“Tell a story”, e ti porti a casa il Portogallo.

Must
di Stefano Disastro facebook 21 agosto 2013 15:59
“Tell a story”, e ti porti a casa il Portogallo.

Ti ricordi di quel viaggio a Lisbona? Quanto tempo è passato? Poco? Tanto? Troppo? Troppo poco?
Comunque, girandoingiro per l’internet ho trovato questo progetto nato da poco nella capitale portoghese e ho pensato a te. Si chiama ‘Tell a story’ è un van che gira per le strade di Lisbona e diventa un bookshop focalizzato su libri portoghesi tradotti in lingua inglese, come fossero ‘cartoline nazionali’. Una bella trappola hipster per turisti a caccia di souvenir (in questo caso le storie) di una nazione che ha vissuto passati migliori (e via di nostalgia), che non c’è niente (forse) come le storie scritte dai propri scrittori e stampate nei libri per raccontare l’anima di una nazione. Almeno così la pensano gli ideatori del progetto

“Because we believe there’s no better way to remember a journey than a book. And that nothing makes one travel more than reading. In a country of stories and great storytellers we want to challenge those who visit us to Tell a Story about Portugal”.

Ok, adesso che vi siete commossi, potete andare sul sito di Easyjet in cerca di offerte e/o ascoltare i Madredeus. A parte le facili ironie, son sempre belli&interessanti i progetti e le nuove matte avventure imprenditoriali, in culo a qualsiasi crisi o immobilità (e in Portogallo vi assicuro che a immobilità e rassegnazione e fughe siamo a livelli notevoli). Quindi bravi ragazzi, la prossima volta che torneremo a Lisboa non mancheremo di cercare il vostro pulmino-libreria.
Intanto qui la pagina Facebook per mettere i rigorosi ‘like’.
(e c’è anche un font che riprende la calligrafia di uno scrittore portoghese ‘abbastanza’ famoso, da scaricare giustamente “alla portoghese”, cioè gratis, qui)

1045104_549978585038649_1253915507_n

1150931_555946391108535_995470033_n

73577_556057277764113_1342147580_n 1005083_546582188711622_921698788_n 35890_546582155378292_220088313_n

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)