Viaggi
di Edoardo De Martinis 20 Ottobre 2017

Lago d’Averno, l’antica porta degli inferi a un’ora di auto da Napoli

Mitologia vuole che il Lago D’Averno, a pochi minuti da Napoli, fosse l’ingresso dal quale Enea discese agli Inferi

Mitologia vuole che il Lago D'Averno, a pochi minuti da Napoli, fosse l'ingresso dal quale Enea discese agli Inferi  Foto di Andrea Francesco Gaudino via Flickr

 

L’ingresso dell’Inferno e un luogo “fatato”. Sembra un ossimoro, ma stiamo parlando di un luogo reale. Il Lago d’Averno è un lago di origine vulcanica che si sviluppa nelle vicinanze di Pozzuoli, in provincia di Napoli. All’apparenza sembra essere una semplice distesa d’acqua dolce, e in effetti è innegabile che sia così. Ma in sé nasconde qualcosa di più, una mitologia che parte dalla celebre Eneide latina di Virgilio. Leggenda vuole che il Lago d’Averno fosse l’ingresso agli Inferi, dal quale Enea entrò per la sua discesa nel regno dei morti.

 

 

Un’altra storia legata al lago è quella della Fata Morgana, un personaggio legato alla mitologia celtica. Un marchese ottocentesco, tale Giuseppe Ruffo, raccontò d’aver avuto una apparizione/sparizione, quando il Lago sembrò incredibilmente scomparire dalla sua vista e lui ricollegò il fatto alla Fata Morgana, attorno alla quale gravita una leggenda a riguardo (pienamente smentita dalla scienza).

 

Mitologia vuole che il Lago D'Averno, a pochi minuti da Napoli, fosse l'ingresso dal quale Enea discese agli Inferi  Foto di Assia Carannante via Flickr

 

C’era una grotta profonda e immensa di vasta apertura, rocciosa, difesa da un nero lago e dalle tenebre dei boschi sopra la quale nessun volatile poteva dirigere il cammino con le ali impunemente”. Così si presentava il Lago d’Averno agli occhi di Enea, attraverso le parole del poeta Virgilio.

 

Un post condiviso da Gianluca Armenio (@gianlucarmenio) in data:

Il territorio sul quale il bacino si è sviluppato è di per sé unico. Infatti si trova sui Campi Flegrei, la vasta area magmatica dalla vivacissima (e pericolosissima) attività vulcanica, ancor più temibile del Vesuvio.

 

Mitologia vuole che il Lago D'Averno, a pochi minuti da Napoli, fosse l'ingresso dal quale Enea discese agli Inferi  Foto di get directly down via Flickr

 

Il nome del Lago d’Averno deriva dal greco Avernus, ovverosenza uccelli“. Questo perchè le acque del lago emanavano gas nocivi che risultavano letali per i volatili e che resero lo specchio d’acqua sguarnito di fauna (cosa che, per fortuna, non sussiste oggi).

Il lago non è l’unico luogo d’interesse nella zona, visto che a pochi passi si trovano il Tempio d’Apollo e l’Antro della Sibilla Cumana, formando una zona particolarmente mitologica e piena di misteri.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >