Taxi Driver compie 40 anni, ecco perché dobbiamo guardarlo di nuovo

No spoiler, solo suggerimenti. Magari non l’avete mai visto ed è la volta buona

Cinema
di Simone Stefanini facebook 8 febbraio 2016 09:58
Taxi Driver compie 40 anni, ecco perché dobbiamo guardarlo di nuovo

 

Oggi Taxi Driver compie 40 anni. È uscito infatti negli USA l’8 febbraio 1976. È considerato il cult movie per eccellenza per la sua storia morbosa, estrema, alienata e violenta. Niente spoiler, ecco 8 motivi belli e buoni per farvi venire la voglia di rivederlo.

 

– Robert De Niro

tumblr_mafodcPpd61rqpjwgo1_500 via

Una delle sue performance più brillanti. De Niro fa davvero paura nei panni di Travis Bickel, il ventiseienne reduce del Vietnam, alienato e depresso che guida il taxi di notte perché soffre d’insonnia, mentre di giorno guarda film porno.  Un personaggio talmente negativo da essere scambiato per eroe, alla fine.

 

– I capelli di Robert De Niro

taxi-drive-clap via

Quando si fa la cresta Mohawk, ormai le rotelle sono belle che andate e l’omicidio che vorrebbe andare a compiere rappresenta l’uccisione del sogno americano. Nessuno fa il matto meglio di De Niro.

 

– Jodie Foster

tumblr_inline_nlksbf0NB21r4j8j1 via

Con la sua interpretazione della prostituta minorenne, la quattordicenne Jodie Foster viene candidata per la prima volta all’Oscar. Se non è talento questo.

 

– Harvey Keitel

tumblr_lmi855Me0h1qcwy11

In alcuni film, Harvey Keitel è un figo. Tipo in Pulp Fiction, nel ruolo di Wolf. Purtroppo per lui, il più delle volte è uno stronzo di quelli da antologia. Pensate a Il cattivo tenente di Abel Ferrara oppure a Sport, il magnaccia che tiene in ostaggio la piccola Iris.

 

– Martin Scorsese 

tumblr_mizdij7RpA1qg4blro2_r1_500 via

Scorsese è una leggenda. Ha mischiato il neorealismo italiano col cinema indipendente ed è riuscito a portare a casa blockbuster americani d’autore. Con Robert De Niro poi ha girato un bel po’ di film, da Toro scatenato a Quei bravi ragazzi, fino a Cape Fear, in cui Bob fa di nuovo paura. Tutti capolavori.

 

– La sequenza dei titoli iniziali

Sinuosa, notturna, sudata e fumosa. Mette le cose in chiaro fin da subito: non sarà un film facile e certe sequenze saranno indimenticabili.

 

– Ferruccio Amendola

Siamo tutti d’accordo, i film non andrebbero doppiati ecc, però ai tempi li vedevamo così e siamo totalmente abituati ad abbinare la voce di De Niro a quella romano/partenopea del grande Ferruccio Amendola, che in questo film dà il meglio di sé nell’impersonare le paranoie del tassista matto.

 

– L’amore

taxi-driver-phil-noto via

Taxi Driver è una storia di solitudine, di violenza e di alienazione. Ma il personaggio di Travis, cerca l’amore. Lo trova in Betsy, l’impiegata dello staff elettorale del senatore Palantine, ma poi manda tutto a quel paese. È protettivo anche nei confronti di Iris, la piccola prostituta. E ora basta spoiler, non vi è venuta voglia di vederlo subito?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)