Abbiamo dato gli Oscar alle fiction italiane: non è proprio la stessa cosa

Il nostro sogno che diventa realtà: dare gli Oscar alle fiction italiane. Braccialetti Rossi, Don Matteo, l’Oriana… tutte qui.

LOL
di Simone Stefanini facebook 23 febbraio 2015 11:48
Abbiamo dato gli Oscar alle fiction italiane: non è proprio la stessa cosa

Ieri sera, tutti imbambolati a guardare gli Oscar, che andavano per la prima volta in chiaro in TV. In molti, teneri, credevano che le premiazioni iniziassero alle 23 e hanno fatto nottata, impazziti, aspettando i vincitori. Ma a noi non interessa fare un recap della serata di gala, né parlare dei vestiti, dei discorsi toccanti, delle esibizioni musicali. A noi ci interessa l’ignoto, l’immaginazione, l’isola che non c’è.

Cosa accadrebbe se la notte degli Oscar premiasse le fiction italiane, famose per la loro bassa qualità  e per l’approssimazione in fase di fotografia, recitazione, sceneggiatura ed infine regia? Ci siamo divertiti ad immaginare chi avrebbe potuto vincere l’ambita statuetta.

Indiscutibilmente, questi sarebbero stati i premi:

 

Sei ragazzini  fanno amicizia nel reparto SFIGA dell’ospedale. Qualcuno è malatissimo, altri soffrono di roba tipo “amputazione di mani e piedi” oppure “calvizie”. Tra l’unica ragazza e un paio di loro ci scappano anche i limoni, mentre il ricciolino, nella serie è un fantasma. Poteva non vincere l’Oscar come miglior film?

braccialetti-rossi

 

Il supereroe cattolico, l’unico che riesce ad andare con una bicicletta di quelle da strada in salita sopra case, esondazioni, picchi montuosi, sull’acqua, all’interno degli incendi. Grazie al Signore. Terence Hill vince miglior attore protagonista perché altrimenti te lo ritrovi in casa:

don-matteo

 

Per dare un segnale forte di laicità, l’Academy premia l’interpretazione del travestito tossicodipendente interpretato da Elena Rofia Ricci in “Che Dio ci aiuti 3”:

elenasofiaricci

 

Di nuovo Terence Hill, l’italiano che non parla bene l’italiano, nel ruolo del killer cannibale di anoressiche in “Un passo dal cielo 3”:

hill

 

Dal discorso di premiazione di Meryl Streep: “Un’attrice non protagonista deve farsi notare soprattutto per la varietà delle espressioni facciali, come capita con la bravissima Giorgia Surina ne “Il commissario Nardone”:

surina

 

Una tipa in un bosco di notte. Oh, non ci crederete ma è un thriller-horror. Oscar, subito, dopo la prima puntata:

bosco

 

La sceneggiatura è l’ossatura del film. Nonostante sia finito ormai da 5 anni,”Capri, l’isola dell’amore” vince ogni anno lo stesso premio perché è imbattibile. “Capri, l’isola dell’amore”, non so se mi spiego. 

CAPRI   

 

Un Oscar meritato anche ai tecnici per gli effetti speciali di “Furore – il vento della speranza” per il lavoro svolto sul viso di Giuliana De Sio, che nel film interpreta una Visitors di ritorno da una seduta di psicoterapia:

giuliana-de-sio

 

Delusione per “L’Oriana” che si aggiudica una statuetta solo per l’immenso e affatto osceno lavoro di trucco e parrucco su di una fallacissima Vittoria Puccini:

oriana   

 

Uno dei premi più ambiti, il riconoscimento ad una carriera folgorante. Quest’anno se l’aggiudica Satomi per il suo contributo in stile “Whiplash” alla divulgazione della tastiera (strumento), surclassando di poco Sharon de “I Ragazzi della Terza C” e la Gegia per “Professione Vacanze”:

satomi

 

Il presidente onorario dell’Academy di quest’anno, David Lynch, ha voluto assegnare al cast di “Un posto al sole” il premio speciale a suo nome, per l’indefessa abnegazione con la quale, da 65 anni, gli attori continuano a svolgere lo stesso ruolo:

postoalsole

 

Il premio del pubblico “Dove l’ho già visto?” detto anche “Manca Pacciani poi li ha fatti tutti”, non poteva non andare a Beppe Fiorello per le sue interpretazioni della gente morta famosa italiana: 

beppefiorello 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)