CVTà Street Fest, il festival di street art adottato da un borgo molisano di 400 abitanti

Giovani e anziani si danno da fare per aiutare il festival di street art a Civitacampomarano

Street Art
di Raffaele Portofino 13 giugno 2017 17:10
CVTà Street Fest, il festival di street art adottato da un borgo molisano di 400 abitanti

Tutte le foto via My Modern Met

Le foto che vedete sono del CVTà Street Fest, un festival di arte urbana che ridisegna le mura e le abitazioni di Civitacampomarano, un borgo in provincia di Campobasso, in Molise.

Il paesaggio e gli scorci di questo piccolo paese son rimasti nella memoria di Alice Pasquini, la direttrice artistica del festival, che non appena l’ha visto per la prima volta, ha realizzato una serie di interventi pittorici sulle porte delle case disabitate e sulle mura.

 

© Alice Pasquini my modern met - © Alice Pasquini

 

Il problema del borgo infatti è proprio lo spopolamento, che ha lasciato un sacco di meravigliose abitazioni storiche chiuse, perché nessuno ci vive più. Oggi il paese conta quattrocento abitanti, che sono tutti coinvolti a vari livelli nella realizzazione del festival, che “adottano” gli artisti e i loro lavori, richiamando turisti, stampa e media locali e contribuendo a far rivivere il paesino.

 

 my modern met

 

L’ultima edizione, svolta i primi di giugno, ha visto la partecipazione degli artisti Bosoletti, Gola Hundun, Nespoon, Maria Pia Picozza, insieme alla musica di Dj Gruff, che ha fatto ballare i nonni di Civitacampomarano con un mix di dischi vintage, trovati nelle soffitte. A condire il tutto, è proprio il caso di dirlo, lo street food di Chef Rubio.

Per i turisti ci sono state addirittura delle visite guidate del paese e dei lavori di street art, in cui gli studenti delle scuole medie sono stati impegnati a fare da cicerone.

 

Resilienza © Francisco Bosoletti (negativo) my modern met - Resilienza © Francisco Bosoletti (negativo)

 

Nei quattro giorni di festival, 3500 persone hanno visitato il borgo. Un’iniziativa in cui il moderno e l’antico vanno di pari passo e contribuiscono al bene comune del paesino e dei suoi abitanti.

Pe tutte le informazioni, visitate il sito ufficiale.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)