35 anni fa si è riunito il Breakfast Club

Quando cresci, il tuo cuore muore. Il 24 marzo del 1984, 5 ragazzi che più diversi non si può sono stati messi in punizione insieme, nel capolavoro di John Hughes

Per lei, preside, saremo sempre un atleta, una principessa, un criminale, un cervello e una svitata”. 

Sabato 24 marzo 1984, nella Shermer High School in Illinois, cinque ragazzi che più diversi non si può, si ritrovano a dover passare il sabato nella biblioteca della scuola per punizione. Il preside dà loro un tema da svolgere. Titolo “Chi sono io?”. È il soggetto di Breakfast Club, il capolavoro di John Hughes: un pomeriggio in cui tutte le sfaccettature della personalità di ognuno vengono fuori, tra isterismi, ribellioni, pianti, baci con la lingua e la scoperta di se stessi, delle proprie diversità che possono valere come pregi e risorse, ma quanto male fa ammetterlo. Un’esplosione di emozioni rimaste sopite per tutta l’adolescenza, che vengono fuori grazie al confronto forzato con coetanei diversi in tutto e per tutto da noi, proprio come succede nella vita vera.

A dirla tutta, questo film, la vita vera l’ha condizionata talmente a fondo che oggi, quando guardiamo un qualsiasi film/serie tv/reality in cui c’è la scena collettiva di riflessione e di scambio dei segreti, si parla del momento Breakfast Club. Ecco gli interpreti di questo film imperdibile, che guadagna valore ogni anno che passa:

Molly Ringwald

Attrice di culto dei teen movie anni ’80 e oggi star di Riverdale, Molly interpreta Claire Standish, “La principessa”, una ragazza ricca e sofisticata che si esprime con gentilezza e che, per questo, viene sulle prime bullizzata dai compagni di punizione, molto diversi da lei per estrazione sociale e popolarità. Bella in Rosa (per citare un altro film di John Hughes che la vede protagonista).

 

Anthony Michael Hall

Altro attore di culto degli anni ’80, specializzato nelle sue interpretazioni di personaggi puliti, timidi, studiosi e sempre molto attivo ancora oggi, in Breakfast Club interpreta Brian Johnson, il nerd del gruppo, rispettoso delle autorità e incredibilmente dispiaciuto per essere andato in punizione, visto quanto ci tiene alla sua media scolastica.

 

Emilio Estevez

Figlio di Charlie Sheen e fratello di Martin, ha recitato in un sacco di film di culto degli ’80 (St. Elmo’s Fire, I ragazzi della 56 stada, Brivido). In Breakfast Club interpreta Andrew Clark, lo stereotipo dell’atleta del liceo americano, che sente la pressione familiare perché deve riuscire sempre ad arrivare primo in tutto ciò che fa.

 

Ally Sheedy

Attrice di cinema (Wargames – Giochi di Guerra, Corto circuito) e teatro, in Breakfast Club interpreta Allison Reynolds, la svitata,  quella che sta sempre da sola e che non lega con nessuno, l’eterna esclusa, la darkettona sempre vestita di nero e trasandata, con problemi in famiglia e un dolore dentro che non si spegne mai.

 

Judd Nelson

Il suo ruolo più importante in carriera rimane quello del bullo John Bender in Breakast Club: il teppista con cui non vorresti mai avere a che fare a scuola, quello che diventa il capo di una gang e ti mette sotto, moralmente e fisicamente. Dentro, nasconde una sensibilità che non vuol far vedere a nessuno.

5 ragazzi, un’esperienza che non dimenticheranno mai e che li porterà a cambiare per sempre. Un film da vedere e rivedere, per aprirci agli altri e ricordare l’amara verità: “Quando cresci, il tuo cuore muore.”, da declamare rigorosamente sulle note di Don’t You Forget About Me dei Simple Minds. Un gioiello tra i tanti vetrini colorati nella cultura pop degli anni ’80.

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >