Art
di Marco Villa 28 novembre 2014

Garbage Beauty, trasfomare gli oggetti abbandonati in opere d’arte

Scritte bellissime per dare un senso anche ai televisori abbandonati per strada

In molte città d’Italia siamo abituati a vedere discariche improvvisate in qualche angolo di semi-campagna. Televisori, elettrodomestici, fino a divani e altri oggetti ingombranti abbandonati senza cura in mezzo al nulla.

Quella di abbandonare a caso ciò che non serve più non è un’abitudine solo italiana, ma è diffusa anche in paesi lontanissimi come il Canada. Qui però qualcuno si è inventato il modo di trasformare oggetti mollati in giro in piccole opere d’arte, in grado di lanciare messaggi al prossimo.

Si tratta del progetto Garbage Beauty, partito da Montreal e basato su un concetto molto semplice: sfruttare la bellezza della calligrafia per provare a dare un nuovo senso allo schifo che troviamo nei prati o sui marciapiedi.

Vi lasciamo qui sotto alcune immagini, per vederne altre potete andare su Instagram, Facebook e sul sito ufficiale.

#reality #show In #wynwood with the homie Charles. #garbagebeauty #miami

Uma foto publicada por garbagebeauty (@garbagebeauty) a

#still #need to be #loved. #garbagebeauty #miami Uma foto publicada por garbagebeauty (@garbagebeauty) a

#Miami #garbagebeauty #calligraphy

Uma foto publicada por garbagebeauty (@garbagebeauty) a

#bye bye. #garbagebeauty #montreal. Shot by @fastfoodfred Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#step by step. #garbagebeauty #montreal

Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#keep it #wild. #garbagebeauty #montreal #streetart Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#garbage #channel #garbagebeauty #montreal

Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#RIP #Teddy Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#garbagebeauty la #mélodie du #bonheur.

Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

#Watch #behind #Montreal Una foto pubblicata da garbagebeauty (@garbagebeauty) in data:

CORRELATI >