Social Network
di Marco Villa 22 Settembre 2015

AppleKiss è il nuovo social network fondato in Italia. E non c’è niente da ridere

Con la benedizione del guru digitale brianzolo Francesco Facchinetti

MILANO - ITALIA - 22 Settembre 2015 - Presentato a Milano, con l'intervento di Francesco Facchinetti, il nuovo socialnetwork tutto italiano: Applekiss. ph. Francesco Bassini  Ph. Francesco Bassini – Francesco Facchinetti, con i responsabili di AppleKiss

 

“Il nome nasce da un sogno, mi sono immaginato mele che rotolano fuori da una cassa in cerca di libertà”. Le parole sono di Alfredo Ardenghi, imprenditore lecchese attivo nel settore del riciclo e recupero di elettrodomestici esausti e fondatore di AppleKiss, il nuovo social network lanciato a Milano con la benedizione del guru digitale brianzolo Francesco Facchinetti.

La prima domanda che viene a tutti è: ma veramente un progetto digital che contiene la parola “Apple” nel nome? Eh sì, il responsabile tecnico Francesco Cornaggia racconta che “abbiamo depositato il marchio e il logo, quindi siamo tranquilli. In fondo la mela è un oggetto: se non può essere usata, che la tolgano dal vocabolario”. “E poi la mela non è neanche morsicata!”, chiosa il moderatore della conferenza stampa. Ah beh, tutto a posto.

 

AppleKiss  Il logo DEPOSITATISSIMO di AppleKiss

 

Passando alla ciccia del discorso, potreste avere la sensazione che i social network esistenti coprano già tutte le possibili forme di espressione dell’umano ingegno, ma ovviamente quelli di AppleKiss la pensano in modo diverso. Secondo loro non solo c’è spazio per un nuovo attore, ma c’è addirittura un bisogno da soddisfare: il bisogno di raccontare storie senza limiti di spazio e senza che algoritmi e necessità di monetizzare vadano a bloccare creatività e possibilità di diffusione di un contenuto. “I 140 caratteri di Twitter limitano lo storytelling e su Facebook nessuno si mette a leggere post lunghi”, afferma la responsabile marketing Angela De Vincenziis.

Una sicurezza che sembra derivare da esperienze personali, più che da studi o ricerche, alimentando così una diffusa sensazione di approssimazione. La stessa approssimazione che porta i responsabili ad ammettere di non avere idea di come e quando potranno iniziare a guadagnare da questa impresa. Del resto, Ardenghi ha dichiarato di non avere nemmeno un profilo Facebook e di aver abbracciato lo storytelling perché ha sempre amato raccontare storie: “alle medie ero molto bravo nei temi di italiano”, dice. Lui è tipo il CEO, per intenderci.

 

 

Adesso però è il momento di entrare nel dettaglio: chiunque si iscriva a AppleKiss (è già attivo e ci sono anche le app iOS e Android), ha a disposizione un blog personale su cui può scrivere dei testi di lunghezza libera. I testi si chiamano “apple” e si può manifestare la propria gioia mandando dei “kiss” agli autori. Riassumendo: “Oh, hai visto che apple ha scritto Lorenzo? Aspetta che gli mando un kiss”.

La situazione, già surreale, raggiunge il top quando Facchinetti spiega di amare lo storytelling alla follia e di averlo sempre usato: “Anche La Canzone del Capitano era autobiografica, perché ho vissuto per anni con un tampone oculare e vedevo il mondo con un occhio solo, come Capitan Uncino”.

 

MILANO - ITALIA - 22 Settembre 2015 - Presentato a Milano, con l'intervento di Francesco Facchinetti, il nuovo socialnetwork tutto italiano: Applekiss. ph. Francesco Bassini  Intenso

 

E a quel punto tutti i puntini si uniscono a comporre la gigantesca scritta: MA CHE DAVERO? In oltre un’ora di conferenza stampa non si è mai riusciti a spiegare in modo concreto perché qualcuno dovrebbe mettersi a scrivere su AppleKiss e non su – per dirne uno – Medium. Soprattutto, non si è mai riusciti a dare l’idea di essere in grado di fornire agli utenti un’esperienza veramente diversa, visto che la più grande innovazione ruota intorno a una parola che viene data per morta da dieci anni: blog.

E dire che saremmo contentissimi di vedere un’idea bella e nuova arrivare da quel ramo del Lago di Como e non dalla California.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >