Art
di Raffaele Portofino 15 Luglio 2020

I 10 tatuaggi che vi vergognate di mostrare d’estate

Non sempre siete felici di avere sulla pelle quei tatuaggi di quando eravate giovani e stupidi, però ogni estate vi tocca mostrarli di nuovo

L’estate è la stagione dei corpi nudi, che sfoggiano tutta la loro forma e i loro più segreti tatuaggi. Beh, mica tutti. Alcuni la forma l’hanno lasciata sulle tavole da pranzo di tutta la città, altri invece mostrano al pubblico le opere di body art più brutte che siano mai state concepite.

Il guaio è che, al mare, sarà difficile nasconderli e allora scatta la vergogna, scatta la maglietta tattica anche sotto i 40° per celarli ai curiosi. So che sapete di cosa stiamo parlando perché non è infrequente che, a distanza di anni, uno si sia anche rotto le scatole di ritrovarsi le sciocchezze tatuate addosso.

Ecco dunque una lista di orrori su pelle che vorremmo non aver mai fatto: sono tatuaggi brutti anni novanta e non solo. Saimo certi che vi ritroverete in questa galleria degli orrori.

1) Il tribale, che sta bene solo ai surfisti, ai rugbisti e ai tribali

wikipedia  wikipedia

Capito? Se sei tra quelli che è pieno di tribali però ha una pancia che fa provincia, magari non ti senti più il guerriero dothraki di una volta, quindi potresti provare quel misto di vergogna e rassegnazione per il passato glorioso, viste poi come sono andate le cose. Maglietta e via. Il re dei tatuaggi brutti: in versione femminile è di frequente un tribale disegnato nella parte bassa della schiena, pronto da scoprire con magliette taglia XXXXXXXXS.

 

2) La scritta in cinese/giapponese che non sei sicuro cosa voglia davvero dire

Inkdome inkdome.com Inkdome

Pensi davvero che sulla tua spalla, la scritta cino-giappo rechi la scritta Pace Universale, come ti ha promesso il tatuatore perché ha scaricato il disegno in un sito sicuro? E allora perché tutti gli orientali che incontri ridono di te? E se fosse che invece per tutta la vita hai portato in giro la scritta Spaghetti in brodo di pollo?

 

3) La croce, che poi bestemmi come un nonno veneto al bar

Pixabay pixabay.com Pixabay

Se durante la partita di calcetto scapoli-ammogliati in spiaggia in riviera, ogni volta che non te la passano fai scendere giù tutti i santi in colonna, come fai a portare con disinvoltura la croce dell’apertura alare di un albatros che ti prende tutta la schiena?

 

4) Il nome di tuo figlio in gotico sull’avambraccio

https://www.instagram.com/p/Bz_QfchC985/

L’ha fatto Eros, l’ha fatto Cannavaro e poi è diventata moda. Già che le lettere di stampo regime tedesco negli anni ’30, poco hanno a che fare coi tuoi figli, che ormai grandicelli si vergognano di te. Ma poi, su, hai davvero bisogno di scriverti i nomi addosso? Non te li ricordi solo con la memoria?

 

5) Le stelline colorate, che a 40 anni tocca nasconderle

tatu

Non pensiate però che chi scrive sia più furbo di voi. La foto sopra infatti ne ritrae la sciocchezza, di quando è stato teenager e le stelline andavano un casino, per poi ritrovarsele a quarant’anni e sentirsi come uno rimasto sotto ai Blink 182, che peraltro ha ascoltato solo sommariamente.

 

6) Padre Pio, sempre

Padre Pio no. Perché al netto della dubbia santità del personaggio, il più delle volte il tatuaggio viene male e Pio diventa un vecchio Jedi simile a Padre Maronno. Siete sicuri che a Padre Pio sarebbero piaciuti i tipi tatuati?

 

7) La frase scritta dal tatuatore ubriaco con gli errori grammaticali

 facebook

La mia scritta preferita: Never Don’t Give Up, che significa letteralmente Arrenditi Sempre. Un bel tatuaggio motivazionale, non c’è che dire. Regola numero uno: se il tatuatore non sa l’inglese, non fategli scrivere cose in inglese.

 

8) La ragnatela sul gomito, che poi non trovi mai lavoro

https://www.instagram.com/p/CClP_AvoEuR/

Difficilmente una ragnatela sul gomito è un tattoo di classe, e difficilmente passa inosservata. Fa sempre un po’ giovinezza sregolata e magari non tutti, passata un’età, vogliono subito mostrare la loro gioventù passata in balia dei più indicibili sballi.

 

9) Il ritratto del familiare, che con gli anni è diventato Elephant Man

 

Mai farsi fare un tatuaggio ritratto, 9 su 10 vengono da fare schifo e specialmente quelli a cui tenete di più. Vi ritroverete infatti i vostri adorati figli, congiunti o parenti stretti che somigliano a mostri deformi e verrete tacciati a più riprese di essere fan dell’horror e invece siete solo persone sentimentali che hanno fatto una scelta sbagliata.

 

10) Il fiore sul piede, che sembra un livido da codice rosso al pronto soccorso

https://www.instagram.com/p/CBJK8OAnVsY/

Il piede tende a usurare il tatuaggio più di altre parti del corpo e spesso accade che il vostro fiore meraviglioso diventi una cicatrice ricordo del colera o di un incidente che non avete mai avuto. Pensateci, la prossima volta che avete la malsana idea di farvene uno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >