La Signora in Giallo potrebbe tornare per un ultimo episodio. Ecco come ce lo immaginiamo

Zombie, draghi sputafuoco, timidi professori che spacciano metanfetamina, il sottosopra e poi lei: Jessica Fletcher

Serie TV
di Simone Stefanini facebook 8 agosto 2017 11:47
La Signora in Giallo potrebbe tornare per un ultimo episodio. Ecco come ce lo immaginiamo

 serialminds

 

L’inossidabile Angela Lansbury a 91 anni potrebbe tornare a vestire i panni del suo personaggio più celebre, Jesssica Fletcher, la Signora in Giallo, che ha interpretato per 264 episodi, dal 1984 al 1996.

Angela, icona di stile e di buon umore, ha dichiarato al Sunday Post che non sarebbe certo sorpresa se, alla soglia dei 92 anni, si realizzasse un nuovo episodio del telefilm.

“Jessica Fletcher è diventata una vera e propria parte della mia vita, è stato difficile accettare la sua fine all’epoca. Detto ciò, abbiamo fatto un paio di puntate speciali negli anni dopo il 1996 e non sarei sorpresa se ne facessimo un’ultima a breve.” 

La notizia ci eccita da morire. Noi che quando facciamo zapping e troviamo una replica, non ce la facciamo a non seguirla fino in fondo, saremmo estasiati da un’ultima puntata, aggiornata all’estetica e ai contenuti odierni.

 

 

Vola la fantasia e già c’immaginiamo un episodio che cambi radicalmente la storia dei procedural, dei polizieschi e dei thriller. Una Cabot Cove (la cittadina dove Jessica soleva portare rogna), ormai infestata dal crimine, in cui il male dilaga in ogni sua forma: omicidi eseguiti con riti pagani per il Re Giallo di Carcosa, ex agenti dell’FBI ormai sdoppiati in due persone separate, la metà buona e quella cattiva, che comunicano con i clown assassini, che in Maine pullulano. Poi ancora signori della droga colombiani che uccidono per farsi rispettare, timidi professori di chimica che si mettono a produrre metanfetamina, avvocati con le allergie ai piedi, poliziotti con i capelli lunghi e uno strascicato accento texano che intagliano omini sulle lattine di Lone Star, un parco giochi del west situato in centro, in cui gli androidi si ribellano, gli zombie che tengono in scacco il supermercato, un bambino scomparso nel Sottosopra, alcune misteriose telefonate da Gubbio per opera di un certo Don Matteo, gli alieni, l’atomica e i draghi sputafuoco.

 

 

Questo sarebbe un grazioso incipit per il ritorno di Jessica Fletcher, che da scrittrice di gialli si trova sempre a dover risolvere omicidi, con una percentuale rilevante rispetto agli altri pacifici paesini americani, risultando con tutta probabilità l’artefice della profusione di malocchio che imperversa le strade di quella Gotham City turistica.

Nei nostri sogni più spregiudicati, Jessica Fletcher camminerebbe sulle strade rognose di Cabot Cove in stile Michael Jackson nel video di Billie Jean, e grazie alla sua sagacia, condita con quella vocetta tremolante e qualche drink che non si rifiuta mai, potrebbe risolvere tutti i crimini, anche quelli soprannaturali, per poi volare nel cielo con un costume mega armato, e unire come solo lei potrebbe, gli Avengers, gli X Men, la Justice League e i Defenders, di cui diventerebbe regina incontrastata sposando alla fine Stan Lee e diventando la coppia di anziani più potente al mondo.

 

 

Adesso attendiamo solo qualcuno che voglia produrre la nostra ultima puntata de La Signora in Giallo. Il budget potrebbe essere proibitivo ma di sicuro ne varrebbe la pena. Se siete investitori inviateci un messaggio, valuteremo solo i più seri.

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)