foto festival re nudo parco lambro fracchia
Art
di Gabriele Ferraresi 23 Giugno 2016

Le foto del Festival Re Nudo al Parco Lambro in mostra a Milano

Le edizioni del 1975 e del 1976 negli scatti del fotogiornalista Dino Fracchia: viaggio per immagini nella controcultura e nella Milano anni ’70

foto festival re nudo parco lambro fracchia  Parco Lambro. Milano. Rullino 112, 29/05/1975 – © Dino Fracchia

 

Dino Fracchia è un grande fotogiornalista italiano: classe 1950, ne ha viste tante, in giro per l’Italia e il mondo, ne ha fotografate altrettante.

Se volete conoscerlo meglio e rivivere un periodo incredibile della controcultura italiana un’ottima occasione è la mostra I giorni del Parco Lambro. Continuous Days, Milano 29/5/1975 – 26/6/1976, a cura di Matteo Balduzzi, che inaugura giovedì 23 giugno alle 18.30 a Forma Meravigli, a Milano.

 

 

I giorni del Parco Lambro presenta in versione integrale 13 rullini inediti scattati da Dino Fracchia durante le ultime due edizioni del festival (1975 e 1976) per un totale di quasi 250 immagini. Foto che raccontano il Festival del proletariato giovanile organizzato da Re Nudo “la più importante manifestazione musicale e contro culturale italiana dell’epoca. Insieme ai grandi nomi del rock italiano – tra i quali Area, Stormy Six, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Eugenio Finardi, Edoardo Bennato, Franco Battiato, Antonello Venditti, Giorgio Gaber – radunò dal 1974 al 1976 migliaia di giovani (…) freak, militanti underground, cani sciolti, femministe, semplici curiosi e appassionati di musica.” spiegano da Forma.

Noi abbiamo contattato Dino Fracchia, fotografo e fotogiornalista d’altri tempi con i piedi ben piantati nel presente, uno che ha lavorato per chiunque, dai quotidiani a Panorama, L’Espresso, Epoca, New York Times, Time Magazine, Le Monde e mille altri, uno che prima di vedere il mondo negli anni ’80 ha battuto e fotografato ogni angolo di Milano per i quotidiani nei ’70, le tasche piene di gettoni del telefono perché “non c’erano mica i telefonini. Avevamo la mappa di tutte le cabine del telefono di Milano per sentire la redazione“.  

 

foto festival re nudo parco lambro fracchia  Parco Lambro. Milano. Rullino 480, 26/06/1976 – © Dino Fracchia

 

“In mostra ci sono 13 rullini inediti, c’è tutto – comincia a raccontare Dino al telefono – anche le foto che di solito non si vedono perché il fotografo non le sceglie… ma immagino che sia interessante, perché i milanesi andranno a rivedersi quarant’anni dopo”. E saranno di sicuro cambiati un bel po’.

Oggi hai 66 anni, all’epoca delle foto in mostra ne avevi 25, 26: ti rendevi conto di quello che stava accadendo in quei giorni al Parco Lambro?
No, sicuramente no. Nel senso che poi – è questa è una cosa di cui mi sono accorto andando avanti nella professione – le cose le capisci meglio quando non sei dentro, è un po’ come con le corse di Formula 1, il modo migliore di vederle è stare a casa a vedere la televisione. Al tempo il Festival era una cosa grossa per Milano, ma non immaginavo certo che diventasse così grande a quarant’anni di distanza.

 

foto festival re nudo parco lambro fracchia  Parco Lambro. Milano. Rullino 114, 29/05/1975 – © Dino Fracchia

 

Qual è il primo ricordo che ti viene in mente oggi di quei giorni?
La gente, tutta la gente che c’era.

In un’intervista a La Stampa dicevi “Io continuo a lavorare perché ho 40 anni di carriera alle spalle, ma i giovani non capisco come possano fare”
Sì, io sono assolutamente convinto di essere stato fortunato, e di avere vissuto per un pelo l’ultimo periodo d’oro del fotogiornalismo: che comunque oggi, secondo me, sta andando a scomparire, almeno per come l’ho fatto io. Sono scomparsi gli spazzacamini, i linotipisti dei giornali… e con questa diffusione ormai capillare di macchine, di telefonini, di telecamerine, che ognuno ce l’ha, ogni avvenimento nel mondo viene ripreso in tempo reale e ritrasmesso in tempo reale. Lo scopo primo del fotogiornalista è quello di andare, vedere le cose, e sta sempre più scomparendo.

 

foto festival re nudo parco lambro fracchia  Parco Lambro. Milano. Rullino 113, 29/05/1975 – © Dino Fracchia

 

Quarant’anni di carriera: come si lavorava ieri per i quotidiani?
Si scattava, si tornava al giornale, si sviluppava in una maniera atroce, soprattutto nel periodo in cui lavoravo per i quotidiani, alla “come la viene la viene”, si stampava, ed erano delle stampe bruttissime, anche lì “come la viene la viene”, e poi si correva a portarle su in redazione, quando erano ancora bagnate. Una volta passate le foto in redazione c’era il venditore che andava a venderle in macchina agli altri giornali e faceva il giro con la sua cartellina con le foto. C’era sempre qualcuno che usciva di corsa a inseguirlo, qualcuno che gli buttava dentro le ultime foto dal finestrino in macchina. Ti lascio immaginare la qualità…

Dalla stampe “come la viene la viene” anni ’70 a oggi, 2016, c’è di mezzo il digitale: oggi come fotografi?
Ho dovuto passare al digitale…

Da come lo dici non mi sembra che ti piaccia molto
No… è che è proprio una maniera diversa di lavorare, d’altronde se uno lo fa per professione deve anche adeguarsi alle esigenze dei giornali, non si possono più tenere i tempi di una volta, i tempi dello sviluppo, i tempi della stampa. I giornali adesso le foto le vogliono subito. Per ieri.

 

foto festival re nudo parco lambro fracchia  Parco Lambro. Milano. Rullino 482, 26/06/1976 – © Dino Fracchia

 

I giorni del Parco Lambro
Continuous days, Milano 29/5/1975 – 26/6/1976

Dal 24 giugno all’8 settembre 2016
Mercoledì, venerdì, sabato e domenica 11.00 – 18.00
Giovedì 12.00 – 21.00; Lunedì, martedì chiuso
Ingresso gratuito

Forma Meravigli
Via Meravigli 5, 20123 Milano

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >