“Come me nessuno mai”: abbiamo incontrato Cicciolina

Modella, spia per i servizi segreti ungheresi, pornostar, cantante, Deputato, imprenditrice: il nostro ritratto di Ilona Staller, in arte Cicciolina

Cinema
di Giacomo Iacomino 14 dicembre 2016 10:33
“Come me nessuno mai”: abbiamo incontrato Cicciolina

intervista cicciolina ilona staller

 

Come me nessuno mai“. Non esistono attrici come Cicciolina. Non ne sono mai esistite prima né mai probabilmente esisteranno. È proprio lei, Ilona Staller a raccontarcelo, in esclusiva. Anche se poi ci ripensa su. E dice: “Marilyn Monroe e Brigitte Bardot. Loro sono icone pop globali, inimitabili e insostituibili. Come me”. Cicciolina è tornata.

Anche se in verità andrebbe detto che lei non se n’è mai andata. Anzi facciamo così. Lo facciamo dire direttamente a lei: “La tv italiana non mi vuole più, ha un atteggiamento di indifferenza nei miei confronti, e allora magari la gente pensa che mi sono ritirata a vita privata. Ma non è così”. In effetti non la si vede più da tempo nel piccolo schermo.

Farei senza ombra di dubbio impennare gli ascolti, soprattutto dei programmi serali e pre serali, gli italiani mi vogliono ancora bene. Ma non c’è problema. Chiusa una porta si apre un portone. Dall’estero ad esempio ricevo sempre tantissimi inviti a partecipare nei talk show”. Non solo. Proprio in questi giorni, su Cielo è andato in onda un documentario (ben fatto) su di lei: “Cicciolina, l’arte dello scandalo”.

 

 

Quasi a fare da traino a qualcosa di più grande. Cannes. Eccola, la prima bomba. La conferma che non solo non se n’è mai andata ma anzi c’è ancora, come e più di prima. Perché il prossimo festival del cinema in Costa Azzurra potrebbe essere la vetrina di lancio del film che racconterà la sua vita. “Cicciolina”, il titolo forse è scontato ma d’altra parte è l’unico possibile.

Il 26 novembre Ilona Staller ha compiuto sessantacinque anni, ma l’energia resta quella di chi ne ha venti. “Ho festeggiato con un pranzo in famiglia, mio figlio mi ha regalato una bellissima catenina d’oro e ho ricevuto molte rose dai miei fans“. Nata a Budapest, sua mamma era un’ostetrica, suo padre un funzionario del Ministero dell’Interno ungherese.

Da trent’anni Cicciolina vive a Roma con il figlio Ludwig Koons, nato dall’unione con l’artista americano Jeff. Si sposarono nel ’91, un matrimonio durato poco e finito male, con un’aspra battaglia legale per l’affidamento del bambino che ebbe un incredibile risalto mediatico.

Modella, spia per i servizi segreti ungheresi, pornostar, fu la prima donna ad apparire a seno nudo in tv: era il 1978, quando sul telecomando potevi scegliere solo la Rai. Cantante, Deputato della Repubblica italiana, voluta fortemente da Marco Pannella nel suo Partito Radicale, fecero molto discutere i suoi comizi: li conduceva in topless e girava a bordo di un’auto non troppo diversa dalla Dune Buggy resa famosa da Bud Spencer e Terence Hill.

 

intervista cicciolina ilona staller

 

Il suo autista girava vestito come Gesù, con tanto di corona di spine in testa. Cicciolina fu votata da ventimila italiani, seconda solo al leader del partito, democraticamente eletta in Parlamento. “Ho conosciuto Cicciolino Andreotti, dolce, simpatico” racconta in un’archeologica puntata del Maurizio Costanzo Show.

Oggi è imprenditrice, ovviamente mamma. E rifarebbe ogni cosa della sua vita. “Ho fatto di tutto, sempre con amore, piacere e passione. E’ così che sono diventata un’icona mondiale“. Sempre uguale a se stessa, Ilona Staller. “Sono come Peter Pan e la sua isola che non c’è, non cambio mai, e dico sempre quello che penso“. Compreso il suo sogno del cassetto che a molti può apparire banale. “La pace nel mondo, stop alle guerre e al terrorismo. Salute, amore e soprattutto tanto sesso per tutti“. Non so voi, ma noi ci metteremmo la firma all’istante per un mondo così. Vive nella capitale, in casa in mezzo a tanti cani e gatti: “Sono un animalista convinta. Gli italiani ancora ricordano le mie lotte e le mie proposte di legge contro la vivisezione. Gli animali non tradiscono, le persone a volte sì“. Gioca a scacchi, non vuole dirci con chi, ma rivela: “Vinco quasi sempre io“. Un po’ come quando iniziò a farsi conoscere in Italia. “Volgare, scabrosa” diceva qualcuno.

E invece fu proprio lei assieme a Riccardo Schicchi – morto quattro anni fa – a rivoluzionare la pornografia in Italia e nel mondo.

Una rivoluzione che comincia dal suo nome d’arte, Cicciolina appunto: ci ricorda come nasce?
In radio. Più precisamente a ‘Voulez-vous coucher avec moi?’ programma radiofonico notturno di Radio Luna, emittente romana. Durante le trasmissioni chiamavo tutti gli ascoltatori  ‘Cicciolini’ e ‘Ciccioline’. Andavamo in onda a mezzanotte e presto diventò un fenomeno di costume senza paragoni. Ci seguivano in migliaia. E così da questo modo di chiamare il nostro pubblico venni ribattezzata col nome di Cicciolina. Ancora oggi costituisce il marchio per la mia attività di imprenditrice. Firmo accessori femminili, dai profumi alla lingerie e vorrei proporre agli stilisti del settore una collezione di occhiali firmati.

Occhiali da sole firmati da Cicciolina?
Certo. In tiratura limitata, una serie di 300 paia tutti firmati e numerati disegnati personalmente da me. A riguardo sto cercando degli sponsor e aziende che possano aiutarmi a realizzare questo progetto.

Vuole già parlarci della Cicciolina imprenditrice? Ci arriviamo, andiamo però con ordine. Cominciamo dal film che racconta la sua vita. A che punto siamo?
La sceneggiatura è pronta, mi ha portato via molto tempo e impegno. Per questo ringrazio anche mio figlio Ludwig, il suo è stato un aiuto prezioso, il film percorre la mia carriera artistica e la mia vita privata ma vuole toccare anche temi sociali di grande importanza, gli stessi di cui mi sono occupata quando ho lavorato in Parlamento. Per la sceneggiatura ho preso spunto dal mio meraviglioso libro fotografico ‘Memorie – Racconto fotografico di un Mito: Cicciolina Ilona Staller’ che racconta tutto di me, da quando ho iniziato come modella a pornodiva, da moglie perfetta a parlamentare.

 

 

Una sceneggiatura tratta da un libro fotografico. Una scelta particolare.
C’è documentata tutta la mia vita e per questo rappresentava una buona ‘scaletta’ da cui partire. E’ in vendita ma non lo trovate in libreria, chi fosse interessato deve contattarmi personalmente tramite Facebook. Viene corredato da una dedica personale, autografo e bacio sul frontespizio: per tutti i miei fans è un libro da non perdere!

Di nuovo il suo spirito imprenditoriale: un attimo e ci arriviamo. Torniamo al film. Quando uscirà nelle sale?Sono in trattativa con alcuni grandi produttori cinematografici, naturalmente esorto chiunque del settore volesse contattarmi perché sono pronta ad accogliere nuove opinioni e nuove disponibilità. Il lancio definitivo avverrà entro il 2017, forse al Festival di Cannes.

Davvero il film potrebbe essere proiettato alla festa del cinema francese?
Se tutto andrà bene sì, sarà la prima tappa mondiale per l’apertura del sipario al grande pubblico internazionale. Sarà un Kolossal mondiale che narrerà tutta la mia vita, dall’infanzia in Ungheria fino ai giorni nostri qui a Roma, con episodi inediti ed esclusivi che non ho mai raccontato a nessuno. Le riprese avranno luogo principalmente nella capitale. Vedrete, avrà un incredibile impatto mediatico e culturale.

Parliamo un po’ del cast?
Oltre a essere sceneggiatrice e aiuto regista sarò anche la protagonista assoluta e principale. Apparirò all’inizio e alla fine del film. Tra gli altri personaggi di spicco c’è anche mio figlio Ludwig e alcune figure chiave professionali all’interno del mio entourage lavorativo. Non posso dirvi nulla ma sarà una grandissima sorpresa per tutti, sto aspettando che si chiudano definitivamente le trattative con i produttori. Solo allora potrò organizzare la presentazione ufficiale, ovviamente qui a Roma.

 

 

Suo figlio Ludwig ha già esperienze in questo campo?
È bravissimo, studia all’Accademia di Belle Arti di Roma, il suo forte desiderio di onorare le arti, di accrescere il prestigio in questa splendida disciplina gli regaleranno sicuramente una meravigliosa carriera, oggi dipinge e ha già realizzato un documentario breve su di me andato in onda il 16 luglio scorso sul canale Arte -e in questi giorni, come detto, su Cielo ndr– ma avrà dei passaggi anche nel resto dell’Europa e negli Stati Uniti”.

Ha già pensato all’attrice che dovrà interpretare Cicciolina da giovane? Chi le piacerebbe? Nella parte di Moana Pozzi nel film a puntate uscito su Sky qualche anno fa c’era Violante Placido mentre Miranda Kerr, tre anni fa, aveva posato per V Magazine vestendo proprio i suoi panni.
Non esistono oggi attrici affascinanti e carismatiche come Cicciolina, non ce ne sono state in epoche passate e non credo ci saranno neanche in epoche future. Serve un’attrice con doti di vivacità, di luminosità e dalle caratteristiche angeliche. Dev’essere capace di rappresentarmi come un’icona pop globale, coraggiosa, che fa molto parlare di sé ancora oggi.

Lei è stata la prima pornostar a entrare in Parlamento democraticamente come deputato della Repubblica come esponente del partito Radicale di Marco Pannella. Che ricordo ha di lui?
Ricordi meravigliosi, un uomo carismatico e unico che ha segnato la storia della politica italiana. Ovviamente c’è anche questo nel film: narrerò la mia vita da Deputata dal 1987 al 1992. Ottenni ventimila voti, seconda solo a Pannella nel partito Radicale. Ricordo ancora quando ci ha lasciati lo scorso 19 maggio. Vi dirò: è stato proprio quando l’ho visto per l’ultima volta nella camera ardente che ho deciso che lo avrei inserito nel mio film. Mi sono avvicinata a lui e gliel’ho promesso, sottovoce. Ci saranno alcune sue dichiarazioni, ovviamente gli episodi che mi hanno portato in politica e le testimonianze dei miei collaboratori storici.

Come si ponevano gli altri parlamentari nei suoi confronti? Avere un’ex pornostar come collega a Montecitorio, non capita tutti i giorni…
Con i miei onorevoli colleghi e colleghe c’è sempre stato un rapporto di stima, amicizia e di profondo rispetto, lavoravamo onestamente e a quei tempi davvero si può dire di aver fatto politica con fiducia per il benessere del popolo Italiano e di chi mi aveva votato alle elezioni. Gli italiani mi hanno votato per i miei ideali, mi sono battuta per la libertà sessuale dei carcerati, ad esempio, loro in particolare mi scrivevano migliaia di lettere. Mi sono sempre opposta all’uso indiscriminato degli animali per esperimenti scientifici e ovviamente contro ogni forma di censura. Ho anche lottato per la depenalizzazione della droga, per un’efficace educazione sessuale nelle scuole e per la riapertura delle case chiuse garantendo igiene e salute pubblica. Queste proposte di legge sono state copiate e riproposte da altri onorevoli negli anni successivi. E la sa una cosa?

 

 

Sono tutto orecchie.
A tutt’oggi gli italiani mi riconoscono per quelle che sono state mie proposte di legge. Tornerebbero a votarmi se decidessi di ripresentarmi in politica.

Com’è la politica oggi? Le piace? Tre anni fa si candidò alle Comunali di Roma
La politica al giorno d’oggi purtroppo non è trasparente, sono delusa. Ci vorrebbero più soldi per le forze dell’ordine, le persone devono sentirsi al sicuro, i politici italiani devono ribassare i loro stipendi da favola, quantomeno come forma di rispetto per chi non arriva a fine mese e per i tanti giovani senza lavoro. Io credo che il governo dovrebbe garantire un bonus minimo mensile per questi ragazzi. Gli italiani oggi hanno bisogno di fiducia e benessere. Solo così ritorneranno a sorridere.

Ha votato sì o no al Referendum?
Non rilascio alcuna dichiarazione, ma sono andata regolarmente a votare.

Quali sono gli impegni e i progetti di oggi di Cicciolina?
Di recente sono stata la madrina del party di Givenchy, uno show-sfilata originale e coinvolgente con tantissimi vip. Tra i miei impegni attuali, sto portando avanti un programma di serate in qualità di madrina in tutte le discoteche d’Italia, sotto il nome di ‘The Love Tour 2016-17 by Cicciolina’ e che continua in tutte le location commerciali e di tendenza: mi esibisco live con le mie canzoni di successo quali ‘Baby Love’, ‘Inno alla Trasgressione’, ‘Political Woman’, tutte all’insegna del revival anni ’80/’90. Ovviamente concedo sempre selfie e autografi ai miei fans Sulle mie pagine social potete seguire tutti i miei prossimi impegni. Inoltre è in corso di realizzazione un profumo da me firmato col nome di ‘Touch Me Sensations’ e una linea di accessori per donna. Sono molto attiva anche nella beneficenza.

A proposito, parliamo proprio di loro, dei suoi fans. Qual è oggi il pubblico di Cicciolina?
Sono migliaia in tutto il mondo, tra Facebook (il suo profilo è seguito da ventimila persone ndr), Twitter (circa diecimila followers) e Instagram (poco più di diecimila). Il mio pubblico? Persone di ogni ceto sociale, ammiratori e molte ammiratrici, dai personaggi dello spettacolo a quelli della politica e tantissime persone a cui ogni giorno rispondo sempre con attenzione e ammirazione. Dedico quotidianamente una parte della mia giornata ai social per aggiornamenti e notizie e per ringraziare e colloquiare con chi mi scrive e mi apprezza.

 

 

Su internet girano parecchi ritratti su di lei firmati “Cicciolina Make Art”. Di cosa si stratta?
Sono nata artista, sono stata sposata con un artista (Jeff Koons ndr) sono stata una musa per gli artisti e per i più importanti fotografi internazionali. Inevitabilmente oggi sono molto impegnata nel campo dell’arte contemporanea e questa collezione ne è la dimostrazione. Credo che la vera opera d’arte sia la vita di ognuno di noi, in questo caso si tratta di opere che con grande entusiasmo illustrano la mia persona e la mia vita. Le potete trovare sulla mia pagina Facebook. Le ho firmate tutte, con tanto di impronta della mia mano sul retro della tela. Se qualche gallerista fosse interessato può contattarmi, sono disponibile nelle manifestazioni a tema per le prestigiose gallerie d’arte Italiane e del mondo insieme alle mie stupende realizzazioni artistiche di grande prestigio.

Niente tv in Italia, dicevamo. Però ha un passato a teatro, potrebbe riprovarci…
Mi piacerebbe, in particolare mi piacerebbe lavorare per un musical, magari con splendidi ballerini e al Teatro Sistina di Roma e perché no, una tournée in Italia o all’estero. Come ha detto lei, non sono nuova nel teatro: ricordo la mia rappresentazione sempre qui a Roma al Teatro Bagaglino in ‘Cicciolina Story’ con gli attori Leo Gullotta e Oreste Lionello.

Ricapitolando: imprenditrice, cantante, mamma, personaggio pubblico, scrittrice, ex parlamentare, ex pornostar… Ma chi è davvero Ilona Staller?
Un’autentica e romantica paladina della liberalizzazione sessuale e dell’antiproibizionismo degli anni ’80, ancor oggi dea degli eccessi e delle provocazioni, in lotta contro censura, perbenismo e falsi pudori, pop e glamour nelle vesti della lolita più amata dagli italiani. Sono come Peter Pan con la sua “Isola che non c’è”, rappresento il punto di riferimento per tutte quelle persone che vogliono vivere la vita senza compromessi.

Ultima domanda. Lei è single?
Sì, lo sono. Il mio sito internet è sempre in cima alle ricerche di google, ogni anno. E ho sempre molte avances da migliaia di fans. Per una relazione d’amore l’ uomo ideale deve dare tanto amore, portarmi al centro delle attenzioni, fare molti regali e rendere sempre felici e sorridenti i momenti di vita insieme, ci saranno ancora uomini così?.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)