Art
di Alessandra Tecla Gerevini 20 Novembre 2015

La realtà è più veloce e importante della fotografia: Reuters dice basta alle foto RAW

L’agenzia Reuters ha detto basta all’eccessivo fotoritocco

foto Petapixel

 

C’è una grande novità nel mondo del fotogiornalismo: Reuters, un’agenzia di stampa britannica, ha cambiato le regole. Ha chiesto ai suoi collaboratori freelance di non inviare più foto scattate in RAW (o file CR2) ma solo in JPG. Per capirci: i file RAW (con RAW che in inglese significa ‘crudo’, ‘grezzo’, ‘non lavorato’) raccolgono dati dal sensore al momento dello scatto a cui non è stata applicata nessuna manipolazione da parte della macchina fotografica, cosa che invece succede con i file JPG. Questa caratteristica permette di sottoporre i file RAW a post-produzione senza perdere in qualità, ma li rende anche estremamente pesanti. I file JPG invece, immaginandoli come foto già stampate invece che come negativi di una pellicola (i RAW), sono sicuramente più leggeri ma meno ritoccabili, quindi ci vuole più coscienza da parte del fotografo al momento dello scatto: per esempio, sarà importante avere già un corretto bilanciamento del bianco. Questo chiaramente significa più fatica e concentrazione per i fotografi durante il lavoro, ma per l’agenzia significa una maggiore certezza di ricevere immagini più “veritiere” e di riceverle in un tempo più breve, di poterle quindi vendere con più prontezza.

Il ritocco in post-produzione di immagini fotogiornalistiche non è assolutamente un problema nuovo e infrequente. Solo nell’edizione del 2015 del World Press Photo, sono state squalificate circa il 20% delle fotografie finaliste per eccessiva manipolazione subita in post-produzione. Ma la post-produzione non è l’unica questione aperta: a Giovanni Troilo, ad esempio, è stato revocato il premio dagli organizzatori del WPP 2015 a causa di una didascalia “sbagliata”: le foto si dicevano scattate nella cittadina belga di Charleroi mentre si è scoperto furono ambientate a Molenbeek, Bruxelles.

 

Capa Miliziano Lomography.it - Falling Soldier di Robert Capa

 

Perché un fotogiornalista, che si è scelto il compito di registrare e raccontare storie vere nel modo più equilibrato ed imparziale possibile, vuole modificare queste storie e renderle più piacevoli dal punto di vista estetico? Stiamo valutando gli aspetti “sbagliati” della fotografia di reportage? Nasce da lontano appunto, un esempio storico è il miliziano di Robert Capa (Falling Soldier), fotografato morente il 5 settembre 1936 durante la guerra civile spagnola, che ancora oggi fa discutere: c’è chi sostiene sia semplicemente un soldato che cade (quindi è la didascalia che inganna), chi dice che sia una foto posata, chi la ritiene autentica. Sono più responsabili i fotoreporter o sono le riviste che chiedono fotografie più belle, più “forti”? Un altro esempio risale all’omicidio dell’ex moglie, e del fidanzato, da parte di O. J. Simpson. Quella volta sia Time che Newsweek decisero di utilizzare stessa foto, il mugshot di Simpson, come copertina. Il problema fu che Time la scurì drasticamente per aumentare l’effetto drammatico.

 

oj_480x318 GalleryHip

 

Qualche estremista potrebbe dire: nessuna fotografia rappresenta la realtà. Ed è vero, ogni immagine che ci arriva è stata “manipolata” dal fotografo, ha scelto lui cosa includere, cosa lasciare fuori dall’inquadratura, se aspettare il tramonto per aumentarne la drammaticità. Come scrisse Susan Sontag ne Nella grotta di Platone: “Anche quando si preoccupano soprattutto di rispecchiare la realtà, i fotografi sono comunque tormentati dai taciti imperativi del gusto e della coscienza. […] e le fotografie sono un’interpretazione del mondo.” In un altro suo saggio, L’Eroismo della Visione, la Sontag si occupa proprio della manipolazione delle fotografie (era il 1855 quando un fotografo tedesco inventò la prima tecnica per ritoccare il negativo) e scrive: “Le conseguenze della menzogna sono necessariamente più importanti per la fotografia di quanto potrebbero mai esserlo per la pittura, perché quelle piatte immagini, quasi sempre rettangolari, che sono le fotografie avanzano pretese di veridicità che non potrebbe mai avanzare un quadro. […] Una fotografia falsa (cioè una fotografia ritoccata o manomessa, o accompagnata da una falsa didascalia) falsifica la realtà.”

Quello che un portavoce di Reuters sottolinea è che: “Reuters Picture deve riflettere la realtà. Mentre miriamo ad una fotografia con la più alta qualità estetica, il nostro scopo non è quello di interpretare artisticamente le news”. Una presa di posizione drastica e indubbiamente controcorrente. Si abitueranno i lettori, si abitueranno le redazioni, a lasciare da parte quel “bello” che si è andati cercando? Sarà interessante valutare tra qualche mese, tra un anno, cosa è realmente cambiato da questo momento, quando Reuters ha detto basta all’eccessivo fotoritocco. Perché adesso? Forse che fondamentalmente ci stiamo stancando della pura estetica in casi in cui il “bello” è superfluo se non inutile?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >