E se gli edifici simbolo di New York fossero nelle aree più remote della Terra?

Che effetto fa vedere il Guggenheim Museum nel mezzo di un deserto?

Fotografia
di Ornella Cigno 6 maggio 2016 14:28
E se gli edifici simbolo di New York fossero nelle aree più remote della Terra?

upload-df6ea800-072e-11e6-ab8a-e5bb06beef2c Misplaced - Cooper Union

 

In un futuro non troppo lontano, undici tra i più famosi edifici di New York spariscono improvvisamente dalla metropoli e nel giro di poco cominciano a riapparire nei luoghi più desolati del pianeta: tra montagne rocciose o sepolti nelle sabbie bianche del deserto. Nessuno sa esattamente cosa sia successo e perché.

 

 

Questa è l’idea dietro al progetto Misplaced: una storia di fantascienza architettonica che cancella gli edifici di New York dalle strade trafficate di Manhattan per ricollocarli in paesaggi aridi, quasi alieni. L’effetto è decisamente straniante e sembra davvero di trovarsi davanti alle ambientazioni di Star Wars o simili. Il fotografo Anton Repponen ha lavorato con lo scrittore Jon Earle per collocare queste undici immagini all’interno di un tessuto narrativo che racconti anche una storia.

Le immagini, che già di per sé sono sorprendenti, sono state infatti accompagnate da commenti ironici sul design e sulla globalizzazione, visto che è sempre più comune vedere delle vere e proprie megalopoli erigersi improvvisamente in luoghi inaspettati e spesso deserti.

 

upload-27d0e3e0-01d2-11e6-8060-9b1cad6a3bbb  Guggenheim Museum

 

Tra i vari edifici vediamo il Guggenheim ricollocato in un paesaggio marziano dove sembra quasi più a suo agio rispetto all’originale Fifth Avenue. Ad accompagnare l’alienante immagine leggiamo questa storiella:

Musei Guggenheim cominciano a spuntare in ogni parte del globo, dai Paesi Baschi alla più lontana Dubai, finché i posti si esauriscono. Il consiglio d’amministrazione manda i suoi agenti a setacciare la Terra, cercando terre primitive lontane dall’arte moderna o contemporanea. Questo è uno  tra i luoghi scelti. Un’analisi del luogo è stata scritta, lavoratori migranti assunti e il museo è stato costruito in mezzo a distese fangose. La vendita dei biglietti è stata piuttosto lenta. 

 

upload-207cab60-01d2-11e6-a35d-d58ca8728e56  Breuer Building

 

I paesaggi ritratti sembrerebbero ultraterreni ma Repponen assicura che appartengono tutti al Pianeta Terra e sono stati fotografati personalmente da lui. Sono scatti delle isole hawaiane di Maui e Lanai, alcuni del deserto Jericoacora in Brasile, e altri dei vulcani del Costa Rica. Se siete curiosi di scoprire come il fotografo ha lavorato a livello tecnico al progetto di mashup, potete leggere questa spiegazione ultradettagliata rilasciata dallo stesso Reapponen e provare quindi a cimentarvi anche voi in qualcosa di simile.

Ammirate l’intera serie di immagini e leggete le relative storielle fantasy sul sito ufficiale del progetto.

FONTE | untappedcities

COSA NE PENSI? (Sii gentile)