Art
di Valerio Millefoglie 1 Marzo 2016

I segreti del cimitero vivente di Gubbio

Là, dove nella pace le costruzioni sembrano sovrastare l’uomo

cimitero gubbio dragoni Architizer.com - Una veduta del cimitero di Gubbio, di cui l’architetto Andrea Dragoni ha curato l’ampliamento

 

I cimiteri non sono luoghi impermeabili al tempo, fatti di sola pace e dove nulla accade. Il terreno subisce continui smottamenti, ogni funerale è un piccolo terremoto e le riesumazioni non sono solo di corpi, ma anche di zolle.

Nel 2011 l’architetto Andrea Dragoni ne ha rimosse un bel po’ realizzando il progetto di ampliamento del cimitero di Gubbio, vincitore di una menzione speciale nella categoria Architettura ai German Design Award 2016.

Come le scenografie de Il processo di Orson Welles, film tratto dal romanzo di Kafka, che rappresentavano un tribunale gigantesco, sovrumano, anche queste costruzioni, rappresentanti la giustizia divina, sembrano sovrastare l’uomo.

 

 

Calcestruzzo armato e travertino sono il silenzio tombale fattosi muro senza lapidi, un muro che ha inghiottito gli ultimi residui viventi: i fiori, le foto, gli epitaffi. Alla vista appaiono come blocchi geometrici con squarci laterali o aperti in alto, per creare visioni del paesaggio o del cielo.

Sono le Piazze del Silenzio, come le ha denominate il suo ideatore, immaginando delle aree di meditazione, luoghi in cui favorire il ritrovarsi con gli altri e con se stessi. Per sapere se i visitatori popolano realmente queste piazze abbiamo chiamato il cimitero di Gubbio. Ci ha risposto uno dei due custodi.

Ne è venuto così fuori un ritratto non dell’architettura degli edifici, ma dell’architettura umana. “Non so niente di queste piazze, dovrebbe sentire il mio collega, lui dice sempre che c’è nato qui. Io ci lavoro da meno, dal 2002. Prima ero al mattatoio comunale. La parola stessa dice com’era. Mi occupavo delle bolle di accompagnamento, seguivo l’amministrazione degli animali macellati. Non mi piaceva molto e quando si è prospettata l’occasione del cimitero l’ho presa. È una cosa bella qui, si conosce la gente, a parte quelli che son morti la compagnia non manca. Viene sempre la stessa gente, uno può seguire la giornata con l’orologio, vengono sempre alla stessa ora”.

 

dragoni_cimitero_gubbio

 

E continua:Mi occupo anche delle luci votive, ci son persone che non hanno più soldi nemmeno per mantenere quelle, dicono – Tanto la luce per leggere il giornale lì sotto non gli serve.  Sono entrato in Comune come disegnatore progettista, anche se avevo la qualifica di giardiniere. Ho disegnato per esempio il progetto della ristrutturazione del campo di calcio quando il Gubbio è andato in serie B. Forse dopo l’85 o il ’90, non ricordo la data esatta. Io ho sessant’anni. Una moglie e due bambini. Maggiorenni. Mi piace stare con gli amici, bere un bicchiere di vino, uno solo però perché ho il diabete. A volte faccio La Settimana Enigmistica. Una finestra dell’ufficio affaccia sui campi d’inumazione e un’altra dà sul fronte del cimitero, verso i fiorai. Ora ho proprio qui davanti tutti i cartellini dei defunti, puoi sapere vita e miracoli, è l’anagrafe mortuaria.  Non conosco questi scienziati che hanno fatto l’ampliamento, gente che viene a passeggiare appositamente non ne vedo. Gubbio è paragonabile a un quadro, Gubbio è una foto. Io mi chiamo Costantini Giuseppe e da piazza Quaranta Martiri, in centro, parte un pullman che in dieci minuti arriva qui; quando volete venire al cimitero son contentissimo d’incontrarvi”.

 

dragoni_cimitero_gubbio

 

Nel plurale, nell’utilizzo del Voi, pare rivolgersi a tutti quelli che ora stanno leggendo queste righe. Mentre organizziamo il viaggio per la visita di cortesia, sul sito del Corriere dell’Umbria possiamo leggere una serie di notizie riguardanti il cimitero, fra cui: La disavventura di madre e figlia prigioniere del cimitero e Arrestato dai carabinieri un pensionato autore dei furti.

L’editore Skira ha pubblicato il libro dell’architetto Andrea Dragoni, Il profilo del cielo- l’ampliamento e le installazioni site-specific del cimitero di Gubbio. Potrebbero essere questi i testi guida da mettere in valigia, mentre andiamo a trovare, con tutta calma, chi non c’è più.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >