Society
di Simone Stefanini 5 Luglio 2017

Quindicenne stuprata dal branco, il sindaco la definisce una bambinata, poi si scusa e fa anche peggio

Quando la pezza è quasi peggio del danno, e parliamo di un danno di quelli che non è possibile dimenticare

– Si sono pentiti secondo lei?
– Forse sì. Forse.

 

Michele Palummo è il 73enne sindaco di Pimonte, paesino in provincia di Napoli, in cui un anno fa si è consumato uno stupro di gruppo ai danni di una ragazzina tedesca di 15 anni, che si era trasferita lì con la famiglia.

Di gruppo significa, giusto per mettere i puntini sulle i, che la ragazzina è stata violentata ripetutamente da 12 persone minorenni, che hanno abusato di lei e poi l’hanno minacciata di mostrare a tutti i video che avevano registrato nel bosco. Il crimine è accaduto un anno fa e a marzo di quest’anno faceva riflettere la notizia che i ragazzi fossero già in libertà.

La notizia però è tornata fortemente alla ribalta dopo che le parole del sindaco durante una puntata di L’aria che tira sono rimbalzate sui media. Nella videointervista, Palummo dice che lo stupro è stata una bambinata, che ormai è passata, che sono tutti minorenni e cosa ci si vuole aspettare?

Parole che fanno venire i brividi e che sono state accolte con ondate di sdegno social, a cui il sindaco ha dovuto rispondere scusandosi, con queste esatte parole:  “Ho 73 anni, sono padre e nonno di tre nipoti, ma soprattutto sono stato insegnante per ben 40 anni e la mia vita sono una chiara ed evidente testimonianza dei valori in cui credo e per i quali ho vissuto e continuo a vivere. Intendo, inoltre, ribadire che Pimonte è un paese pulito, sano, fatto di persone perbene, di onesti lavoratori”.

Bene, paradossalmente ci sono più orrori nelle scuse che nell’onestà della posizione maschilista e retrograda che aveva espresso in tv. Analizzando le scuse, scritte probabilmente da un ghostwriter sottilmente progressista, viene fuori tutta l’italianità che fa schifo: l’essere padre e nonno come fosse una qualche virtù, l’essere insegnante da 40 anni quindi brav’uomo a prescindere, parlare di valori dopo aver declassato uno stupro e, alla fine, dipingere il proprio paese come un posto da cartolina.

 

 

Se sono cresciute generazioni di genitori che reputano uno stupro di gruppo come una cosa da bambini, se in paese sono tanti quelli che pensano che la ragazza se la sia cercata, se i ragazzi non sono stati educati a distinguere tra il sentimento, il gioco e la violenza, il crimine, lo stupro, caro sindaco, la sua posizione di professore fa diventare ancora più grave il suo minimizzare e giustificare questo atto infame e del silenzio dei suoi cittadini.

Un signore come lei che pensi sia giusto andare in tv a parlare con questi toni di uno stupro commesso da un branco di 12 persone, un atto terribile che, oltre ad aver devastato la psicologia di una ragazzina, ha di fatto obbligato lei e la sua famiglia ad andare via dall’Italia per ritrovare la serenità, ecco quel signore in un paese civile non dovrebbe essere in grado neanche di rappresentare se stesso, figurarsi un’intera cittadina.

Le ragazze che avessero subito violenze fisiche e psicologiche possono rivolgersi, oltre che alle Forze dell’Ordine, anche al Telefono Rosa. La denuncia, insieme a leggi più severe per i colpevoli, è l’unico modo per debellare la mentalità criminale, quella che ancora oggi reputa la violenza sessuale un gioco da ragazzi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >