Art
di Raffaele Portofino 15 Luglio 2020

I 10 tatuaggi che vi vergognate di mostrare d’estate

Non sempre siete felici di avere sulla pelle quei tatuaggi di quando eravate giovani e stupidi, però ogni estate vi tocca mostrarli di nuovo

L’estate è la stagione dei corpi nudi, che sfoggiano tutta la loro forma e i loro più segreti tatuaggi. Beh, mica tutti. Alcuni la forma l’hanno lasciata sulle tavole da pranzo di tutta la città, altri invece mostrano al pubblico le opere di body art più brutte che siano mai state concepite.

Il guaio è che, al mare, sarà difficile nasconderli e allora scatta la vergogna, scatta la maglietta tattica anche sotto i 40° per celarli ai curiosi. So che sapete di cosa stiamo parlando perché non è infrequente che, a distanza di anni, uno si sia anche rotto le scatole di ritrovarsi le sciocchezze tatuate addosso.

Ecco dunque una lista di orrori su pelle che vorremmo non aver mai fatto: sono tatuaggi brutti anni novanta e non solo. Saimo certi che vi ritroverete in questa galleria degli orrori.

1) Il tribale, che sta bene solo ai surfisti, ai rugbisti e ai tribali

wikipedia  wikipedia

Capito? Se sei tra quelli che è pieno di tribali però ha una pancia che fa provincia, magari non ti senti più il guerriero dothraki di una volta, quindi potresti provare quel misto di vergogna e rassegnazione per il passato glorioso, viste poi come sono andate le cose. Maglietta e via. Il re dei tatuaggi brutti: in versione femminile è di frequente un tribale disegnato nella parte bassa della schiena, pronto da scoprire con magliette taglia XXXXXXXXS.

 

2) La scritta in cinese/giapponese che non sei sicuro cosa voglia davvero dire

Inkdome inkdome.com Inkdome

Pensi davvero che sulla tua spalla, la scritta cino-giappo rechi la scritta Pace Universale, come ti ha promesso il tatuatore perché ha scaricato il disegno in un sito sicuro? E allora perché tutti gli orientali che incontri ridono di te? E se fosse che invece per tutta la vita hai portato in giro la scritta Spaghetti in brodo di pollo?

 

3) La croce, che poi bestemmi come un nonno veneto al bar

Pixabay pixabay.com Pixabay

Se durante la partita di calcetto scapoli-ammogliati in spiaggia in riviera, ogni volta che non te la passano fai scendere giù tutti i santi in colonna, come fai a portare con disinvoltura la croce dell’apertura alare di un albatros che ti prende tutta la schiena?

 

4) Il nome di tuo figlio in gotico sull’avambraccio

https://www.instagram.com/p/Bz_QfchC985/

L’ha fatto Eros, l’ha fatto Cannavaro e poi è diventata moda. Già che le lettere di stampo regime tedesco negli anni ’30, poco hanno a che fare coi tuoi figli, che ormai grandicelli si vergognano di te. Ma poi, su, hai davvero bisogno di scriverti i nomi addosso? Non te li ricordi solo con la memoria?

 

5) Le stelline colorate, che a 40 anni tocca nasconderle

tatu

Non pensiate però che chi scrive sia più furbo di voi. La foto sopra infatti ne ritrae la sciocchezza, di quando è stato teenager e le stelline andavano un casino, per poi ritrovarsele a quarant’anni e sentirsi come uno rimasto sotto ai Blink 182, che peraltro ha ascoltato solo sommariamente.

 

6) Padre Pio, sempre

Padre Pio no. Perché al netto della dubbia santità del personaggio, il più delle volte il tatuaggio viene male e Pio diventa un vecchio Jedi simile a Padre Maronno. Siete sicuri che a Padre Pio sarebbero piaciuti i tipi tatuati?

 

7) La frase scritta dal tatuatore ubriaco con gli errori grammaticali

 facebook

La mia scritta preferita: Never Don’t Give Up, che significa letteralmente Arrenditi Sempre. Un bel tatuaggio motivazionale, non c’è che dire. Regola numero uno: se il tatuatore non sa l’inglese, non fategli scrivere cose in inglese.

 

8) La ragnatela sul gomito, che poi non trovi mai lavoro

https://www.instagram.com/p/CClP_AvoEuR/

Difficilmente una ragnatela sul gomito è un tattoo di classe, e difficilmente passa inosservata. Fa sempre un po’ giovinezza sregolata e magari non tutti, passata un’età, vogliono subito mostrare la loro gioventù passata in balia dei più indicibili sballi.

 

9) Il ritratto del familiare, che con gli anni è diventato Elephant Man

 

Mai farsi fare un tatuaggio ritratto, 9 su 10 vengono da fare schifo e specialmente quelli a cui tenete di più. Vi ritroverete infatti i vostri adorati figli, congiunti o parenti stretti che somigliano a mostri deformi e verrete tacciati a più riprese di essere fan dell’horror e invece siete solo persone sentimentali che hanno fatto una scelta sbagliata.

 

10) Il fiore sul piede, che sembra un livido da codice rosso al pronto soccorso

https://www.instagram.com/p/CBJK8OAnVsY/

Il piede tende a usurare il tatuaggio più di altre parti del corpo e spesso accade che il vostro fiore meraviglioso diventi una cicatrice ricordo del colera o di un incidente che non avete mai avuto. Pensateci, la prossima volta che avete la malsana idea di farvene uno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >