Come sarebbero le nostre città se fossero abitate anche da animali selvaggi?

Un progetto fotografico surreale che riflette sul concetto di diversità

Fotografia
di Ornella Cigno 22 aprile 2016 09:53
Come sarebbero le nostre città se fossero abitate anche da animali selvaggi?

Ceslovas Cesnakevicius The Zoo Ceslovas Cesnakevicius

 

Come sarebbero le nostre città se oltre alle persone, girassero tranquilli per le strade ippopotami, giraffe e pinguini? No, non stiamo parlando dei protagonisti del film Madagascar, in fuga dallo Zoo di Central Park di Manhattan, ma di un nuovo e affascinante progetto fotografico.

 

Queste foto sono state scattate da Ceslovas Cesnakevicius, artista e fotografo di strada lituano dal tono surreale. Dopo aver viaggiato tra Londra e Amsterdam la scorsa primavera, l’artista ha trovato l’ispirazione per questo progetto, colpito dalla diversità culturale che caratterizza le due città.

Un’atmosfera di totale accettazione della diversità e delle differenze, così diversa dal clima in cui Ceslovas è cresciuto in Lituania. Per celebrare questa apertura, l’artista ha pensato a un progetto in cui le diversità fossero ulterioromente sottolineate: accanto alle persone, Cesnakevicius ha deciso di trapiantare degli animali selvaggi all’interno di scenari metropolitaniÈ nato così il progetto The Zoo.

 

 

Ceslovas Cesnakevicius The Zoo Ceslovas Cesnakevicius

 

Vediamo pinguini salire le scale della metropolitana, un gruppo di emù che sfila come su una passerella al centro della città, un gigantesco ippopotamo che attraversa la strada e un gorilla che sceglie un disco in un negozio. Il mondo raffigurato è perfettamente armonico: uomini e animali coesistono pacificamente fianco a fianco.

L’artista ha unito gli scatti di scenari metropolitani raccolti nei suoi viaggi europei con le fotografie di animali ospiti negli zoo di Londra e Berlino.

 

Ceslovas Cesnakevicius The Zoo Ceslovas Cesnakevicius

 

Ceslovas confessa infine: “Aver sperimentato sulla mia pelle il lato oscuro di sentirsi escluso da una “comunità felice” durante la crescita ed essendo trascorsi 25 anni da quei giorni, penso: che tipo di persona sarei se fossi cresciuto in una società leggermente più tollerante?”  

Se siete interessati, le fotografie dell’artista si possono comprare sul suo sito ufficiale, dove troverete altre bellissime opere sognanti e surrealiste.

FONTE | designtaxi

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)