Ambiente
di Dailybest 7 Luglio 2017

Stiamo consumando troppo suolo terrestre e la risorsa non è rinnovabile

Il Soil Day è la giornata dedicata al suolo, per sensibilizzare l’opinione pubblica e trovare soluzioni al grave problema del suo consumo sfrenato

 iplsc

 

Di questi tempi ci capita spesso di pensare alle energie rinnovabili e alle strategie perché cibo e acqua diventino alla portata di tutti, oltre ai rischi per l’ecosistema a causa del cambiamento climatico. Tutte preoccupazioni lecite a cui si deve aggiungere un altro fattore che spesso diamo per scontato: il suolo. In occasione del Soil Day, abbiamo chiesto a Silvia Ronchi (ricercatrice presso Dipartimento di Architettura e Studi Urbani – DAStU del Politecnico di MilanO) di spiegarci il consumo di suolo terrestre, una risorsa non rinnovabile.

Sigla:

“E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti. Tu non preoccuparti. Tu non preoccuparti”
(da ’40km’ di Le Luci Della Centrale Elettrica)

Purtroppo ci si deve preoccupare, eccome. I recenti dati presentati martedì 4 luglio 2017 durante la giornata dedicata al suolo (Soil Day) mostrano che tra il 2012 e il 2015 sono stato consumati in Lombardia circa 1.000 ettari di suolo all’anno (1 ettaro è poco più di un campo da calcio). Ripetiamo: 1000 (mille) campi da calcio cancellati in 1 anno nella sola Lombardia.

Lombardia 1954 – elaborazione CRCS su dati DUSAF – Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e forestali (Regione Lombardia, ERSAF)  Lombardia 1954 – elaborazione CRCS su dati DUSAF – Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e forestali (Regione Lombardia, ERSAF)

 

Tecnicamente, il consumo di suolo è un processo di antropizzazione che costituisce nella trasformazione di suoli (agricoli o naturali) in costruzioni permanenti (case, strade, industrie, centri commerciali…). L’esempio classico è il campo di granoturco che diventa la BreBeMi.

Il suolo una volta cementificato, consumato, viene perso per sempre. Il suolo infatti è una risorsa limitata e non rinnovabile perché per generare 2,5 centimetri di suolo ci vogliono circa 500 anni, ere geologiche.

Il Soil Day, giunto alla terza edizione, è stato pensato come un momento di condivisione di conoscenze ed esperienze sul suolo con l’obiettivo di definire azioni, strategie e politiche per tutelare questa risorsa. L’edizione 2017 è stata organizzata da ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e dal CRCS (Centro di Ricerca sui Consumi di Suolo). Quest’ultimo è un centro di ricerca scientifico che abbiamo fondato nel 2007 insieme al Politecnico di Milano (Dipartimento di Architettura e Studi Urbani – DAStU), all’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) e a Legambiente con l’obiettivo principale di studiare il suolo, gli usi del suolo e tutti i processi che possono danneggiarlo, in primis il consumo di suolo. Il Centro, che suona come un grande istituto che produce dati e analisi, in realtà è composto da 5 membri e soci fondatori che, a vario titolo, contribuiscono a tutte le attività (ricerca, comunicazione, diffusione dei risultati).

Lombardia 2015 – elaborazione CRCS su dati DUSAF – Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e forestali (Regione Lombardia, ERSAF)  Lombardia 2015 – elaborazione CRCS su dati DUSAF – Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e forestali (Regione Lombardia, ERSAF)

 

Quando nel 2007 abbiamo iniziato a parlare di consumo di suolo c’era molto scetticismo ed eravamo visti come degli ambientalisti estremi che non volevano far costruire le case per i figli o nuove strade per far diminuire il traffico su quelle già congestionate. Ricordo che definirono il centro come “un’esperienza fallimentare”, adesso siamo al decimo anno di attività e di consumo di suolo se ne parla ovunque, nelle università, nei partiti politici e pure nei bar.

Ma perché questo attaccamento al suolo?
Perché è un bene comune, così come l’acqua, in quanto svolge delle funzioni fondamentali per le comunità di cittadini e non deve essere gestito come una merce di scambio o per far cassa, perché a perderci siamo noi e il nostro benessere. Il suolo svolge molte funzioni, che noi non vediamo e spesso neanche conosciamo, che concorrono a aumentare la nostra qualità della vita. Il suolo ci serve per produrre cibo essenziale per la nostra sopravvivenza, basti pensare che 1 ettaro di suolo agricolo produce cibo per 6 persone per 1 anno intero. Un ettaro di suolo è inoltre in grado di trattenere 3.750.000 litri di acqua evitando che le nostre cantine vengano allagate quando ci sono dei temporali un po’ più forti . Infine, sempre quell’ettaro di suolo poco più grande di un campo da calcio, trattiene molta anidride carbonica che se liberata in atmosfera fa aumentare l’ormai noto effetto serra.

 

Soil Day 2017  Soil Day 2017

 

Cosa fare per proteggere il suolo?
Ovviamente il consumo di suolo è un fenomeno comune a tutte le regioni italiane e che ritroviamo in tutti gli Stati europei, con dinamiche, impatti e conseguenze diverse. È vero però che in Italia il fenomeno è più accentuato per la sua orografia, morfologia e la densità di popolazione, oltre che per le sue vocazioni agroalimentari e turistiche. Considerandolo un problema comunitario, serve una direttiva quadro europea che definisca dei vincoli di tutela, ad oggi è stata solo definita una road map con l’obiettivo del “consumo di suolo netto pari a 0” entro il 2050, ma non ha sviluppato strumenti regolativi da applicare nell’immediato.

Alcuni Stati Membri hanno delle normative per proteggere i suoli (naturali e agricoli) ma purtroppo anche in questi casi risultano spesso frammentate e incoerenti tra uno Stato e l’altro. L’assenza di una normativa porterà ulteriori danni al suolo, tanto che le previsioni elaborate dal JRC (Centro comune di Ricerca della European Commission) pronosticano per il 2050 la cementificazione di altri 3,2 milioni di ettari (area pari alla superficie agricola dell’intera Pianura Padana).

Per rimediare alla mancanza di una normativa europea è stata avviata una campagna dei cittadini europei dal nome People4soil o salvailsuolo, per chiedere all’Europa di riconoscere il suolo come bene comune, adottando una legislazione specifica in materia di protezione del suolo, che fissi principi e regole che gli Stati Membri devono rispettare. La petizione prevede la raccolta di 1 milione di firme entro settembre e può essere firmata sul sito www.salvailsuolo.it

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >