Eroi della birra, meteoriti dal cavalcavia e tutte le peggiori cose successe questa settimana

Gli amici di Dicci di Più ci portano là dove non saremmo mai voluti andare

Internet
di Dicci Di Più 20 novembre 2015 16:44
Eroi della birra, meteoriti dal cavalcavia e tutte le peggiori cose successe questa settimana

_86713984_a341df2e4fd4653f83c2fee333ed53e0

 

Settimana bollente quella appena terminata, meteoriti caduti da un cavalcavia, ragazzi della Terza C paladini della lotta al terrorismo, bevitori longevi e Amici non più amici di Maria ma di Melegatti.  Insomma, tutti ci hanno detto più, alla loro maniera, sulla nostra pagina e nel nostro gruppo. Buona lettura!

Dare e dire di più ogni tanto vanno a braccetto, ed eccone un esempio lampante: genitori scienziati proteggono i propri figli dalle accuse insensate di una giovane donna, tanto accecata dalla sete di vendetta da non comprendere la ovvia verità.

 

SASSI

 

Il motto “Ogni scarrafone è bello a mamma soja” viene confermato anche a Salò. Forze dell’ordine, ma non avete niente da fare che sequestrare hashish e cocaina a dei poveri ragazzetti? Dai, su.

GENITORI

 

Ma eccoli i veri eroi: impavidi, tenaci, pronti a dirci di più a braccio alzato e mutanda zuppa. Sicuro non ce li meritiamo, ma sono per certo ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento.

PUB

 

Leeds chiama, Majano risponde. L’orgoglio nazionale è tenuto alto dal questo top player contadino, eroe indiscusso della campagna friulana.

TRATTORE

 

L’amico meno amico di Maria ha deciso: basta musica. Le major lo hanno spremuto e accantonato, i Kolors gli hanno copiato pure il ciuffo, con l’ulteriore beffa che loro risultano addirittura maschi alfa ed etero. Insomma, Valerio Scanzi, ops scusate Scanu (lapsus nausea-freudiano), passa al panettone ghetto goth e tra un rutto e lo zucchero a velo in omaggio al pandoro dark ci dice purtroppo molto di più. La pubblicità anni ’80 non si batte, ma perchè non lo capiscono? Bah.

SCANU

 

Non sappiamo se siano parole dell’illustre conte piemontese o solo l’illuminazione da delirium tremens di un suo omologo contemporaneo.
Resta il fatto che qualcuno venuto dalla storia e dagli alcolisti anonimi ci ha detto molto di più, senza Instagram.

CAVOUR

 

Paola Ferrari (???), tra una pallonata in testa, un paio di liposuzioni, protesi e le luci in faccia per mascherare le rughe più alte di quelle della Gruber ha detto molto di più a questori e prefetti. La paladina della Destra calcistica in Rai provoca, e chiama all’armi la fierezza dell’italico popolo unito contro l’invasione plutocratica delle forze… Ok non ce la faccio, lo ammetto. Ha detto di più. Una cazzata.

PAOLA FERRARI

 

Di scienziato in sceinziato, di destrorso in destrorso. Anche l’indimenticato pandoro simbolo dell’ignoranza obesa scolastica della Terza C, l’uomo che usciva la gente (pagato) a Forum ci dice di più. Anzi: non perde l’occasione per dirci molto di più in fatto di perdere ottime occasioni per non dire nulla. SACCHI, ZERO.

BRACCONERI

 

Il re dei plagi esteri da tradurre in hit italiane cambia gusti. Sugar non prova più gusto per i ciccioli e gli sputi in bocca, ma va dritto al sodo e opta per un bel panino farcito di musica contemporanea di merda, e tra una masticata e un peto ci dice di più. Peccato che ometta che buona parte delle feci sonore che ingoia sono le sue. Grazie.

ZUCCHERO

 

Vi lasciamo con la gif della settimana:

“LADIES AND GENTLEMEN, WE ARE FLOATING IN THE SPACE” (with Gasparri).

GASPARRI

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)