Society
di Simone Stefanini 20 Ottobre 2016

Ecco come l’obiezione di coscienza rende quasi impossibile l’aborto in alcune regioni d’Italia

In Molise, ad esempio, il 93,3% dei ginecologi è obiettore di coscienza e 21.000 donne all’anno devono andarsene da casa per abortire

il-corpo-e-mio abbattoimuri.wordpress.com

 

Un caso di cronaca riporta in primo piano la problematica legata ai medici obiettori di coscienza in Italia. Valentina Milluzzo, 32 anni, è morta ieri all’ospedale Cannizzaro di Catania dopo che la sua gravidanza gemellare è andata incontro a delle complicazioni, che hanno causato l’aborto spontaneo dei due feti: come riportato da Il Corriere della Sera, di fronte alla necessità di asportare i feti per salvare la madre, il medico ginecologo si sarebbe dichiarato obiettore di coscienza e avrebbe detto, a proposito del feto, “Fino a che è vivo non intervengo”.

La procura sta indagando per accertare eventuali responsabilità, quindi da questo punto di vista non è ancora possibile pronunciarsi in maniera definitiva. Quel che è certo, però, è che il professor Paolo Scollo, primario del reparto e presidente della Società Italiana di ostetricia e ginecologia, ha affermato che nel suo reparto i medici sono tutti obiettori e quando è il caso di far abortire, si devono chiamare specialisti esterni. Possibile?

 

campagna-pro-obiezione uccr - Una pubblicità dell’Unione Cristiani Cattolici Razionali

 

Possibile, visto che, come riporta un articolo de La Stampa, firmato da Valentina Arcovio, secondo una relazione del Ministero della Salute, nel nostro paese ben 7 ginecologi su 10 si rifiutano di effettuare interventi di aborto volontario per motivi etici. 7 su 10.

Non è tutto, in Italia 21.000 donne emigrano dalla loro regione per abortire, a causa dell’alto numero di obiettori di coscienza. Nel Molise il 93,3% dei ginecologi fa obiezione di coscienza, il 92,9% nella Provincia Autonoma di Bolzano, il 90.2% in Basilicata, l’87,6% in Sicilia, l’86,1% in Puglia, l’81,8% in Campania, l’80,7% nel Lazio e in Abruzzo. La percentuale è alta anche al nord. In Lombardia arriviamo al 63,60% e in Piemonte al 67,40%. Fortunatamente ci sono anche regioni con percentuali più basse, come il 51,80 dell’Emilia Romagna o il 56% della Toscana, come mostrato da questa mappa realizzata sempre da La Stampa.

Il Consiglio d’Europa, nell’aprile di quest’anno ha condannato l’Italia per le difficoltà che le donne incontrano nel far ricorso alla legge 194 sull’interruzione di gravidanza. Nelle regioni col maggior numero di obiettori, i pochi medici non obiettori sono costretti a lavorare senza sosta e a fare solo quel tipo di intervento. Secondo questi dati, in Molise un medico non obiettore deve compiere circa 250 interventi l’anno.

Viene spontaneo chiedersi come funzionano le cose in Europa: in Francia tutti gli ospedali pubblici hanno l’obbligo di dare il servizio d’interruzione di gravidanza, in Inghilterra solo il 10% dei medici è obiettore, in Svezia il diritto di obiezione di coscienza non esiste proprio.

Sapete cosa succede agli specializzandi svedesi che non se la sentano eticamente di praticare un aborto? Semplice: vengono indirizzati verso altre specializzazioni.

p33 associazioneculturalekatyn

 

In Italia, l’interruzione di gravidanza è stata consentita e regolamentata per legge nel 1978. Prima di quella data costituiva reato penale con reclusione da due a cinque anni sia del medico, sia della donna che aveva abortito.

È anacronistico e assolutamente criminale che la lotta di secoli per un diritto civile venga vanificata da un’applicazione sregolata del diritto all’obiezione di coscienza  e che nel 2016, in caso di bisogno, un medico possa scegliere di non intervenire per andare incontro alla propria morale o alla propria religione.

Gli ospedali hanno bisogno di medici, non di preti e di certo, una persona non può morire per il rifiuto di un medico.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >