22 anni fa andava in onda la prima puntata di Friends, la serie tv che ha battuto la friendzone

Oggi è il compleanno della serie che ha fatto la storia della tv. E che ci manca un po’

Tv&Movie
di Simone Stefanini facebook 22 settembre 2016 09:15
22 anni fa andava in onda la prima puntata di Friends, la serie tv che ha battuto la friendzone

 wired

 

22 anni fa, negli Stati Uniti andava in onda il primo episodio di Friends. Detto così fa un po’ impressione, perché se eravate teenager a quel tempo, oggi siete qualcosa in più che adulti.

Vi ricordate il pilota della serie tv della NBC scritta da David Crane e Marta Kauffman? Quello in cui Ross comunica agli amici Joey, Chandler e Phoebe e alla sorella Monica che il suo matrimonio con Carol è fallito perché lei ha scoperto di essere lesbica, ma poi lui incontra Rachel, della quale era invaghito ai tempi del liceo, anche lei fuggita da un matrimonio e scoppia la prima scintilla? Ok. Qui sotto ci sono i primi dialoghi dei protagonisti e mentre li guardiamo ci vengono in mente due cose:

  1. quanto erano giovani
  2. quanto siamo invecchiati

Preparate i fazzoletti e godetevi la scena, che oggi potete rivedere su Netflix insieme a tute e 10 le stagioni.

 

 

Per la prima volta una serie tv mostrava tutti gli aspetti della convivenza con gli amici: gli amori, gli svacchi, le lunghe sedute sul divano di fronte alla tv col cibo del take away, le avventure tragicomiche, i successi e i fallimenti lavorativi dopo la scuola, con un realismo e un umorismo del tutto nuovi. Già la sigla, scritta dagli autori e da The Rembrandts era un piccolo gioiellino d’innovazione e di montaggio. Negli anni è stata declinata in tutte le salse, ha avuto molti omaggi e pure molte parodie. La versione senza musica qui sotto è molto divertente e al tempo stesso estraniante, ad esempio.

 

 

Ma è davvero poca cosa in confronto alla prossima, in cui i gerarchi nazisti sono ritratti in stile Friends, con la musica e le pose simpatiche. Il titolo, manco a dirlo, è R.E.I.C.H.

 

 

Anche se la preferita di molti è quella in cui Peter Griffin deve evadere da una prigione in cui è rinchiuso a caso e per farlo aspetta i 5 battiti di mani del pezzo dei Rembrandts per aprire spaccare un tubo con un sasso. Icona.

 

 

E vi abbiamo già fatto vedere l’ultimo omaggio, a dire il vero ben più inquietante degli scherzi qui sopra, in cui la sigla di Friends è stata reinterpretata dagli hipster che non ce la fanno proprio a staccarsi dai telefonini, nonostante vivano con i loro amici con i quali non parlano. Ecco perché ci manca Friends. Più che per le battute con le risate in studio, più che per i personaggi caratterizzati benissimo, più che per la trama, perché è un teletrasporto totale al momento in cui siamo cresciuti, in cui ci siamo staccati dai nostri genitori ed abbiamo iniziato a vivere la nostra vita. Poi va da sé, i ragazzini si innamoravano di Jennifer Aniston, si eccitavano con Courtney Cox e si facevano matte risate con Lisa Kudrow mentre le ragazzine, ehm, amavano la simpatia di David Schwimmer, Matt LeBlanc e Matthew Perry.

 

friends icon Fanpop - Il cast di Friends 20 anni dopo in un fan poster

 

Di Friends siamo sicuri sappiate tutto, ma magari queste curiosità vi sono sfuggite: in media servivano 5 ore per portare a termine un episodio, nella prima stagione ognuno dei sei personaggi principali prendeva 22.000 dollari per episodio, nell’ultima invece il cachet era arrivato a 1 milione di dollari per episodio. Lisa Kudrow aveva paura delle papere, Il personaggio di Ross è stato 29enne per tre anni di seguito, Ellen DeGeneres ha rifiutato il ruolo di Phoebe e quando la serie è finita, ogni membro del cast ha portato via un pezzo del marciapiede davanti al Central Perk come ricordo.

 

friends icon Tumblr - Il cast di Friends con le facce scambiate vince l’Internet

 

E poi parliamoci chiaro: Friends è stata la prima serie tv a sconfiggere la friendzone, a sfatare la regola aurea “mai fare sesso con la coinquilina“, a mostrare (oh my god) il matrimonio tra amici. Di conseguenza, a farci credere che sposarsi non sia quella cosa rigida, fredda e innaturale che abbiamo visto troppo spesso nei nostri genitori e che una storia d’amore non debba sottostare a nessuna regola, tranne quella dell’amore stesso. Ricordiamoci che era il 1994, Kurt Cobain si era sparato da pochi mesi e la nostra fiducia negli adulti non è che fosse proprio al top. Friends è stato l’ottimismo, il colore nel bianco e nero di un decennio difficile, che ha contribuito a spazzare via la depressione post anni 80 e che ha cambiato il costume dei giovani di tutto il mondo. Una società poteva essere anche basata sull’amicizia.

Vi pare poco?

 

friends icon  I love you.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)