E se gli Stati Uniti invadessero il Canada? Ecco Sentinelle d’Inverno, il nuovo fumetto di Brian Vaughan

In Sentinelle d’Inverno, il confine caldo non è quello tra Stati Uniti e Messico, ma quello tra USA e Canada

Fumetti
di Marco Villa facebook 14 novembre 2016 14:00
E se gli Stati Uniti invadessero il Canada? Ecco Sentinelle d’Inverno, il nuovo fumetto di Brian Vaughan

sentinelle-inverno

 

Non sono giorni tranquilli in America. Dopo l’inattesa elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti, si susseguono previsioni per il futuro che vanno dal brutto al pessimo e le prime dichiarazioni ufficiali del presidente eletto non sono state certo concilianti. Nel mirino, il confine sud degli Stati Uniti, ovvero quello con il Messico, che secondo Trump andrà protetto con un muro, oltre il quale dovranno essere spediti milioni di irregolari che si trovano al momento negli USA.

[SFOGLIA LE PRIME PAGINE DI SENTINELLE D’INVERNO]

E se il confine caldo non fosse quello meridionale con il Messico, ma quello settentrionale con il Canada? Parte da qui, da questa apparente follia la storia di Sentinelle d’Inverno, graphic novel scritto da Brian K. Vaughan e disegnato da Steve Skroce pubblicato in Italia da Bao Publishing. La storia è ambientata nel 2124, ovvero nel dodicesimo anno di guerra tra Stati Uniti e Canada, una guerra che ha nel controllo delle ultime sorgenti d’acqua la propria chiave principale. La smisurata potenza militare statunitense deve confrontarsi con la resistenza di un gruppo di canadesi, che cercano di opporsi in ogni modo all’invasione e alla sottrazione di risorse idriche.

Dopo Black Mirror, la fine del 2016 sembra essere sempre più incentrata su futuri distopici che ci presentano contesti e situazioni sempre più preoccupanti. In questo caso, si va verso un orizzonte di guerra totale, che lascia dietro di sé solo distruzione. La lettura di Sentinelle d’Inverno scorre rapidissima, grazie a dialoghi e situazioni estremamente diretti, accompagnati da disegni che alternano splendidi paesaggi innevati e scene di azione. Come spesso accade in questi casi, a colpire maggiormente è il lo sfondo stesso del racconto, il presupposto che fa partire la storia e che vede Canada e Stati Uniti in guerra. La vera intuizione è questa, lo sviluppo del racconto, poi, può apparire solo un (bel) dettaglio.

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)