Così parlò Johnny Faina: https://www.facebook.com/johnnyfaina/
Society
di Claudia Mazziotta 10 Marzo 2020

Decameron: un podcast per sentirci meno soli fino al termine di questa quarantena

100 storie per salvare il mondo e salvare noi stessi: questo il senso di Decameron, un podcast cui potete partecipare inviando un vocale sul canale Telegram. Il progetto è di Nicolò Valandro aka Johnny Faina in collaborazione con Niccolò Castignoli.

È cominciata la terza settimana di quarantena per noi abitanti del Nord. Dalla finestra della mia camera, sotto la quale scrivo anche in questo momento, riesco a vedere il cortile interno su cui affacciano gli altri condomini ed è la prima volta che noto quante siano le persone affacciate ai balconi. Così tante non ne avevo mai viste da quando abito qui, nemmeno in estate, ed è questa per me la realizzazione che le strade a Milano sono vuote, e lo sono da oggi anche nel resto del nostro paese: le persone sono a casa e se devono uscire, escono al balcone per prendere un po’ d’aria. Io stessa faccio così o vado a fare due passi al parco dietro casa, o vado al supermercato a prendere il latte. Ogni tanto leggo le notizie, aggiorno la mia famiglia o chiedo ai miei amici di qua cosa stanno facendo, come stanno, e quando apprendo che anche loro sono a casa e stanno come me, mi rassereno, perché mi sento meno sola a condividere le mie ansie e le mie riflessioni riguardo questa situazione.

Si crea una vera e propria solidarietà tra chi vive le stesse giornate strane e vuote di queste settimane, e si sente la vicinanza di coloro che sono lontani e si preoccupano per te. Sembra che l’unico modo per sopravvivere a questo momento sia condividere le proprie paure e i propri pensieri con gli altri, come a creare una comunità di persone disposte ad ascoltare e a raccontare. Ed è, forse, proprio da questo presupposto che il 24 febbraio, dalle menti di Nicolò Valandro aka Johnny Faina in collaborazione con Niccolò Castignoli, nasce un progetto: Decameron, un podcast collaborativo che riunisce intorno alcuni temi le storie di chiunque voglia raccontarle.

Lunedì 24 febbraio 2020 un’ordinanza delle regioni Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna, invita tutti i cittadini a ridurre la socialità per evitare la diffusione del Coronavirus: teatri, cinema, pub ma anche scuole, tribunali e uffici resteranno chiusi fino a nuove disposizioni. Non c’è bisogno di aggiungere altre parole sulla psicosi che sta colpendo il Paese. Per questo siete invitati a prender parte a un esperimento: un podcast collettivo dove raccogliere giorno per giorno tutti quei racconti, quelle esperienze che vorremmo conservare all’apocalisse, reale o cognitiva che sia”.

Raccontare le nostre storie e ascoltare quelle degli altri per per farci compagnia in queste giornate solitarie. Un po’ per intrattenerci, un po’ per distrarci, un po’ per ricordarci che tutti condividiamo le stesse paure, le stesse angosce, la stessa tristezza e per capire che sta proprio nella condivisione la chiave per liberarci di tutto questo.

Decameron è un podcast collaborativo cui tutti possono partecipare. Le cose stanno così: ogni puntata avrà un tema e per ogni tema gli utenti potranno inviare la propria storia tramite un messaggio vocale su Telegram o WhatsappUn podcast collaborativo di 10 episodi, uno ogni quattro giorni, fino al termine della quarantena. 100 storie per salvare il mondo e per salvare noi stessi, per sentirci meno soli condividendo le nostre paure (Giornata 1: La volta in cui ho avuto più paura), le nostre avventure (Giornata 2: L’impresa più folle della mia vita), la nostra storia famigliare (Giornata 3: Così sono sopravvissuto alla mia famiglia).

Dal tema della “Giornata 3” www.facebook.com Dal tema della “Giornata 3”

Questi i primi tre temi delle prime tre puntate, dopo una “Giornata 0” dallo scopo di introdurre il progetto, a partire dal parallelismo con Boccaccio che scriveva il suo Decameron con l’intento di salvare la memoria del mondo com’era prima del contagio, ossia prima della terribile peste che colpì Firenze nel 1348. Un parallelismo inquietante, quello tra la Peste nera e il Coronavirus, ma efficace per tradurre il senso e il significato di questa operazione: “Il mondo sta finendo ma questo lo sapete già. Salviamolo una storia alla volta”.

Per partecipare con le vostre voci al progetto, iscrivetevi al canale Telegram qui: sul canale potrete conoscere il tema della giornata, seguire gli aggiornamenti e inviare un vocale della durata massima di 1 minuto (anche via Whatsapp) per raccontare la vostra storia. I messaggi resteranno chiaramente anonimi: a parlare saranno solo le vostre storie.

I podcast saranno disponibili su Spotify e su tutte le piattaforme di audio streaming. Maggiori informazioni anche sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram di Così parlò Johnny Faina o su johhnyfaina.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >