Le 10 cose che succedono nella mente di un collezionista

I collezionisti sono pazzi: abbiamo fatto una lista per spiegarvi il perché

vbnuakls via

 

Nel fragile intelletto della generazione cresciuta intorno agli anni ’80 è instillato il gene del collezionismo. Ce lo infilano in testa da piccoli, con gli album di figurine impossibili da terminare, con i minerali e i francobolli, con gli album delle schede telefoniche, che oggi vengono venduti a peso d’oro nei mercatini dell’usato.

Poi uno diventa grande e si rende conto che ciò che possedeva da piccolo è diventato oggetto di collezionismo, peccato che lui, quelle cose lì, non le abbia più. Sono state buttate dalla mamma durante i vari traslochi o una volta finita l’adolescenza. E allora che succede? Il poveraccio è costretto a estenuanti aste su Ebay, sperando di potersi accaparrare ad un prezzo assurdamente alto qualcosa che una volta era stato suo.

Io ad esempio da qualche tempo sono diventato collezionista di Masters, vi ricordate? Le action figure con He Man e Skeletor, dalle quali è stato tratto un cartone animato gay friendly. Il motivo che mi ha spinto a tale odissea è il fatto che da bambino ero povero e ne avevo due o tre di quelli sfigati, mentre i miei amici ne avevano un arsenale e quando giocavamo a fare la battaglia, morivo dopo un secondo. Fortunatamente sono una persona vendicativa e oggi, se facessimo ancora una battaglia coi Masters vincerei io. Ora devo solo convincere dei quarantenni sull’opportunità di giocare coi Masters, ma questo è un dettaglio.

Tuttavia, io non sono un vero e proprio collezionista. Quelli veri sono pazzi e la loro mente è più contorta di quella dei serial killer. Andiamo ad analizzarla.

 

1) Sono persone che hanno perso la fede nel Signore

Gnome-collector-Ron-Broomfield via

Non pensiate che siano persone attaccate alla roba, alle cose, dei materialisti. Posso affermare con assoluta esattezza che il collezionista tipo sia una persona spirituale, che ha perduto la fede nel Signore e negli esseri umani, che ha bisogno di qualcosa per cui vivere. Per lui, la collezione non deve finire mai, perché ogni nuovo traguardo lo avvicina alla sua concezione di infinito. Per essa fa di tutto, come un devoto verso il proprio Dio.

 

2) Non leggono davvero i fumetti e non giocano davvero coi giocattoli

action-comics-1 via

Non diciamo eresie, non vorrete mica rovinarli? I fumetti al limite si scaricano in pdf e si leggono sul tablet, ma quelli da collezione devono essere blisterati, costretti nel cellofan, etichettati e riposti nel loro spazio, precisamente catalogati a seconda della data d’uscita. Per i giocattoli, poi, ancora peggio. Ci sono quelli che hanno tutti i masters possibili e immaginabili, ma non hanno mai aperto la collezione, così valgono di più. Che frustrazione totale.

 

3) Hanno una stanza blindatissima dedicata alla loro collezione

the_collector_s_room_by_a1photographe-d6o5gtr via

Neanche la loro cassaforte è blindata come la stanza della collezione. Ci entrano solo loro, moglie o marito sono persone non grate, perché una sola mossa incauta potrebbe far cadere un oggetto o corromperlo per sempre. Anche se nel resto della casa non c’è l’aria condizionata, nella stanza della collezione ci deve essere una temperatura costante, per evitare muffe o altre apocalissi.

 

4) Visitano città sconosciute solo per andare ai mercatini

article-1332023-0C2FC052000005DC-287_966x648 via

Le loro famiglie o i loro amici hanno fatto gite solamente in città in cui si svolgeva un mercatino dell’usato, o una fiera di settore. Impongono ai loro cari estenuanti turni di ore sotto ogni tipo di clima, con istruzioni precise e walkie talkie acceso, nel caso qualcuno trovasse l’oggetto della ricerca. Nel caso non si trovi niente di interessante, nel tragitto verso casa nessuno deve fiatare, perché hanno il sistema nervoso a pezzi.

 

5) Su Ebay seguono 400 aste alla volta

hellokittycollection-jdt via

Utilizzano ogni tipo di stratagemma per vincere le aste su Ebay e sugli altri siti di aste online. È valida anche la minaccia personale o il ricatto, basta portino a casa a casa il pezzo pregiato che manca nella loro collezione. Ne seguono tantissime alla volta, tengono d’occhio migliaia di oggetti, sanno a memoria i nickname dei venditori e di ognuno conoscono abitudini e comportamenti per quanto riguarda la spedizione e l’eventuale ribasso del prezzo.

 

6) Raccontano agli ospiti simpatici aneddoti sulla loro collezione, nel disinteresse più totale

r09_21882223 via

Le poche volte che incontrano qualche essere umano normale e scatta l’invito a cena, parlano per ore di dettagli insignificanti della loro collezione, tipo date, edizioni, divergenze tra due prodotti praticamente identici, aste e acquisti, mentre i loro ospiti preferirebbero provare le torture medievali piuttosto che stare altri minuti in quella terribile situazione. In ogni caso, i loro ospiti sono tenuti a guardare ma non toccare.

 

7) Seguono forum oscuri in cui parlano con i loro simili, ma senza incontrarli mai

carol-vaughn via

Sono dei segugi, degli stalker, riescono ad accedere al deep web alla ricerca di quei forum illegali in cui si parla solo ed esclusivamente di una tale collezione, con persone dai nickname di assassini o satanisti, che poi magari in real life sono delle simpatiche casalinghe di mezza età. Mai incontrarsi di persona. La collezione è come il fight club, ha le sue regole.

 

8) Il postino e il corriere sono i loro amici più cari

403331-barbie-dolls-barbie-doll-collector via

Quando suona la porta e dall’altro capo del citofono c’è il corriere o il postino con un pacco, scatta una felicità di quelle che nemmeno i pastorelli a Lourdes, quando è apparsa la Madonna. Poi con occhio pazzo, soppesare il pacco, aprirlo con strumenti di precisione chirurgica e tirare fuori l’oggetto del desiderio, per sottoporlo a minuziosa osservazione alla ricerca di imperfezioni. In caso negativo, lo stoccaggio nello scaffale o nella teca che aspettava solo lui.

 

9) Sono la disperazione dei loro figli

138044_or via

Spero siamo tutti d’accordo sul fatto che i collezionisti non dovrebbero procreare, per non far subire ai figli il triste destino di essere meno importanti degli oggetti del loro desiderio. I partner ormai ci sono abituati e non ci fanno nemmeno più caso, ma chi pensa ai bambini? Non lo capiranno mai perché la tale figurina o il tale soprammobile siano il filo su cui cammina il collezionista, equilibrista del cambio d’umore repentino. Spesso dicono ai figli “un giorno tutto questo sarà tuo” e questi ultimi non vedono l’ora che il pazzo tiri le cuoia per rivendere tutto il giorno stesso al miglior offerente.

 

10) Ma dove li trovano i soldi?

Joe Bussard, Frederick, MA.. Born July 11, 1936, has what believed to be the largest 78 RPM record collection in the world.Dust & Grooves is a photo and interview project documenting vinyl collectors in their most intimate environment: their record room. www.dustandgrooves.com (C) All Rights Reserved to Eilon Paz & Dust & Grooves via

La domanda è interessante e pertinente. Per ogni tipo di collezione bisogna spendere cifre folli, anche per quelle insospettabili. Dobbiamo dunque pensare che i collezionisti siano tutti ricchi? Non proprio, in realtà gran parte di loro non ha altro nella vita e dedica alla propria collezione ogni soldo guadagnato. Vi sembra una cosa miserabile? Loro sono felici, e questo basta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
13,76 €

Laconic Design LED Night Light

Item Type: Lighting Material: ABS Light Source: LED Luminous Flux: 20 LM (max) Current: 60-80 mA Voltage: 4.5 V , 3 x AAA Batteries Brightness: Max. 20 lumens Color Temperature: 3000K Operating Temperature: -10 to +40 degrees Celsius Sensing Distance: 3-5 m Size: 6.29 inch / 15.98 cm Features: No more searching around for a switch! This lamp will automatically turn on when motion is sensed and automatically turn off after a period of time. Features energy-efficient LEDs that deliver super-bright long-lasting illumination and with a daylight sensor installed the lights only activate in darkness saving the life of the battery! Package Includes: 1 x Night Light    
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
52,90 €

Kit da tavolo per trasformare lo smartphone in microscopio

Si chiama Blips Ultra Labkit, è un prodotto italiano e trasforma il tuo cellulare in un microscopio. Le lenti si applicano al cellulare velocemente con un adesivo. Il kit comprende anche delle lenti macro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >