Twine: ascolta il mondo e parla ad internet

Must
di Giulio Pons facebook 26 marzo 2012 10:39
Twine: ascolta il mondo e parla ad internet

Ennesima incredibile storia di “impresa” da Kickstarter, il sito americano per il crowdfunding (raccogliere soldi per un progetto, pochi soldi ma da tante persone). David Carr e John Kestner sono due designer-ingegneri che si sono laureati al MIT e si sono inventati un congegno elettronico che hanno chiamato Twine e la cui caratteristica è essere pieno di sensori. Twine, che a vederlo sembra una saponetta, può misurare la temperatura, l’umidità, il movimento, la luce, i campi magnetici e altro ancora. La cosa interessante, poi, è che ogni Twine può essere configurato per fare delle azioni su Internet se i valori misurati superano certe soglie. Le azioni possono essere queste per il momento: tweetare, mandare sms, mandare email, eseguire chiamate http. Twine funziona con due pile classiche AAA e ha bisogno di una connessione wi-fi a cui collegarsi.

In sostanza è un oggetto che permettere di mettere in comunicazione il mondo reale con quello virtuale. Ecco alcuni esempi di utilizzo, per farvi capire le possibilità:

  • segnalare con un tweet se una porta viene aperta (si può fare un sistema di allarme combinando più twine)
  • segnalare se si è allagato il garage/cantina
  • segnalare se è il momento di innaffiare le piante
  • segnalare l’apertura di una finestra
  • mandarti un sms se la temperatura di una stanza suepra una certa soglia
  • segnalare se c’è vento appendendolo ad un albero
  • mandarti una email quando la lavatrice finisce la centrifuga
  • metterlo in frigorifero per segnalarti con un tweet quando non l’hai chiuso bene
  • etc. etc. (dipende dalla vostra fantasia)

Il loro sistema Twine+WebApp è piaciuto così  tanto che questi ragazzi che pensavano di fabbricare circa 200 Twine, avevano fissato il loro obiettivo di raccolta fondi a 35.000$, bhè, hanno ricevuto 556.541$! E così ora si trovano a dover mettere su una vera impresa e ad affrontare problemi di scalabilità, produzione e spedizione di pezzi in larga scala, quasi industriale. Nel loro blog ammettono anche di aver imparato molto dal dover produrre 6000 pezzi invece che 200.

La cosa veramente figa di Kickstarter è questa: da un’idea reale viene creata un’azienda vera, tramite una raccolta fondi che seleziona e che ti dice già se la tua idea può funzionare sul mercato.

Questo è il video con cui hanno presentato il loro progetto per raccogliere i fondi:

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)