Art
di Ariele Frizzante 29 Settembre 2015

Sono andato a Dismaland e ho fregato Banksy (quasi)

Abbiamo mandato un inviato speciale al parco divertimenti di Banksy

Ariele a Dismaland  Ariele a Dismaland

 

È a poche ore dalla partenza per Weston Super Mare che vengo rapito da un pessimo pensiero. Prenderò un aereo che mi porterà in una sconosciuta cittadina dell’Inghilterra per vedere quello che ho già visto sul mio smartphone: la sirenetta distorta, il barcone degli immigrati telecomandato, la Cenerentola/Lady D paparazzata nel castello diroccato, insomma quello che c’è a Dismaland, il parco divertimenti di Banksy, è già stato postato ovunque l’ho già bello che visto, mi hanno fregato.

Il tempo di farmene una ragione e vengo assalito da un secondo pensiero, forse peggiore del primo, ho appena appoggiato il mio zainetto sul rullo dell’aereoporto che lo farà passare ai raggi x per dimostrare che non ho nessuna intenzione di far saltare in aria l’aereo che sto per prendere, quando estraggo il portafogli dalla tasca dei pantaloni e mi rendo conto che è pieno zeppo di soldi. Quando poche ore prima l’ho riempito come un uovo, non mi sono preoccupato di superare una cifra che mi avrebbe fatto diventare un potenziale criminale che porta il suo tesoro all’estero, perché tutti quei soldi sono finti, sono biglietti da visita, lo si capisce bene anche perché la regina Elisabetta raffigurata sulla moneta sono io, ci sono anche i baffi che lo dimostrano!

 

Ariele ha fatto i soldi  Ariele ha fatto i soldi

 

Quello che non avevo pensato era che i poliziotti dell’aereoporto potessero fraintendere la mia stravagante idea di biglietto da visita con un maldestro tentativo di smercio internazionale di valuta falsificata. Ma oramai son qui, poggio il mio portafogli sul rullo, guardo il poliziotto dritto negli occhi e quando mi chiede: “liquidi?” trattengo il fiato e rispondo titubante: “no”. Il metal detector non suona, sono salvo, posso decollare. Evidentemente le persone che hanno tanti soldi nel portafoglio possono tranquillamente viaggiare, io non lo sapevo, a me non capita mai.

 

È quando finalmente mi trovo sulla vasta spiaggia di Weston Super Mare che il primo “pessimo pensiero” riprende a tormentarmi, ma questa volta lo sedo pensando che mi comprerò il palloncino con su scritto I AM AN IMBECILE, quello che ho visto in dozzine di fotografie, un gadget di quel tipo basterà a giustificare un viaggio che mi ha portato in un desolato paese che mai avrei immaginato potesse esistere sulle cartine geografiche e nel quale ora mi ci trovo solo perché qualcuno ipotizza che sia stato il paese dove Banksy ha passato qualche estate della sua adolescenza. Per ora mi è certo solo che Banksy ha scelto il posto più triste del mondo per il suo parco dei divertimenti, mi scrollo la sabbia dalle scarpe e mi metto in coda per entrare a Dismaland.

 

Ariele realizza il suo sogno  Ariele realizza il suo sogno

 

Passo l’ingresso con la finta stanza della sicurezza di cartone, e mi tuffo nel parco, ecco la sirenetta distorta, il barcone degli immigrati telecomandato, il castello diroccato che contiene la Cenerentola/Lady D paparazzata, ma dei palloncini con su scritto I AM AN IMBECILE neanche l’ombra. Bastano pochi minuti a passeggio per il parco per rendermi conto che il mio “pessimo pensiero” è infondato: l’atmosfera è unica, elettrizzante, ovunque posi lo sguardo è pieno di stimoli, mi trovo all’interno di un museo temporaneo nel bel mezzo del nulla cosmico e mi sento benissimo.

La scortesia degli inservienti del parco (quelli con la casacca DISMAL fluorescente e le orecchie da Topolino ricavate dai tappi delle latte di vernice) mette un’allegria inaspettata, quando chiedi gentilmente le mazze da golf per una partita al MINI GULF loro te le tirano sgarbatamente addosso, quando cerchi di comprare il catalogo della mostra glielo devi letteralmente strappare dalle mani perché non te lo vogliono consegnare, ed è proprio uno di loro a mettere a tacere definitivamente il mio “pessimo pensiero” quando nel tentativo di scattare una foto col mio smartphone a un quadro mi sento redarguire sgarbatamente: “è inutile fare una foto a quel quadro, se vai su internet troverai già dozzine di foto scattate molto meglio di quella che stai per fare tu!”.

Ha ragione lui, ripongo il telefono e cerco da mangiare. Birra e Dismalafel, il falafel vegano di Dismaland, perché c’è un cartello che recita: “Hot Dog in omaggio a chi indovina cosa c’è in questo Hot Dog”, ma temo sia un’installazione anche quello.

 

Hot Dog gratis per chi indovina che animale c'è nell'hot dog  Hot Dog gratis per chi indovina che animale c’è nell’hot dog

 

Sazio e soddisfatto proseguo la mia gita al parco quando finalmente li vedo! Una dozzina di palloncini che svettano nel cielo tenuti ben stretti da una ragazza di colore che indossa una tuta da sub e siede su un seggiolone da bagnini, fino ad ora il suo compito era stato sgridare i passanti fischiando energicamente nel suo fischietto e urlando a gran voce: “smettetela di correre!” oppure “non tuffatevi nella piscina!” anche se il più delle volte le sue invettive colpivano coppie di anziani inglesi che camminavano pianissimo. Comunque sia, mi fiondo da lei per il mio palloncino.

 

La temibile inserviente addetta alla vendita di palloncini  La temibile inserviente addetta alla vendita di palloncini

 

Vicino al seggiolone da bagnino trovo una manciata di visitatori che saltano allargando mani e piedi in quello che sembra un esercizio ginnico, contando ad alta voce. È la bagnina detentrice dei palloncini che glielo impone e allora mi metto subito a saltare pure io, ma non basta. Alla ragazza prima di me viene chiesto come ulteriore prova per accedere al palloncino, di abbracciare 10 visitatori in giro per il parco, mentre a me chiede di correre fino al castello di Cenerentola e di tornare indietro. Prontamente eseguo i comandi, ci siamo, ora solo 5 pounds mi separano dall’agognato palloncino.
Estraggo 5 pounds e ci allego un mio soldo finto (abile copia dei 10 pounds realizzata dall’artista Paolo Proserpio). La ragazza mi guarda stranita e mi chiede se voglio tre palloncini o solo uno.

C’è cascata in pieno, posso comprare due palloncini con i miei soldi finti, ho fregato il sistema, ho ingannato Dismaland, I MIEI SOLDI FUNZIONANO VERAMENTE! Ma non ce la faccio, guardo dritta negli occhi la cattivissima bagnina e sorridendo le dico: “ma no, non vedi che quelli sono soldi finti? Sono io la Regina Elisabetta coi baffi! Tienili pure, sono per te!”
Mi consegna il palloncino e sempre sgarbatamente ripone il mio soldo finto insieme agli agli pezzi da 10 pounds che tiene in un piccolo marsupio.
Ero a un soffio da fregare Banksy, ma non me la sono sentita.
Io sono un imbecille.

 

p.s. Ringrazio Massimo (che mi ha accompagnato in questo viaggio) al quale avevo chiesto di giurare che non avrebbe raccontato a nessuno che stavo per comprare due palloncini di Dismaland con i miei soldi finti ma che non ho avuto il coraggio di farlo. Fino ad ora aveva mantenuto gelosamente il segreto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >