Addio all’inventore del Billy, 10 cose che non sapevi su Ikea

Se ne va un geniale inventore. Sfruttiamo l’occasione per indagare uno dei brand più celebri e amati al mondo

Design
di Simone Stefanini facebook 9 marzo 2016 16:30
Addio all’inventore del Billy, 10 cose che non sapevi su Ikea

Ikeaks via

 

Quante volte avrete visto le istruzioni qui sopra? Sono ovviamente i famigerati disegnini per costruire la libreria Billy, il bestseller di Ikea. Semplice da assemblare e, se montata nel modo giusto, anche duratura, perfetta per chi vuole arredare casa propria senza spendere un capitale.

billy2 via

 

Il signore che l’ha inventata è morto il 25 febbraio, ma la notizia ha circolato oggi. Si chiamava Gillis Lundgren, aveva 86 anni ed era stato il quarto assunto nella storia di Ikea. Sua l’idea di vendere i mobili della multinazionale svedese smontati, così da essere trasportati comodamente.

Ha disegnato la famosa Billy nel 1979, ma non solo. Nella sua storia di designer, ha dato vita a oltre 200 mobili Ikea. Insomma, è grazie a lui se siamo riusciti a comprare i mobili di casa e nel contempo è a causa sua se le nostre imprecazioni durante il montaggio dei mobili hanno raggiunto il Paradiso, luogo in cui non siamo più i benvenuti. Se questa notizia non placa la vostra voglia di saperne di più, qui sotto vi parliamo di 10 cose che non sapevate su Ikea.

 

1) IKEA è un acronimo.

ikea_flag via

Vi siete mai chiesti che vuol dire Ikea? In realtà è un acronimo del nome del suo fondatore, Ingvar Kamrad, della fattoria in cui è cresciuto, Elmtaryd e della sua città natale in Svezia, Agunnaryd.

 

2) Il suo fondatore, Ingvar Kamrad, ha ammesso di avere legami coi Nazisti.

Schermata 2016-03-09 alle 15.02.38 via

Che dire, erano anni difficili quelli dal 1942 al 1945 in Europa e Ingvar si buttò dalla parte sbagliata della storia. Nel 1988 ha ammesso di essere stato amico dell’attivista fascista svedese Per Engdahl e anche membro del Nuovo Movimento Svedese. Ha però anche aggiunto che i suoi legami con l’estrema destra sono stati una stupidità e il più grande errore della sua vita.

 

3) Ogni anno si stampano più cataloghi Ikea che Bibbie.

5yWpAw2 via

Non sarà contento il Signore Iddio, ma il libro sula sua vita e sui suoi insegnamenti vanta meno copie dei cataloghi Ikea, che si trovano davvero in ogni luogo e in ogni lago, a differenza della Bibbia per la quale ci vuole proprio il fan. Solo nel 2015 sono stati stampati 213 milioni di cataloghi Ikea, in lieve flessione rispetto al 2014 in cui ne sono stati pubblicati 217 milioni.

 

4) Ogni anno, Ikea abbassa i prezzi in media del 2%.

1321617_orig via

Secondo questa stima, se andremo a fare spese da Ikea tra un secolo, ci pagheranno loro. Quasi quasi prenotiamo la Delorean di Ritorno al futuro.

 

5) Ogni 10 secondi, nel mondo viene venduta una libreria Billy. 

d0ab7c0536aa3e6f422f578ebf7e219a2461ae3d07e80ce84416029b92903051 via

È in assoluto il prodotto più venduto in casa Ikea. Dobbiamo ringraziare ancora una volta Gillis Lundgren, il cui lavoro è letteralmente entrato nelle case dei clienti di tutto il mondo.

 

6) È stata la prima compagnia mondiale a mettere una coppia gay in una pubblicità.

Era il 1994 e la compagnia svedese mostrò per la prima volta una coppia gay in una pubblicità. Due uomini seduti al tavolo che parlano della loro relazione e dei loro mobili. Una cosa che nell’Italia del 2016 sembra ancora un tabù. Facciamoci qualche domanda.

 

7) Il negozio Ikea più grande in assoluto è a Stoccolma.

kungens via

L’area del negozio a Stoccolma (Kugens Curva) in Svezia è pari a più di 55mila metri quadrati. È anche segnato nella guida turistica della città.  Immaginatevi quanto ci vuole a girarlo tutto. Occhio a non perdere i vostri compagni di viaggio o rischierete di non trovarli mai più.

 

8) In Svezia è proibito chiamare il proprio figlio Ikea.

d9c42fdb8aae270cb453f29c2b60f7b4 via

E meno male. Pensate se in Italia i nostri figli si chiamassero Fiat. Che oggi come oggi è pure un nome italo-americano.

 

9) Da settembre 2015 Ikea vende solo lampadine a LED

ikea-ikea-ps-2014-pendant-lamp__1364302265048-s4

Un modo per aiutare a ridurre i consumi energetici e di salvaguardare l’ambiente, in attesa che le lampadine a LED diventino lo standard. La compagnia svedese sta anche cercando di ridurre il proprio consumo di energia nei suoi locali, includendo più energie rinnovabili possibile. Entro il 2020 punta a poter produrre autonomamente il totale dell’energia della quale ha bisogno.

 

10) Ikea utilizza l’1% della produzione mondiale di legno 

tmid2wihdrfx5ptu0ion via

Benché i mobili Ikea non siano fatti di legno pregiato, per la loro produzione si serve dell’1% della produzione complessiva di legno nel mondo. È la terza compagnia nel mondo per consumo di legno, dietro Home Depot e Lowe’s.

 

BONUS: In Cina è possibile dormire sui letti in esposizione.

An elderly Chinese (bottom) women rests on a sofa as people shop at an Ikea frurniture store in Beijing on August 15, 2011. Asia, including China and India, will be vulnerable if the US and Europe slip into another recession, Singapore Prime Minister Lee Hsien Loong said in his annual policy speech, Lee warned it was possible the world would sink into another recession because of the debt crisis in Europe and the United States' economic woes that led to a landmark downgrade by Standard & Poor's of the country's top-notch credit ratings. AFP PHOTO / Mark RALSTON (Photo credit should read MARK RALSTON/AFP/Getty Images) via

Quante volte avremmo voluto farlo? Ci sembra un ottimo esempio di civiltà, da importare assolutamente.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)