Un tweet per dissetarti e uno per sfamarti

Geek
di Marta Blumi Tripodi 23 ottobre 2012 20:04
Un tweet per dissetarti e uno per sfamarti

Dai tempi degli uomini delle caverne ad oggi, i metodi per procacciarsi del cibo sono cambiati di molto. E sono destinati ad evolversi ulteriormente, a quanto pare. In Sudafrica, ad esempio, hanno cominciato ad installare distributori di bibite attivabili tramite Twitter. Se siete in zona (o meglio, se il distributore è in grado di geolocalizzarvi), riceverete un avviso sul vostro telefonino contenente un hashtag promozionale, tipo #BeviAranciataPincoPallina. Se lo retwittate, la sofisticatissima macchina in questione se ne accorgerà e sputerà fuori una lattina gratis per voi.

Se il sistema vi garba, esiste anche un simpatico distributore di dolcetti che utilizza lo stesso principio. UID Cookie Box, così si chiama, vi consegna il vostro pacchetto di biscotti solo se le inviate un tweet in cui glielo chiedete per favore. Ma è più intelligente della cugina addetta alle bibite, perché tiene traccia di tutti i tweet che riceve e se provate a inviargliene un altro per ricevere una seconda razione gratis, si rifiuta. Occhio a non farle arrabbiare, l’approvigionamento di viveri in futuro potrebbe dipendere da loro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)