Art
di J.N.P. 30 Gennaio 2014

L’imbucato ai Grammy – Il nostro inviato dietro le quinte dello show

Report all’italiana dai Grammy Awards

Da pochi mesi ho lasciato l’ Italia per venire a vivere in USA un po’ perché mi ero stancato di quello che vedevo in giro e del mio lavoro pagato male e senza nessuna prospettiva e poi perché personalmente ho avuto sempre il mito dell’America. E quando sei una persona che ha un sogno (da musicista), credi che qui sia più semplice realizzarlo.

Beh ragazzi (scusate il francesismo): minchiate! Non è per niente semplice, una su tutte perché sei un emigrato e come tutti gli emigrati per lavorare o per farti assumere legalmente in tutti i campi, compreso quello musicale, devi avere un permesso di lavoro regolare o, altra chance, devi lavorare a nero con il rischio che se ti beccano ti mandano fuori a calci in culo il giorno stesso e senza passare dal via.

Ok lasciamo perdere queste cose non scrivo per annoiarvi con la battaglia quotidiana con il mio personale “American Dream” ma scrivo perché 4 giorni fa ho ricevuto una chiamata con la quale mi si offriva la possibilità di partecipare ai Grammy Awards a Los Angeles. Cioé non è che uno ha fatto un numero a caso o sono stato invitato come addetto ai lavori, quello succede solo nei loro film, sorry, ma semplicemente è successo quello che succede quando partecipi a questi eventi pur non essendo nessuno. Ovvero: devi essere paraculato.

E diciamo che a paraculaggine sto messo bene, in quanto fidanzato con la figlia di un produttore/ingegnere del suono, vincitore di un paio di Grammy negli anni e anche quest’anno in lizza per un premio.
La risposta, come immaginerete, è stata automaticamente positiva per varie ragioni:

1) Perché da musicista lo vedi in televisione e ne senti parlare da anni e quindi esserci live e “aggratis” e’ imperdibile
2) C’è sempre la forte chance di imbattersi in qualche tuo mito musicale e il mio lato da fan isterico non poteva esimersi
3) Ero curioso di vedere come in pochi giorni riescono a creare questo gigantesco circo musicale
4) (Punto più importante di tutti per me e meno per voi ) Perché, durante i 15 anni a Milano, io e i miei amici, per ragioni ancora inspiegabili, abbiamo avuto occasioni di imbucarci ed essere nei classici posti “macheccazzocistoafarequi” e battere loro con “l’imbucata” del secolo non aveva prezzo.

Ecco quindi qualche foto scattata in puro italian style, ovvero nell’illegalità.

Giorno  dei Grammy #1
Ed e’ giunto il giorno, ma prima per un attimo l’angolo del “Non tutti sanno che… e neanche io”. Infatti non sapevo e credo neanche voi che la giornata dei Grammy è davvero molto lunga e si divide in premiazione pre telecast che inizia verso le 12:30 (non trasmessa in tv ma solo su internet, avviene al Nokia Center e di solito è riservato alle categorie come miglior blues, jazz, reggae, musica latina, musical dell’anno), telecast dove il red carpet e le sfilate dei vip iniziano verso le 15:00 (quella che vedete tutti) e party dopo lo show, che inizia alle 20.30 e non ha un limite di tempo. Come si vede ci vogliono 3 biglietti, una guida e aver dormito abbondantemente il giorno prima.

Giorno  dei Grammy #2
E così arrivo al Nokia Center per l’inizio delle premiazioni pre telecast e mi ritrovo una sorpresa: i primi premi vengono presentati da una coppia mai vista Yoko Ono e Ringo Starr (oddio ho impiegato un po’ a riconoscere Yoko Ono perche’ ero convito che fosse Mister Magoo)

SAMSUNG
Ma la regina è colei che presenta l’intera prima parte della premiazione, una vecchia conoscenza degli anni 80: Cindy Lauper, anch’essa piuttosto irriconoscibile.

Giorno  dei Grammy #4
Finite le premiazioni del pre telecast mi muovo verso lo Staple Center, dove si trova il red carpet. Il primo che mi passa davanti è Cee Lo Green, uno dei pochi a farmi sentire alto.

Giorno  dei Grammy #5
Mi godo la mia sigaretta e faccio per pochi minuti il paparazzo. Quando Pink mi guarda in quel modo mentre la fotografo ho quasi paura che il sorriso sia un ghigno e sia pronta a darmi un gancio destro.

Giorno  dei Grammy #6
Subito dopo con mia grande emozione e stupore passa Dave Grohl. Emozione perché sono un suo fan sfegatato e stupore perché vedendolo da vicino mi accorgo che é gonfio in faccia in maniera spaventosa… segno che i super alcolici o qualcosina di più stanno cominciando a farsi sentire.

Giorno  dei Grammy #7
Finisco la sigaretta e quasi mi scontro con Steven Tyler, che invece di fare la star e incazzarsi mi sorride mi mette una mano sulla spalla e mi dice “I love you man” io lo guardo un po’ cosi e penso ma “cazzomenefrega!” e gli rispondo ” I love you too man”. Beh, dopo due “I love you” e mezza sigaretta fumata con lui, la tremarella mi passa e parlo con lui 10 minuti in mezzo al delirio delle persone che lo chiamano. Alla fine gli chiedo se posso fargli una foto: “no problem dude what you think i look good?” e si mette in posa. Inutile dire che per me ha vinto lui il mio personale premio simpatia.

Giorno  dei Grammy #9
Superato il red carpet – che non e’ niente di speciale ed e’ anzi noioso visto che non ti puoi fermare neanche se ti viene un infarto secco o ti si slaccia la scarpa – entro dentro lo Staple Center e qui già molte persone si salutano, stringono mani e prendono posto.

Giorno  dei Grammy #10
Prendo posto e dopo 10 min è tutto pieno e una voce fuoricampo inizia a fare il countdown. Si sta per iniziare

Giorno  dei Grammy #11
La prima esibizione e’ di Lorde, talmente vicino che mi accorgo che per un secondo lei non apre la bocca, ma io sento comunque la sua voce. Era tristemente e non so per quale motivo in playback.

Giorno  dei Grammy #12
Inutile dirvi che durante la serata si susseguono star che affiancano il presentatore principale LL Cool J. Qui – da lontano – il signor Jamie Foxx.

Giorno  dei Grammy #13
Durante lo show ci sono i break pubblicitari, durante i quali ci si può alzare e andare in giro, mentre i tecnici smontano e montano scenografie o impianti. Qui stanno per smontare il piccolo palco dove si era esibita Lorde.

Giorno  dei Grammy #14

Giorno  dei Grammy #15

Giorno  dei Grammy #16
La serata va avanti e anche le esibizioni. Apprezzate quelle di Metallica e John Legend, nostalgica tenerezza per quella degli Highway Man Band, supergruppo country in cui militava anche Johnny Cash. Mentre cantano la canzone che dà il nome alla band, Kris Kristofferson dimentica le parole che era solito cantare Cash: alla fine l’hanno portata a casa, ma Johnny manca a tutti.

Giorno  dei Grammy #17

Giorno  dei Grammy #18
Sono 3 le esibizioni che mi hanno colpito dal punto di vista musicale. Due sono in queste foto: trovarsi sopra la testa Pink in versione trapezista non è da tutti i giorni. Un po’ come sentire suonare dal vivo Daft Punk, Pharell Williams, Stevie Wonder e Neil Rodgers, che fanno letteralmente esplodere lo Staple Center. La terza è l’esibizione di Paul McCartney con Ringo Starr alla batteria, ma preso dall’emozione non sono riuscito nemmeno a pensare di fare delle foto e di questo mi scuserete.

Giorno  dei Grammy #19

Giorno  dei Grammy #20

Giorno  dei Grammy #21
Altro momento interessante è quando lo Staple Center si trasforma in una chiesa per l’esibizione di Madonna con Macklemore & Ryan Lewis e Mary Lambert, esibizione che poi si e’ trasformata nella celebrazione di una ventina di matrimoni gay. Forse l’unico momento con un messaggio profondo.

SAMSUNG

Giorno  dei Grammy #23

Giorno  dei Grammy #24

Giorno  dei Grammy #25

Giorno  dei Grammy #27

SAMSUNG
Naturalmente ci sono state tante altre esibizioni ma io decido di rifare le foto per la “tamarrata on the cake”. Esco dallo Staple Center ed entro nel salone delle feste e mi ritrovo dentro un ambientazione alla “Grande Gatsby” tutto stile Anni 20, attori e attrici che indossano costumi dell’epoca e ogni 10 minuti sfilano nei vari palchi. Mi dicono che, di solito a questo tipo di festa, si rimane poche ore, per poi andare a quelle private in giro per LA. Mi faccio versare un bicchiere di vino e faccio un giro in questa versione di Hollywood. D’altronde per una notte si può anche sognare il problema è il mal di testa del giorno dopo. Cheers.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >