Quelli che… ci riprovano

Tv&Movie
di Elisabetta Limone 1 dicembre 2014 16:16

photo

La pubblicità per i brand è da sempre un modo per autocelebrarsi, propinando ai telespettatori un’immagine di se stessi molto spesso poco credibile. Quanti di noi infatti possono vantare colazioni perfettamente truccate e senza tracce di sonno, partecipare tutti i giorni a feste strafighe e avere sempre parcheggiata sotto casa l’auto dei loro sogni?

Spesso, un po’ per invidia e un po’ per dispetto, il risultato è del tutto opposto a quello auspicato, e piuttosto che ottenere una call to act, i brand ottengono una call to laugh. Alcuni però stanno incominciando a individuare nell’ironia proprio una chiave di successo.

Cepu, la scuola telematica per la preparazione universitaria è stata per anni al centro di ogni tipo di satira, associata ad esempio all’ignoranza tipica dei calciatori. Il brand ha capito che proprio nella presa in giro risiedeva la chiave della sua conoscenza e del suo successo e ha così deciso di investire in un progetto pubblicitario innovativo e autoironico.

L’anno scorso infatti Cepu ha lanciato una web series, che raccontava le disavventure di due universitari Gianluca e Francesco che, come ci dice lo stesso titolo, erano fra quelli del “prossimo appello”.

Grazie ad una realizzazione autoironica e dissacrante e all’interattività con lo spettatore, che ad esempio ha la possibilità di scegliere il finale di ogni puntata, Cepu è riuscita a riscuotere un buon successo, decidendo di lanciare la seconda serie: Quelli che…ci riprovano:

I protagonisti restano sempre Gianluca e Francesco, che, alle prese con tutor, studio e la voglia di non prendersi mai sul serio, proveranno ad entrare nel mondo del lavoro.

Gli spettatori, oltre a seguire la serie, potranno partecipare attivamente attraverso la scelta dei finali e l’acquisizione di “biglietti virtuali” che potranno essere giocati per vincere uno dei 24 buoni Amazon da 120 euro in palio.

Sul sito maggiori informazioni sul concorso e i premi in palio.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)