Hans Breder, il fotografo che gioca con gli specchi come nessun altro

Forme intricate, misteriose e sensuali che generano corpi nuovi

Fotografia
di Simone Stefanini facebook 17 maggio 2016 10:15
Hans Breder, il fotografo che gioca con gli specchi come nessun altro

hans-breder juxtapoz.com - © Hans Breder

 

Hans Breder è un artista e fotografo tedesco classe 1935 che vive e lavora in Iowa. Ha avuto grande successo nei primi anni ’60 a New York, grazie alle sue fotografie di nudi e specchi, che diventano ibridi assurdi, mostri con molte gambe e braccia, con corpi totalmente fantascientifici, senza mai la testa.

Queste creature sembrano venir fuori da un body horror di David Cronenberg, ma conservano anche la sensualità e lo spirito di unione e di sperimentazione che in quegli anni ha visto la sua maggiore esposizione mediatica.

 

 

I suoi nudi non sono mai volgari, rimandano all‘arte surrealista e generano una nuova e affascinante interpretazione della figura umana, dove il corpo umano si trasforma in qualcosa di inimmaginabile.

 

© Hans Breder juxtapoz.com - © Hans Breder

 

Ogni sua figura è effimera, dura solo il momento dello scatto e poi muta, come in una eterna trascendenza. Le sue ibridazioni testimoniano ancora oggi la voglia di giocare con la forma umana, di scomporla e di ricomporla a piacimento.

FONTE | Juxtapoz

COSA NE PENSI? (Sii gentile)