Social Network
di Simone Stefanini 22 Settembre 2017

Cosa sono le Mamme Pancine e perché ne stanno parlando tutti

Abbiamo esplorato il mondo delle Mamme Pancine, in cui proliferano ossessione e ignoranza

Mamme pancine: non è il nome di qualche pupazzetto stile Mio Mini Pony, ma del nuovo caso al centro dei social italiani. Sotto questo nome si racchiudono tutte quelle donne fanatiche della maternità, che frequentano pagine Facebook tipo Pancine, Mamme & Bimbi (140.000 like), Mamme, pancine & tanto amore (più di 100.000 like), Mamme Pancine e Gioia (18.000 like), oppure tutto un sottobosco di gruppi segreti in cui condividere foto di pance, neonati, test di fertilità, abbigliamento premaman o post parto, tecniche alternative di concepimento e per parlare di allattamento, spesso trattato come fosse una gara.

Sono salite all’onore delle cronache nell’ultimo periodo, perché si sono schierate contro la pubblicità del Buondì Motta, rea di traumatizzare i bambini che secondo il loro punto di vista, non vedrebbero l’ironia in una clip in cui viene uccisa una mamma da un asteroide.

Le mamme pancine, spesso chiamate anche con sarcasmo nazi mamme, sui social si scambiano consigli medici fai-da-te, parlano tra di loro usando vezzeggiativi tipo appunto pancine, mammine, batuffole, amorini, caccia alla cicogna, lattosine, cuoriciotte, scrivono spesso in italiano grammaticalmente discutibile, si scambiano confidenze tipiche della Posta del Cuore di Cioè e sono talmente ossessionate da tutto ciò che riguarda la maternità che in molti pensano tra le pancine esistano anche dei profili appositamente troll. Adorano fare giochi tra di loro su chi indovina mese e sesso del nascituro, guardando solo la foto della pancia.

Un altro parere importantissimo, che viene decretato a son di like e commenti, è quello relativo all’altezza della pancia. Un argomento che non conosce momenti morti nelle pagine pancine.

Spesso, le mammine costruiscono artefatti di pessimo gusto oppure alimenti con placenta, o latte materno e altre diavolerie da film horror ambientato tra i redneck dell’Ohio. Sono talmente affezionate alla placenta che alcune vietano al medico di tagliarla dopo il parto e sono feticiste dell’allattamento al seno, che secondo il loro punto di vista dovrebbe durare finché il seno produce latte.

 

 

Il Signor Distruggere (vero nome Vincenzo Maisto), ha vinto il premio per il miglior articolo o post 2017 ai Macchianera Awards, parlando proprio delle mamme pancine. Nella sua pagina, che conta quasi 450.000 like, spesso posta screenshot provenienti dai gruppi di mamme, talmente surreali e grotteschi che sembrano scritti da troll professionisti e che invece nella maggior parte dei casi sono veri. Un esempio, questa lettera anonima di una signora che vorrebbe far cessare i tradimenti del marito ricorrendo a un altro figlio.

 

 

Per quanto incredibile possa sembrare, la lobby delle mamme pancine prolifera, tra superstizione, ignoranza e fanatismo cieco, che spesso le porta a giudicare le scelte delle molte donne che non vogliono avere figli, di quelle che abortiscono o semplicemente svezzano i loro figli quando mettono i primi denti.

Un attaccamento cieco al concepimento, a causa del quale non riescono a capire l’importanza del padre nell’educazione e nelle scelte relative al figlio. Una volta che il figlio diventa autosufficiente, il desiderio di maternità compulsiva si impossessa di nuovo di loro, perché sia chiaro che stiamo parlando di una forma di ossessione, una mania che dovranno tenere nascosta ai figli quando diventeranno grandi e si chiederanno perché non riescano a emanciparsi dalla mamma.

Oh mamma mia let me go!

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >