Un artista australiano ha trasformato queste statue in monumenti alla vita di tutti i giorni

Guanti per le pulizie, aspirapolveri e braccioli: le statue cambiano faccia

Pittura
di Marco Villa facebook 20 aprile 2015 10:18
Un artista australiano ha trasformato queste statue in monumenti alla vita di tutti i giorni

Una statua è sempre una celebrazione di un grande uomo o di una grande donna. Una statua antica, poi, spesso ha un tono di epicità ancora superiore. Ecco perché prenderle e umanizzarle diventa un gioco interessante.

Un gioco realizzato dall’artista australiano Matthew Quick, che ha preso statue e monumenti e li ha resi emblemi della quotidianità, facendoli interagire con oggetti di tutti i giorni, come guanti per le pulizie, aspirapolveri, braccioli da mare e molto altro.

Il titolo del progetto, poi, è perfetto: Monumental Nobodies, ovvero Monumentali Nessuno, sorta di monumenti a militi ignoti che non hanno mai vestito la divisa, ma si sono limitati a combattere nella trincea della quotidianità.

Visto? Parlando di statue e celebrazioni ci è venuto spontaneo usare toni altisonanti. È contagioso. Per fortuna il buon Matthew Quick ci riporta con i piedi per terra.

FONTE | faithistorment.com

monumenti statue persone comuni 1

monumenti statue persone comuni 2

monumenti statue persone comuni 3

monumenti statue persone comuni 4

monumenti statue persone comuni 5

monumenti statue persone comuni 6

monumenti statue persone comuni 7

monumenti statue persone comuni 8

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)