vacanze italiane cecina
Viaggi
di Simone Stefanini 23 Agosto 2016

Vacanze Italiane: Cecina Mare e l’estate che non finisce mai

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

vacanze italiane cecina   Gif di Gabriele Ferraresi

 

L’estate sta finendo, ed ecco l’ultima puntata di Vacanze Italiane, la rubrica dove abbiamo raccontato i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza: ma solo fino ai 18 anni. Grazie a tutti. 

Abito da sempre a Cecina, sulla costa toscana e qui l’estate non finisce mai. Non per una questione climatica, più per un fattore psicologico. Tutto ruota intorno all’estate, qui da me, anche a dicembre, quando vado a prendere un caffè al mare per contemplare i fantasmi degli ombrelloni e ascoltare attentamente l’eco delle chiacchiere dei ragazzini sulla spiaggia. Non ho mai fatto una vacanza in vita mia, non sono abituato a cercare un mare diverso da quello che conosco così bene e l’estate mi è entrata dentro, si è fatta la tana tra le mie costole.

A me però l’estate è sempre piaciuta poco. Per prima cosa, non so nuotare. So stare a galla come i cani e quando mi cimento nello stile libero, sembra sempre sia sul punto di soccombere. La colpa è di un tipo che ha qualche anno più di me e che da piccolo mi ha sgonfiato il materassino in un punto in cui non toccavo, lasciandomi andare a fondo. Non preoccupatevi per me, ce l’ho fatta a risalire e dopo aver sputato litri d’acqua salata, dopo aver pianto e dopo aver giurato eterna inimicizia al mare, ho mandato un accidente talmente potente in direzione di quel tipo che oggi è un alcolizzato cronico di 120 chili che esce di casa in mutande per cercare il gatto e non sono nemmeno sicuro che ce l’abbia, un gatto.

L’estate, dai 15 anni in poi, è sempre stata sinonimo di lavoro. Cameriere in un albergo per turisti, tre turni al giorno: colazione, pranzo e cena. I miei amici che non dovevano lavorare sembrava vivessero il sogno mentre io stavo sempre a controllare l’orologio, per sapere quanto mancava al turno successivo. Lavorare d’estate coi turni spezzati significa non riposarsi mai e coltivare un sano odio nei confronti dei turisti.

D’altra parte, noi poveri indigeni ci dovevamo pur divertire in qualche modo e capitava quando la vecchia di turno mandava indietro una pesca perché troppo dura, chiedendo a uno di noi di portarne una più matura. La prassi era prendere la pesca, sbatterla per terra, prenderla a pedate e frollarla, poi passarla sotto l’acqua per donarle un aspetto sano e riportarla dalla signora, che ne constatava la consistenza e poi ringraziava calorosamente.

Non è sempre stato così, non ho sempre lavorato. La prima volta che ho preso il motorino, un Garelli Eureka Flex marrone di nascosto da mio padre avevo 13 anni. Io e i miei amici storici, quelli coi quali giocavo a pallone in strada, con cui esploravamo le sponde del fiume alla ricerca di tesori e con cui fingevamo di essere i Kiss, avevamo deciso che eravamo abbastanza grandi da girare in motorino, per farsi vedere dalle ragazze.

Il nefasto Garelli non aveva i pedali tipo il Ciao e quando si fermò a 10 o più chilometri da casa, diventai viola di paura. Dopo un sacco di spinte riuscimmo a farlo ripartire ma il malvagio non poteva frenare, pena il decesso del mezzo. Al primo semaforo rosso dovetti tenerlo frenato mentre acceleravo e quando sono ripartito, la spinta è stata talmente grossa da farmi finire come un razzo su un cartello pubblicitario. Niente di rotto, ma una figura di merda di quelle che non si scordano.

Poi il gelato preso in passeggiata a Marina con tre ragazze delle quali ero innamorato, mentre al juke box mettevamo le canzoni d’amore degli Scorpions, che in quegli anni spopolavano.

Un altro juke box in passeggiata a Marina, in cui potevamo inserire i cd portati  da casa e farci serata ascoltando dai Metallica agli Ustmamò, bevendo birra che donava invincibilità.

La prima volta che sono stato davvero felice, conoscendo ragazze con indosso magliette che si sposavano perfettamente con la mia dei Cure.

La sensazione che l’ultimo giorno d’estate esista davvero, quello in cui dal nulla ti sale in gola la mancanza di tutto, in cui guardi i tuoi amici e ti chiedi dove sarai tra un anno e se uscirete ancora insieme e se i baci e le voglie e le risate avranno lo stesso sapore o saranno meno brillanti, opacizzati da quella patina chiamata tempo, che mannaggia a tutto ti fa diventare adulto anche se non vuoi.

Alla fine è andata bene e ne sto scrivendo 20 anni dopo da casa mia, e dal terrazzo vedo qualche centimetro di mare. Sono un niente e se non te li faccio notare non li vedi nemmeno, ma io so che ci sono, e tanto basta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >