Una studentessa olandese si è fatta i selfie con tutti i molestatori che ci provano per strada

Un progetto Instagram durato un mese, che le ha permesso di rendere pubblico il disagio di chi viene costantemente molestata per strada

Fotografia
di Simone Stefanini facebook 5 ottobre 2017 11:54
Una studentessa olandese si è fatta i selfie con tutti i molestatori che ci provano per strada

 instagram

 

Colleghi maschi, sicuri di sentirvi fighi quando vedete una ragazza per strada e le fate quello che per voi è un complimento? Anche un semplice “Ciao bella” non richiesto può essere una molestia, bene che questa cosa sia chiara. Difficilmente la ragazza in questione si chiama “Bella” di nome e ancor più difficilmente gira in strada alla ricerca di complimenti non graditi, se non di vere e  proprie allusioni sessuali.

A questo proposito è lodevole l’iniziativa di Noa Jansma, una studentessa olandese che ha deciso di aprire un account Instagram chiamato Dear Catcallers (in italiano verrebbe Cari fischiatori), e riempirlo di selfie di lei con tutti quelli che per strada le hanno rivolto una molestia sessuale di qualche tipo, dal fischio quando passa alla richiesta esplicita di numero di telefono o di sesso.

#dearcatcallers "hmmmm you wanna kiss?"

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

Ha fatto durare questo esperimento un solo mese e ha raccolto 24 foto, quasi una al giorno, per testimoniare quanto questo malcostume sia diffuso. Nelle foto, maschi di ogni età e nazionalità, dai più anziani ai giovani, che dopo averle rivolto frasi o apprezzamenti pesanti, sono stati ben felici di farsi fotografare insieme a Noa, pensando probabilmente di finire tra i suoi contatti e di poterci provare di più.

#dearcatcallers *giggling + two thumbs up* softy whispers "yess bonita"

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

Se mostrare al mondo le facce di chi la molesta può farle avere un po’ di potere su di loro, spesso nei commenti alle foto di discute su cosa sia davvero molestia. Alcuni pensano che una frase come “Che bella ragazza” sia solo un apprezzamento, ma la questione potrebbe essere risolta con una sola frase: tutto ciò che non è richiesto diventa molesto.

 

Mmmmmm beautiful sweet girl #dearcatcallers

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

Alla fine del mese, Noa ha scritto un post sempre sul suo account Instagram in cui invita altre ragazze a seguire il suo esempio e a postare le foto di chi le molesta, così da rendere pubblico il disagio.

 

#dearcatcallers

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

#dearcatcallers

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

#dearcatcallers

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

#dearcatcallers

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

#dearcatcallers "weheeee horny girl"

A post shared by dearcatcallers (@dearcatcallers) on

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)