Unicorni e dinosauri: le startup italiane che hanno fallito

Gli unicorni sono le startup che valgono più di un miliardo, i dinosauri quelle che si sono estinte prematuramente

Startup
di Fabrizio Martire 7 dicembre 2015 11:51
Unicorni e dinosauri: le startup italiane che hanno fallito

unicorni Behance

 

In questi giorni mi è capitato fra le mani un pezzo pubblicato su CBinsight dal titolo: “La classifica, per valutazione economica, dei 16 unicorni europei”. CBinsights chiama unicorni quelle aziende private, con valutazioni di almeno 1 miliardo di dollari. Dalla svedese Spotify, al primo posto con una quotazione di 8,5 miliardi, fino all’Inglese Shazam, al sedicesimo posto con un valore di 1 miliardo di dollari, è triste notare come nessuna di queste posizioni sia occupata da una startup italiana. Potremmo indagare su quali siano i fattori che non ci permettono di entrare in quella ristrettissima classifica per scoprire che molti sono di sistema, ad esempio: scarsità di investimenti (soli 118 milioni nel 2014), burocrazia, l’alta complessità di fare azienda in Italia e una scarsa diffusione di cultura digitale. Oppure, potremmo prendere in analisi ogni singolo caso italiano di successo e chiederci cosa manca a questi esempi per arrivare a 1 miliardo di valutazione, partendo dall’ebook di Startup Italia che mette in classifica le 100 migliori Startup del 2015. Anche questo tipo di approccio risulta davvero complesso, per carpire i vantaggi competitivi e i motivi di successo dovremmo considerare: team, scalabilità dell’idea, modelli di business e tanto altro.

Forse allora potremmo cambiare punto di osservazione e cercare tra i dinosauri, ovvero quelle startup estinte (o in via di estinzione). Potremmo chiederci cosa non ha sicuramente funzionato? In questo modo potremmo stilare una piccolissima, ma sicura, lista di “don’t”, cose da non fare. Ecco, quindi, la lista dei dinosauri Italiani di cui si è più parlato negli ultimi anni.

volunia-home-page

Volunia – Startup nata nel 2012 da un’idea dell’informatico Massimo Marchiori – per alcuni avrebbe dovuto essere il nuovo competitor di Google. Un nuovo, incredibile motore di ricerca basato sulle persone. Il lancio, circondato da un’aura di hype e attesa stratosferica, è collassato su se stesso quando in streaming, il mondo, ha visto i fondatori della piattaforma parlare dai banchi in legno di una polverosa aula universitaria. Il gruppo ha presentato qualche slide e un sistema dal gusto un po’ anni ’80. Alcuni mesi dopo il catastrofico lancio anche il fondatore di Volunia ha preso le distanze dal suo stesso prodotto, causa alcuni disaccordi interni al team.

 

istella-home-page

Istella – un altro motore di ricerca, questa volta presentato da Soru per Tiscali nel 2013. I vantaggi proposti dal motore sardo dovevano essere (o meglio, sono, dato che il sito è ancora online): la partecipazione degli utenti, la capacità di esplorare basi dati (riviste, libri, altro) anche italiane e una forte attenzione alla privacy dell’utente.

 

facesking Webnews - Il logo di Faceskin

Faceskin – Nel 2012 ci prova anche Claudio Cecchetto e grazie all’aiuto di alcuni vip (Max Pezzali e altri) lancia il suo social network, dall’improbabile posizionamento: “il social network di Claudio Cecchetto”. Di Faceskin oggi rimane solo qualche articolo online: pochi mesi dopo il lancio, infatti, è stato trasformato in Memoring, genericamente descritto come “internet saver”. Si tratta di un sito e di un software che permettono di archiviare pagine e siti.

 

quag-homepage Quag

Quag – un motore di ricerca, presentato nel 2013, che prometteva di metterci in connessione con altri utenti ogni volta che stavano effettuando ricerche simili. Una promessa non semplice da accettare per gli utenti. Oggi Quag sembra essere una piattaforma in vita, utilizzata da diverse persone ma con una forma più simile a prodotti come Ask o Quora.

 

applekiss-homepage

AppleKiss – Siamo stati alla presentazione e l’abbiamo anche testato. Se non lo conoscete, vi basti pensare che è il social network con i Like che si chiamano Kiss e che sono a forma di mela. Il social, lanciato con la benedizione di Francesco Facchinetti, ad oggi non ha elementi di differenziazione rispetto ad altri competitori più affermati.

 

h2mob

H2mob – una community verticale sugli utilizzatori di iPhone, listata anche su Crunchbase era riuscita a raccogliere 250.000 euro di investimenti,  una userbase di circa 250.000 unità, per poi scomparire nel nulla attorno al 2013. Tutta l’interessante storia di H2mob è raccontata da Startupover.

 

dinosauri-unicorni Imgur

 

Cosa abbiamo imparato? Cosa non dobbiamo fare? Quali sono i NO, i don’t, che ci dobbiamo assolutamente porre per evitare che un possibile unicorno diventi un probabile dinosauro? Io ne ho trovati 5:

1. No. Non ha senso creare tanta attenzione attorno a un servizio, facendo salire le aspettative alle stelle e poi, al lancio, disattendere i sogni del mercato e degli utenti. Vedi il caso Volunia.

2. No. Non ha senso replicare, o tentare di replicare, i successi di giganti come il motore di ricerca di Google (Volunia, Istella) o social network come Facebook (Faceskin, AppleKiss) senza avere dei reali valori differenzianti. Meglio inventarsi qualcosa di nuovo, o quanto meno cercare di verticalizzare su un determinato interesse o target.

3. No. Non ha senso rimanere, forzatamente, sulle proprie idee e non cambiare, anche di fronte all’evidenza di un pubblico che non c’è e/o che si comporta in un modo del tutto differente dalle nostre aspettative. Facebook, al lancio, serviva per trovare la migliore ragazza del college, oggi è un media, Myspace serviva a trovare amici, poi si è spostato sulla musica, Quag ha cambiato strada, da motore di ricerca a sistema di Domande e risposta.

4. No. Non servono necessariamente VIP o i testimonial per lanciare un servizio web Vedi Faceskin, AppleKiss oppure in America Tidal.

5. No. Non ha senso lanciare progetti iper-complessi, multi target e multi funzione. Meglio concentrarsi su un solo, unico, servizio. Meglio se non è offerto da nessun altro.

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)