Society
di Simone Stefanini 17 Aprile 2015

David Hasselhoff cavalca dinosauri e uccide i nazisti nel nuovo delirante video tutto anni 80

Il video musicale più bello che abbiate mai visto. Punto.

Fermi tutti, abbiamo un vincitore. David Hasselhoff, protagonista negli anni 80 di “Supercar” e negli anni 90 di “Baywatch”, la retromania la conosce benone. Amato dalle donne ed invidiato dagli uomini proprio per aver incarnato l’eroe degli anni ruggenti della nostra infanzia. Non tutti sanno che oltre ad essere un indiscusso manzo pieno di Botox è anche un pregevole cantante, di cui in tempi non sospetti avevo fatto una playlist ad uso e consumo dei pagani.

Ma David è riuscito a stupire tutti con un “True Survivor”, pezzo con un video talmente over the top da diventare un classico istantaneo. Ha messo dentro tutti i cliché del film d’azione anni 80: auto figa, nemici selvaggi, nazisti a caso, il nerd che sa andare al computer, l’alter ego che sembra Karate Kid, i dinosauri perché andavano un casino, l’amicizia omo-macho. Un mix tra il revival estetico di “Drive” e le trovate spettacolari di serie C di “Sharknado”. Manca solo la tipa da limonare alla fine, ma Hoff era troppo impegnato a salvare il mondo, che volete oh?

La base del video sfrutta le scene del film Kung Fury (2013), che è già di suo uno spettacolo di trash, figuratevi con il buon Hoff montato in tutte le scene.

La canzone, chiaramente,  è stupenda, synth e arpeggiatori a pioggia su una drum machine piena di fill atomici. Quella che ti aspetti di ascoltare  mentre scali una montagna vestito come Rocky o mentre vinci una gara di ballo che sembra una guerra. Assolo compreso.

David è il garante della legalità. Il Di Pietro americano:

Schermata 2015-04-17 alle 11.27.21

Ma questo Di Pietro lo sa fare? Non penso proprio. Hoff > 1992.

Schermata 2015-04-17 alle 11.27.45

Di macchine se ne intende, anche di luci particolarmente omo. Benvenuti nel 1985.

Schermata 2015-04-17 alle 11.28.13

Hoff si è fatto crescere il mullet della festa, quello che agitandolo feconda le donne anche a km di distanza

Schermata 2015-04-17 alle 11.28.29

le quali però sembrano ormai a loro agio in un mondo post-atomico, vestite come regine vichinghe tenendo al guinzaglio cani radioattivi

Schermata 2015-04-17 alle 11.28.49

I loro uomini? Dei della morte, teppe pericolosissime. Hoff da solo non può farcela.

Schermata 2015-04-17 alle 11.29.25

Dio bòno, esclama Hoff, il mondo sembra proprio andare a puttane. Di chi sarà la colpa?

Schermata 2015-04-17 alle 11.30.01

Già, di Hitler.

Schermata 2015-04-17 alle 11.30.14

Allora Hoff crea un alter ego e lo manda ad uccidere tutti i cattivi in sua vece, nazisti compresi.

Schermata 2015-04-17 alle 11.30.35

Il tutto tramite il suo hacker di fiducia, un ragazzo tutto computer e onanismo

Schermata 2015-04-17 alle 12.14.46

Hoff canta e Karate Kid cerca le sue prede nella notte, in una sequenza che fa uscire il sangue dal naso

Schermata 2015-04-17 alle 11.31.09

Egli conosce le mosse assassine e mediante un sistema di telepatia computerizzata riesce ad instillarle nel ragazzo

Schermata 2015-04-17 alle 11.31.23

solo che di computer non ci capisce una sega e allora invece di farlo tornare indietro negli anni ’40 per ammazzare i nazi

Schermata 2015-04-17 alle 11.32.59

torna nella preistoria e si porta dietro un T-Rex. Che figo assoluto, quanto vorrei essere lui. Ma bando alle ciance:

Schermata 2015-04-17 alle 11.33.15

Il suo alter ego tramite mosse prese da Street Fighter uccide i nazisti

Schermata 2015-04-17 alle 11.33.51

e i due possono finalmente godersi la pace nel mondo a cavallo del loro nuovo amico, in un finale meglio di Titanic.

Schermata 2015-04-17 alle 11.35.34

 

Ok, ora che vi abbiamo spoilerato ben bene, guardatevi l’enorme video di “True Survivor”:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >