Il nuovo apocalittico murales di Blu a Roma

La storia del pianeta Terra raccontata in un pezzo gigantesco, come sempre

Street Art
di Marco Villa facebook 2 novembre 2015 11:45
Il nuovo apocalittico murales di Blu a Roma

blu-murales-roma-street-art Il Messaggero

 

La superficie è un’intera facciata di un palazzo, come sempre. La città questa volta è Roma, per la precisione Casal de Pazzi. Dopo Rebibbia, è qui che Blu ha realizzato il suo nuovo pezzo di street art nell’ultimo weekend di ottobre.

Nel murales, si vede una spirale che racconta la storia della vita sulla Terra, dai primordi in cui gli esseri viventi si trovavano solo in acqua, passando per il successivo approdo sulla terraferma e poi seguendo tutto il percorso evolutivo delle varie specie, dinosauri compresi.

Tredici giri di spirale dedicati a tutti gli animali e poi l’arrivo dell’uomo, che inizia a muoversi accovacciato e poi riesce ad alzarsi in piedi: la corsa dell’uomo dura pochissimo, giusto un giro di spirale, perché nell’arco di appena duemila anni (il nulla in confronto alla storia della vita sul nostro pianeta) l’uomo ha portato la Terra sull’orlo della distruzione. O della disgregazione, stando a quanto disegnato da Blu.

Per realizzare la sua opera, lo street artist italiano si è calato con due funi lungo la facciata del palazzo e ha realizzato l’intero murales sospeso a mezz’aria.

 

12004021_940497826021305_2226955945487367878_n Facebook

 

12065766_940497876021300_6023367237599059908_n Facebook

 

12189537_940497822687972_6813263718409576069_n Facebook

 

11220934_940497816021306_5087845467374819806_n Facebook

 

12190020_939741359430285_5288150461726288074_n Facebook

COSA NE PENSI? (Sii gentile)