Art
di Simone Stefanini 1 Marzo 2016

Le foto attraverso la finestra di Giovanni Ambrosio

Abbiamo intervistato l’autore della serie di immagini Biography/Threshold che si ispira alla prima fotografia mai scattata

ambroizzzio via - Particolare. © Giovanni Ambrosio

 

Giovanni Ambrosio è un fotografo italiano di 37 anni, che con la sua serie Biography/Threshold, immortala le finestre e tutto quello che accade al loro esterno, mediato dai riflessi dell’interno.

L’ispirazione, piuttosto particolare, gli è venuta grazie alla prima foto mai scattata, datata 1826 (e successivamente accidentalmente distrutta) dall’inventore francese Joseph Nicéphore Niépce, che ritraeva proprio il panorama visto da una finestra, come potete vedere qui sotto.

 

the-first-photo-ever-taken © Joseph Nicéphore Niépce

 

Abbiamo intervistato Giovanni per conoscerlo un po’ meglio e saperne di più su questo progetto misterioso ed insieme molto terreno.

Dicci qualcosa su di te e sulla tua storia legata alla fotografia
Sono nato a Napoli ma dal 2001 vivo e  lavoro a Parigi. Dopo essermi formato in letteratura a Napoli, ho studiato prima cinema poi fotografia e arte contemporanea in Francia. La fotografia l’ho cominciata con Sergio De Benedittis a Napoli ma poi per anni l’ho messa da parte perché non mi convinceva la sua retorica tecnicicsta né la sua pretesa di dover raccontare qualcosa con il bianconerismo reportagistico (almeno io della foto avevo capito questo e quindi in fondo trovavo la letteratura più interessante). Poi dal 2010, dopo aver insegnato per qualche anno, ho ricominciato il mio percorso di ricerca e ho riscoperto nella fotografia una materia infinitamente rimodellabile e poco costosa. Meno costosa del neon per esempio. Direi che adesso è la mia materia principale, ma non l’unica. Sviluppo anche una serie di lavori a base di pittura minimalista nei quali poi interviene in ultima fase la fotografia per sedimentare tutte le materie nelle quali mi imbatto: carta, pittura, polvere, scarti, errori, liquidi, graffi.

Nella galleria qui sotto potete vedere un’ampia selezione dalla sua serie Biography/Threshold

 

 

Com’è nata l’idea di ispirarti alla prima fotografia mai scattata?
Alla fine del 2009 ho preso parte ad un progetto complesso iniziato da un altro artista italiano in Francia, Massimiliano Marraffa. Tra le varie cose c’era una piattaforma che pubblicava le foto scattate dalle finestre, chiunque poteva inviarle. Ciò mi ha dato modo di di riattivare la mia riflessione su questo archetipo della facoltà di vedere che era già molto presente nei miei vecchi lavori, proprio in un momento in cui cercavo di liberare la mia materia, la fotografia, dalla sua pretesa adesione al visibile e mi interessava conservare traccia del mio dover camminare e andare, per varie ragioni dell’esistenza, il che, ad un certo punto porta sempre a incontrare una finestra. Che per definizione è il punto di vista. Da qui Biography/Threshold. In questo protocollo, incontro una finestra e faccio una foto, ci sono appunto le radici della fotografia. La prima foto della storia è per me una finestra spalancata sul gesto del voler vedere, del voler essere. Sulla vis existendi.

 

© Giovanni Ambrosio via - © Giovanni Ambrosio

 

Qual è la vera funzione della finestra nelle tue foto?
Delimitare tre spazi: quello alle spalle di chi guarda, la soglia e lo spazio altro. Con una forma semplice, è capace di incarnare una infinità di cose, col suo essere una frattura e col suo segnalare un limite più o meno invalicabile. E di sedimentare una infinità di materie.

 

© Giovanni Ambrosio via - © Giovanni Ambrosio

 

Nelle tue foto sembra che tu sia interessato sia al panorama fuori dalla finestra, sia alla finestra stessa. Qual è il punto di fuoco del tuo lavoro?
La finestra è il paradigma della rappresentazione pittorica, non sono particolarmente interessato a quello che si vede dalla finestra (per lo meno non nel suo aspetto formale), ma non posso negare che esista. E in fondo questa contraddizione mi affascina particolarmente. La frattura si apre sempre sul visibile. Direi che il mio focus è sullo sforzo del guardare, sull’idea che esiste sempre un spazio altro, sull’accumularsi di questa materia che è il camminare che finisce sempre per incontrare una soglia. Mi interessa molto l’idea che il gesto biografico trovi la sua rappresentazione complessa: camminare, riconoscere soglie, definire ciò che è potenziale.

 

© Giovanni Ambrosio via - © Giovanni Ambrosio

 

Le tue fotografie sono apparentemente semplici, senza sovrastrutture né filtri. Ho letto che sono tutti scatti analogici. C’è per caso un messaggio subliminale nei confronti della spettacolarizzazione della fotografia contemporanea?
In realtà credo che queste fotografie siano piene di filtri. La finestra in sé è un filtro. E una fotografia è già una sovrastruttura. Solo alcune immagini vengono dalla fotografia analogica. Per qualche tempo ho usato una macchina analogica totalmente automatica e tascabile e oltre gli aspetti puramente pratici mi piaceva sfruttare la materia grezza e imperfetta che ne potevo ricavare. Ma poi si è rotta. Non c’è credo ci sia questo tipo di messaggio, piuttosto c’è una riflessione su cosa rappresenti l’uso della fotografia, che è uno strumento che non appartiene solo ed esclusivamente alla Fotografia.

 

© Giovanni Ambrosio via - © Giovanni Ambrosio

 

Hai comunque dei fotografi di riferimento per il tuo lavoro?
Apprezzo i lavori di moltissimi fotografi ma non penso di avere dei fotografi di riferimento. Pero’ posso dire che negli ultimi anni Lezioni di fotografia di Luigi Ghirri ha influenzato moltissimo la mia ricerca.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >