Society
di Gabriele Ferraresi 4 Luglio 2016

Cosa succede a non bere alcolici per un mese

Ti svegli meglio, di sicuro fai del bene al tuo corpo, risparmi denaro: ma il grosso del cambiamento arriva dopo…

un mese senza bere  Challenge accepted!

 

Cosa ci volete fare, mi piacciono le scommesse: dopo la settimana da vegano, un commento del nostro Marco Villa su Facebook mi ha spinto nella direzione di qualcosa che ritenevo impensabile, almeno da quando ho superato i 18 anni: passare un mese senza bere alcolici.

Niente birra, niente vino, niente spritz, niente cocktail, niente di niente. Mi sono così dato alla sobrietà totale per quattro settimane, e ora che sono passate posso dirvi con certezza quella che è la mia verità: si sta meglio senza bere ma il grosso del cambiamento è stato il “dopo”. Non solo stai meglio, ma non ti piace più bere.

Cosa dovrebbe cambiare nel corpo umano con un mese senza bere alcolici? Molto, e ovviamente tutto in positivo: in UK il “dry january”, il gennaio a secco, è un’iniziativa popolare da anni: dopo gli stravizi delle feste ci si mette a stecchetto per un mese, e per tutto gennaio non si tocca nulla, e se volete un riassunto dei benefici, l’hanno fatto loro.

 

un mese senza bere I numeri del vino

 

Qualche dettaglio prima di partire: ho 33 anni, sono alto circa 1.80, peso 82.5 kg, bevo in sostanza di tutto dai tempi della fine del liceo, e con il passare degli anni la mia predilezione è passata dalla birra, a, diciamo negli ultimi dieci anni, il vino, con una preferenza per i bianchi secchi e le bollicine. Non mi piace il vino rosso, né d’estate né d’inverno, mentre adoro chiudere la giornata bevendomi uno spritz – rigorosamente col Campari – oppure se c’è bisogno di qualcosa in più non ho dubbi, e all’aperitivo bevo un Negroni. Nei weekend ne bevo sicuramente almeno un paio.

A cena a casa non manca mai il vino bianco, che consumo con la mia ragazza: quella bottiglia almeno negli ultimi anni finiva sempre tra la preparazione della cena e il pasto. Del resto se cucini poi il vino lo usi anche per sfumare… o almeno questa è la scusa che ci raccontiamo.

Bene: per cui possiamo dire che ogni giorno, diciamo almeno negli ultimi sette/otto anni, ho bevuto sempre, sempre, sempre un alcolico di qualche tipo, tutti i giorni dell’anno, nessuno escluso. Non ricordo periodi di stop maggiori al giorno, o ai due giorni, non ce n’era motivo.

 

un mese senza bere I numeri del vino

 

Anche per questo motivo, pensavo che sarebbe stato complicato smettere di bere: era un’abitudine consolidata, conviviale, mi piaceva abbinare il vino a quel che mangiavo a cena, mi piaceva passare al pub sotto casa a fare due chiacchiere e a bermi uno spritz prima di salire a casa, invece nulla: è stato semplicissimo.

Non è servita una granitica forza di volontà, da quel punto di vista è stato semplicissimo. Per cui se ce l’ho fatta io, potete farcela anche voi. Mi sono detto che non l’avrei fatto per un mese, non l’ho fatto per un mese, di punto in bianco, così: ma vediamo i lati positivi.

Il primo vantaggio che ho notato in questo mese senza bere l’ho scoperto già nei primi giorni, è qualcosa che chiamerò tempo di concentrazione. È quel tempo che non perdi cazzeggiando quando stai bevendo qualcosa con qualcuno, a casa o al pub sotto casa dove fai l’aperitivo. Sei più attivo, hai voglia di “fare cose”, e quel tempo poi lo puoi utilizzare come preferisci, ma resta un dato finale: è tutto tempo guadagnato, non saprei quantificarlo, ma è un sacco di tempo guadagnato in un mese. E il tempo si dice spesso che sia la cosa più preziosa che possediamo.

 

un mese senza bere I numeri del vino

 

È un piccolo capitale di ore e ore che ho investito soprattutto leggendo, e in questo mese ho letto moltissimo: anche perché si va a letto – e si dorme – decisamente meglio, al mattino ci si sveglia meno “impastati”.

Di certo ci ho guadagnato in termini di salute, in un mese senza bere di certo il mio fegato starà meglio: ma servirebbero delle analisi per dimostrarlo. Non ho perso peso, né mi sono sgonfiato particolarmente, da quel punto di vista mi sarei aspettato qualcosa di più. Ma andiamo a raccontare un altro vantaggio di un mese senza alcolici: il versante economico di un mese senza bere. Ho risparmiato molto, diciamo almeno un 50 euro a settimana? È una stima, e non è proprio pochissimo, anzi: tra vino che avrei sicuramente acquistato al supermercato e spritz, cocktail, e similia bevuti in giro.

Domanda classica: ma come facevi a uscire la sera? Ti annoiavi? Ma come hai fatto che c’erano le partite, pensa che bella una birrina durante la partita… Macché! Sono uscito spesso con amici e amiche esattamente come al solito: bevendomi delle gran acque gasate, e si può fare, non cambia nulla. L’unico momento in cui era un po’ fastidiosa la privazione di una bella bottiglia di prosecco, era il weekend: ero lì, a cucinare, e pensavo “Quanto ci starebbe bene…” invece niente, ma di nuovo, si vive tranquillamente senza. Ci pensi un attimo, poi pensi ad altro, e ti rimetti a far andare il soffritto.

 

un mese senza bere I numeri del vino

 

Quello che mi ha sconvolto però è stato altro: il giorno in cui ho concluso le quattro settimane del mio mese senza bere ho deciso di festeggiare, ovviamente andando a fare un aperitivo. Sorpresa: non ero più abituato, ma non tanto per quel che riguarda la tolleranza a un cocktail – non ero completamente ubriaco al primo sorso, anzi – quanto per il sapore del cocktail, che mi faceva onestamente schifo, esattamente come non mi è piaciuto bicchiere di prosecco che ho bevuto qualche ora dopo.

Non mi piaceva più, e chissà se tornerà a piacermi: bilancio positivo quindi, anche se “nel mentre” fai fatica ad accorgertene. Quando poi però fai mente locale metti in fila una serie di lati positivi bella lunga, molto più di quanto mi aspettassi. Provateci anche voi: si sta meglio, che sia un mese senza bere, o di più.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >