Le drammatiche foto di Aleppo in Siria, prima e dopo la guerra civile

Cosa rimane di una splendida città dopo anni di scontri durissimi

Politica
di Simone Stefanini facebook 5 luglio 2016 15:37
Le drammatiche foto di Aleppo in Siria, prima e dopo la guerra civile

siria-prima-dopo boredpanda.com

 

Nei feed dei social network, nelle bacheche sempre intasate, vale più un’immagine di mille parole. Spesso infatti, leggiamo distrattamente o ci fidiamo del titolo, della foto di anteprima e mettiamo like agli articoli senza averli nemmeno aperti. Una pratica che capita a tutti, prima o poi.

Ecco perché queste foto risultano ancora più potenti: le guardi e capisci subito, ti immedesimi senza dover leggere niente. Poi, magari, dopo aver  guardato l’orrore da vicino, ti può venire in mente di documentarti meglio su quello che sta accadendo in Siria, il meraviglioso paese mediorientale distrutto dalla guerra civile.

Questa città è Aleppo, una delle più antiche città del mondo, patrimonio dell’umanità per l’UNESCO, totalmente rasa al suolo dalla guerra iniziata in quella città il 19 luglio del 2012, quella che vede scontrarsi senza soluzione le forze governative e l’opposizione, ma anche il popolo curdo e gli estremisti islamici di Al Nusra, la la declinazione di Al Qaeda in Siria e l’ISIS.

 

Le speranze di maggiore democrazia emerse con la primavera araba sono state schiacciate da una guerra civile lunga ormai anni, che ha distrutto il paese e con esso la bellissima Aleppo.

 

 

Le foto in posa in una strada piena di vita, della quale non è rimasto assolutamente nulla. Questa è l’immagine di un popolo che non è più possibile, come declama lo slogan di alcuni politici, aiutare a casa loro.

 boredpanda.com

 

Il supermercato è l’emblema della civiltà occidentale, nel bene e nel male. Delle sue luci al neon ormai non c’è più traccia.

 boredpanda.com

 

La vista di Aleppo dall’alto è, se possibile, ancora più impietosa. Si vedono chiaramente i buchi delle bombe e dei missili.

 boredpanda.com

FONTE | Bored Panda

COSA NE PENSI? (Sii gentile)