Buon compleanno Fausto Coppi, campione e papà di tutti gli hipster

Oggi è l’anniversario della nascita di Fausto Coppi, il campionissimo, un vero avventuriero, un protohipster

Sport
di Simone Stefanini facebook 15 settembre 2015 09:04
Buon compleanno Fausto Coppi, campione e papà di tutti gli hipster

Fausto Coppi Icon Roma.corriere.it - Fausto Coppi e Gino Bartali – © Carlo Martini

 

Fausto Coppi, del quale oggi ricorre l’anniversario di nascita, è nella memoria di tutti un eroe leggendario, un campionissimo. Anche in quella di chi, come me, ne ha sentito parlare solo dai nonni o dai documentari.

Qualche numero: ha vinto 5 volte il Giro d’Italia e due volte il Tour de France ma andava forte anche su pista, è stato Primatista dell’ora e Campione del Mondo di inseguimento. Tutto in 10 anni, tra il 1946 e il 1956, durante la ricostruzione del dopoguerra.

È il tour de France del 1952, due ciclisti stanno salendo l’Alpe d’Huez. Quello davanti ha la maglia gialla, quello dietro è un campione affermato. Carlo Martini, fotografo, riesce rubare uno scatto che entra nella leggenda, la foto in cui Fausto Coppi, davanti e Gino Bartali, dietro, si passano la borraccia e la foto diventa subito un simbolo, una di quelle immagini che oggi sarebbe definita virale.

 

Quella lasciata dal campione di ciclismo è un’influenza profonda su tutta la cultura pop, tanto che a molti anni dalla sua scomparsa se ne scorgono le tracce negli ambiti più disparati: dall’illustrazione, alla moda, all’iconografia in senso lato.

Una delle sue citazioni rimaste nell’immaginario collettivo che meglio spiegano il suo combattivo e appassionato rapporto con lo sport è quella ripresa anche da designer danese Andreas Engelbreckt che ha creato questo bellissimo poster motivazionale.

 

tumblr_mza7yxFx0j1qdw1kro1_1280 cadenced.tumblr.com “È un po’ come lottare con un gorilla. Non lasci quando sei stanco, lasci quando si stanca il gorilla”

 

C’è poi chi ha provato a costruire un’infografica a partire dalle sue vittorie, incrociandole con quelle di altri grandi campioni come Merckx e Indurain creandone anche un poster che potete acquistare.

tumblr_mz13ziRkuy1qdw1kro1_r1_1280 www.eleven.cc Infografica bella da vedere ma non proprio chiarissima…

 

Coppi volto da fumetto come in questa copertina della visita francese Tintin o nel fumetto di Davi Pascutti pubblicato dall’inglese BlueOnInk che potete vedere sfogliato qui di seguito

 

 

Rivedendo poi alcune sue pose sbruffone, il suo abbigliamento impeccabilmente vintage verrebbe da scherzare definendolo addirittura il papà dei tanti hipster metropolitani che oggi cercano di imitarne la disinvoltura al volante della propria bici.

 

tumblr_lz54plwbm11qbxnpgo1_500 bigringriding.com They see me rollin

 

A interessarsi di lui fu infine anche un premio nobel come Albert Camus che però fece un errore clamoroso, dopo la morte del Campionissimo disse: “Non conosco nulla di più stupido che morire in un incidente d’auto“. Già, peccato Coppi fosse morto di malaria. Destino crudele e beffardo solo due giorni dopo fu proprio Camus a perdere la vita in un incidente in automobile. Instant Karma.

 

Fausto Coppi Icon Espn.go.com - Fausto Coppi si riposa tra una tappa e l’altra del Tour de France

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)