Society
di Eva Cabras 8 Marzo 2019

La bellezza distruggerà il mondo

La bellezza non è più un metro di giudizio accettabile

Per diversi giorni, subito dopo la cerimonia degli Oscar 2019, la stampa e i lettori di mezzo mondo hanno speculato sulla presunta relazione tra Lady Gaga e il co-protagonista in A Star is Born Bradley Cooper. Più che sulla relazione in sé, la pubblica gogna si è concentrata sul conseguente cat fight tra Germanotta e l’attuale compagna di Cooper, Irina Shayk, super modella di fama cosmica. Bradley è sparito alla svelta dall’equazione, e al centro del dibattito sono rimaste le donne, esposte in vetrina perché chiunque avesse modo di commentare su quale delle due fosse più degna di accaparrarsi l’uomo, basandosi essenzialmente sul loro aspetto. Si sono formati due schieramenti: quello del “Irina è più gnocca, figurati se è vero” e quello del “Gaga è meno gnocca, ma pur sempre gnocca”. Non ho controllato, ma giurerei che praticamente ogni singolo commento sulla vicenda contenesse un qualche riferimento all’aspetto fisico delle due. È sul terreno della bellezza che si è combattuta l’intera battaglia, non è la prima e nemmeno l’ultima volta, ma potrebbe finalmente averci spinto a considerare la possibilità che questa storia della bellezza ci sia davvero sfuggita di mano.

Per decenni abbiamo pensato che il problema con l’industria dell’apparenza fosse lo standard. Oscillando continuamente secondo il gusto e la moda del momento, l’omologazione del concetto di bellezza ha costruito un impero sulla vergogna, sul bisogno di sentirsi inclusi, rappresentati, amati, sull’odio verso i propri difetti, sul sacrificio e sulla competizione, soprattutto tra donne. Perché se due donne si scontrano, si battono a colpi di bellezza. Quando si insulta una donna, lo si fa attaccando il suo aspetto fisico, speculando sulla sua vita sessuale o con una combinazione delle due. Abbiamo pensato che l’ingiustizia fosse nel volerci tutte e tutti belli allo stesso modo, ma non abbiamo considerato se non marginalmente che il problema fosse nel volerci tutte e tutti belli.

Nel 2004, Dove fa la storia della pubblicità con la campagna Real Beauty, una serie di spot, cartelloni e iniziative a favore dell’inclusione di corpi non conformi e di donne vere nell’immaginario dei prodotti per la cura della persona. Già con il suo nome, la campagna Dove ha indicato il punto debole del suo approccio, lo stesso punto debole che tornerà spesso a invalidare anche le istanze del movimento Body Positive, soprattutto dopo l’incremento di visibilità avuto con i social network. Nata come necessità umana, sociale e politica di accettazione del proprio corpo, la body positivity è finita più volte a convalidare la stessa relazione tossica con l’aspetto fisico che avrebbe dovuto abbattere. Invece di affermare che ogni corpo ha diritto di esistere nella conformazione che più ritiene naturale, si afferma che ogni corpo è bello in qualsiasi conformazione assume. La bellezza rimane il termine di paragone con cui si giudica un corpo, perché quello sulle qualità estetiche di una persona è un giudizio, non è un parere, non è un’opinione o un consiglio, è una recensione.

Citando la stand up comedian Hannah Gatsby, “non avrei mai pensato che i miei studi in storia dell’arte mi sarebbero stati utili un giorno”, ma ci siamo. L’abolizione della bellezza come unità di misura per la percezione di un essere umano c’è già stata, più o meno un secolo fa. All’inizio del ‘900, le avanguardie storiche dell’arte visiva, soprattutto in pittura, erano stufe di rappresentare uomini e donne seguendo i limiti imposti dal gusto estetico dell’epoca. Erano stufi di mantenere le proporzioni, la grazia della figura umana, la delicatezza dei lineamenti e l’egemonia della piacevolezza. I corpi dei pittori espressionisti erano un riflesso di interiorità, quindi non necessariamente belli. Artisti come Edvard Munch, Egon Schiele, Oskar Kokoschka e Amedeo Modigliani avevano già tentato di salvarci dalla bellezza, di restituirci un’identità che fosse indipendente dalla confermazione della nostra faccia o del nostro corpo. Ironicamente, alcuni degli strumenti tecnologici che sembravano dover aprire l’Espressionismo al nazionalpopolare furono la causa della sua morte. La fotografia e il cinema si trasformarono alla svelta da supporti artistici a fenomeni commerciali e tornarono con entusiasmo alla celebrazione della bellezza come perno dell’esistenza. L’autoaffermazione vende meno del senso di inadeguatezza.

Naturalmente, la responsabilità di questo ritorno all’ossessione estetica non è né del cinema né della fotografia, ma neanche dell’industria della moda, come spesso si è erroneamente sostenuto. La responsabilità, come sempre, è nostra, degli esseri umani che il cinema, la fotografia e la moda li hanno inventati. A inizio ‘900, oltretutto, coloro che potevano permettersi di ribaltare un intero sistema di giudizio estetico erano essenzialmente uomini. Dopo un secolo, il panorama della lotta si è decisamente modificato e vede in prima fila, finalmente, le donne che sono il target primario della schiavitù della bellezza. Il problema è che sembra ancora sfuggire a tutti il nocciolo della questione: siamo obbligati a essere belli, in qualche modo. Possiamo avere varie forme, colori, consistenze, ma dobbiamo essere belli. Non possiamo permetterci di essere mediocri o non attraenti. Tutti i neonati sono belli, le donne grasse devono avere un bel viso, le donne anziane possono ancora essere piacenti. Sono cose che ripetiamo e ci vengono ripetute da tutta la vita, quindi abbiamo finito per crederci. Chiedere di ridefinire il concetto di bellezza è un cerotto che mettiamo su una ferita profonda. Chiedere di ridimensionare il peso della bellezza nella nostra vita potrebbe risparmiarci un sacco di scocciature. Almeno verremo insultate soltanto in base alle nostre abitudini sessuali.

Art © Egon Schiele

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >