Libri
di Sandro Giorello 17 Febbraio 2016

I grandi classici della letteratura analizzati in base alla punteggiatura

Cosa c’è di più nerd che leggere un libro evitando tutte le parole e concentrandosi sui segni di interpunzione?

puntaggiatura-mcarty medium.com/ - Una pagina di Cormac McCarthy

 

L’uso della punteggiatura è sempre personale. I più importanti scrittori hanno preso questo strumento e l’hanno piegato come volevano creando, così, uno stile riconoscibile. Uno, magari, non ci fa caso subito ma se avesse la possibilità di prendere una pagina di un libro, togliere tutte le parole e lasciare solo i segni di interpunzione, potrebbe rimanere davvero stupito.

 

punteggiatura medium.com - Meridiano di Sangue vs. Assalonne, Assalonne!

 

È una delle più grandi passioni di Adam J Calhoun, un vero nerd della punteggiatura che ha deciso di esaminare alcune pagine dei romanzi che più ha amato leggendone esclusivamente i punti, le virgole, i punti e virgola, ecc.

È stato ispirato da una serie di poster che applicavano questo particolare esercizio ai grandi titoli della letteratura classica, lui invece si è concentrato sul suo libro preferito, Assalonne, Assalonne! di William Faulkner, e l’ha confrontato con un altro dallo stile decisamente più lineare: Meridiano di sangue di Cormac McCarthy.

 

parole medium.com - Meridiano di Sangue vs. Assalonne, Assalonne!

 

Per Calhoun la punteggiatura di Faulkner dava alle frasi un senso selvaggio, assolutamente vitale e movimentato. Per farci capire ancora meglio, ha creato anche dei grafici che rappresentassero quali segni siano stati più utilizzati. In seguito ha applicato questo metodo a tanti altri titoli come Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen, l’Ulisse di Joyce, Frankenstein di Mary Shelley e molti altri ancora.

 

comulativo neuroecology.wordpress.com - Il confronto tra titoli e autori diversi

 

La sua più grande fissazione, poi, è il numero di parole contenute in ogni frase. Ha creato un’infografica anche per quello.

 

 

1-zwf6_uzjhk_XHr8C7eNqlw medium.com - Quante parole hanno usato in media per ogni frase?

 

Infine è addirittura riuscito a creare delle mappe dove ha assegnato a determinati segni un colore: i punti, i punti interrogativi e quelli esclamativi sono rappresentati dal rosso, i punto a capo e le citazioni sono verdi, le colonne o i paragrafi in blu. Qui sotto vedete il risultato.

 

 

Se volete scoprire come sarebbe il vostro libro preferito senza parole, qui trovate alcune righe di codice che vi permettono di farlo. Oppure potete sempre stampare uno dei poster creati Calhoun e appendervelo in casa, farete un figurone con tutti i vostri amici intellettuali.

 

FONTE |  boingboing.net

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
14,45 €

L'inverno d'Italia: Il fumetto di Davide Toffolo sui campi di concentramento italiani

Grazie a Coconino Press è uscita la nuova edizione di L’inverno d’Italia, il fumetto sulla vergognosa pagina della storia italiana: i campi d’internamento italiani in cui finirono migliaia di cittadini sloveni. Una storia poco conosciuta raccontata qui con le illustrazioni del bravissimo Davide Toffolo.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >