Come vorremmo la nuova striscia quotidiana di Chi l’ha visto

Per i #chilhavisters l’estate è una stagione di durissima astinenza: ma vediamo come potrebbe essere la nuova stagione del programma…

TV
di Starfooker 18 luglio 2016 12:35
Come vorremmo la nuova striscia quotidiana di Chi l’ha visto

chilhavisto  Come facciamo senza di te?

 

E così ci risiamo. Anche questa estate, oltre al caldo, è arrivata la pausa estiva di Chi l’ha visto. Nonostante i risultati di audience durante gli Europei di calcio, nonostante i numerosi elogi di vero racconto del paese reale, implacabile come sempre è arrivata la stramaledetta pausa.

Noi, che non ne riusciamo  a fare a meno di Chi l’ha visto, ci adeguiamo, a fatica, ma ci adeguiamo. A limitare i danni da crisi di abbandono di noi chilavisters (ci chiamiamo così, embè?) per quattro settimane, fino al 3 agosto, è partito il consueto best of (ovvero Chi l’ha visto – Storie) a cura della redazione per fare il punto sui casi più seguiti o dagli intrecci più oscuri.

Qualche settimana fa però un annuncio ha acceso le nostre speranze: il neo direttore di Rai Tre Daria Bignardi ha annunciato che in un prossimo futuro ci sarà una striscia quotidiana di una ventina minuti all’ora di pranzo. Gaudeamus!

Già anni fa si era provata la soluzione della puntata bisettimanale, poi abbandonata, ma il rinnovato successo e il nuovo taglio narrativo sono riusciti a ricavare spazio nel palinsesto.

Mancando quindi nuovi casi di cui poter discutere, la nostra fantasia ci porta a fantasticare su come questo nuovo slot potrà essere impiegato, sfruttando i building blocks che già compongono il programma.

 

Nuove segnalazioni
Le segnalazioni saranno più frequenti, sfruttando non solo il sito e la frequentatissima pagina Facebook (in cui noi chilhavisters ci troviamo a spettegolare), ma rivolgendosi magari a un pubblico meno avvezzo alle nuove tecnologie e più legato ai vecchi media: forse basterà uscire di casa col cellulare scarico per trovare al ritorno la propria foto sulla bacheca del programma. Tornando seri, noi ben sappiamo quanto la prontezza della segnalazione si riveli decisiva, soprattutto quando le forze dell’ordine si dimostrino restie alla denuncia di scomparsa immediata. Utile soprattutto nei casi di scomparsa di minori dato che in Italia non esiste l’allerta AMBER.

 

 

Attualità
Ultimamente è prassi del nostro amato programma martellare sui casi più recenti, soprattutto quando su questi vi siano dei risvolti di cronaca nera, con interviste e approfondimenti anche quando di effettivi sviluppi nelle indagini e nelle indiscrezioni non ce ne sono o ce ne sono pochi, occupando poi tutta la prima parte della diretta del mercoledì spesso con infiniti spiegoni delle puntate precedenti. Avendo la possibilità di insistere ogni giorno sul caso caldo del momento l’inviato in loco avrà la possibilità di stare sul pezzo aggiornandoci minuto per minuto, giorno per giorno, starnuti sospetti degli indagati compresi.

Archivio storico
In caso di anniversari o nuovi sviluppi, viene recuperato e rimontato materiale d’archivio, sperando così di suscitare nuovo interesse: e che arrivi qualche telefonata risolutiva… o anche solo per ricordare agli inquirenti che i chilhavisters non demordono nella ricerca della verità. Una tipologia di servizio che permette di mettere in luce maggiormente le capacità giornalistiche della redazione rispetto all’empatia e alla prontezza della conduttrice, da risparmiare come bomber per il turno infrasettimanale del mercoledì. Magari risolveremo finalmente insieme il caso dello smemorato di Collegno?

 

 

L’angolo della poesia
Talvolta, quando il materiale caldo con cui imbastire la puntata latita o quando serve uno spiegone di un certo livello, viene schierato dalla panchina della redazione il fuoriclasse dello Zanichelli Gianloreto Carbone (e anche lui può vantare una buona schiera di fan Facebook, i Gianloretors), navigato cronista dalla fervida costruzione per immagini.

Qualsiasi saranno le scelte degli autori, noi ci saremo, chi davanti alla televisione, chi davanti al pc di nascosto al lavoro, chi aspettando l’indomani mattina per un fugace download dall’app Rai. E buona estate.

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)