Social Network
di Marco Villa 22 Settembre 2015

AppleKiss è il nuovo social network fondato in Italia. E non c’è niente da ridere

Con la benedizione del guru digitale brianzolo Francesco Facchinetti

MILANO - ITALIA - 22 Settembre 2015 - Presentato a Milano, con l'intervento di Francesco Facchinetti, il nuovo socialnetwork tutto italiano: Applekiss. ph. Francesco Bassini  Ph. Francesco Bassini – Francesco Facchinetti, con i responsabili di AppleKiss

 

“Il nome nasce da un sogno, mi sono immaginato mele che rotolano fuori da una cassa in cerca di libertà”. Le parole sono di Alfredo Ardenghi, imprenditore lecchese attivo nel settore del riciclo e recupero di elettrodomestici esausti e fondatore di AppleKiss, il nuovo social network lanciato a Milano con la benedizione del guru digitale brianzolo Francesco Facchinetti.

La prima domanda che viene a tutti è: ma veramente un progetto digital che contiene la parola “Apple” nel nome? Eh sì, il responsabile tecnico Francesco Cornaggia racconta che “abbiamo depositato il marchio e il logo, quindi siamo tranquilli. In fondo la mela è un oggetto: se non può essere usata, che la tolgano dal vocabolario”. “E poi la mela non è neanche morsicata!”, chiosa il moderatore della conferenza stampa. Ah beh, tutto a posto.

 

AppleKiss  Il logo DEPOSITATISSIMO di AppleKiss

 

Passando alla ciccia del discorso, potreste avere la sensazione che i social network esistenti coprano già tutte le possibili forme di espressione dell’umano ingegno, ma ovviamente quelli di AppleKiss la pensano in modo diverso. Secondo loro non solo c’è spazio per un nuovo attore, ma c’è addirittura un bisogno da soddisfare: il bisogno di raccontare storie senza limiti di spazio e senza che algoritmi e necessità di monetizzare vadano a bloccare creatività e possibilità di diffusione di un contenuto. “I 140 caratteri di Twitter limitano lo storytelling e su Facebook nessuno si mette a leggere post lunghi”, afferma la responsabile marketing Angela De Vincenziis.

Una sicurezza che sembra derivare da esperienze personali, più che da studi o ricerche, alimentando così una diffusa sensazione di approssimazione. La stessa approssimazione che porta i responsabili ad ammettere di non avere idea di come e quando potranno iniziare a guadagnare da questa impresa. Del resto, Ardenghi ha dichiarato di non avere nemmeno un profilo Facebook e di aver abbracciato lo storytelling perché ha sempre amato raccontare storie: “alle medie ero molto bravo nei temi di italiano”, dice. Lui è tipo il CEO, per intenderci.

 

 

Adesso però è il momento di entrare nel dettaglio: chiunque si iscriva a AppleKiss (è già attivo e ci sono anche le app iOS e Android), ha a disposizione un blog personale su cui può scrivere dei testi di lunghezza libera. I testi si chiamano “apple” e si può manifestare la propria gioia mandando dei “kiss” agli autori. Riassumendo: “Oh, hai visto che apple ha scritto Lorenzo? Aspetta che gli mando un kiss”.

La situazione, già surreale, raggiunge il top quando Facchinetti spiega di amare lo storytelling alla follia e di averlo sempre usato: “Anche La Canzone del Capitano era autobiografica, perché ho vissuto per anni con un tampone oculare e vedevo il mondo con un occhio solo, come Capitan Uncino”.

 

MILANO - ITALIA - 22 Settembre 2015 - Presentato a Milano, con l'intervento di Francesco Facchinetti, il nuovo socialnetwork tutto italiano: Applekiss. ph. Francesco Bassini  Intenso

 

E a quel punto tutti i puntini si uniscono a comporre la gigantesca scritta: MA CHE DAVERO? In oltre un’ora di conferenza stampa non si è mai riusciti a spiegare in modo concreto perché qualcuno dovrebbe mettersi a scrivere su AppleKiss e non su – per dirne uno – Medium. Soprattutto, non si è mai riusciti a dare l’idea di essere in grado di fornire agli utenti un’esperienza veramente diversa, visto che la più grande innovazione ruota intorno a una parola che viene data per morta da dieci anni: blog.

E dire che saremmo contentissimi di vedere un’idea bella e nuova arrivare da quel ramo del Lago di Como e non dalla California.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >