILER: non ce la fa.

 

 

Uno dei più grandi e indimenticabili attori del cinema italiano di tutti i tempi, senza se e senza ma. Qui sotto lo vediamo nella parata di stelle al festival di Cannes nel 1973, in compagnia di Marcello Mastroianni, Catherine Deneuve e Philippe Noiret.

 

tumblr_n5vqn1tJH21tbdyyro1_1280-2 tumblr

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)