Togliere la staticità ai quadri: ci è riuscita Valerie Hegarty

Art
di Diletta Pellegrini 1 gennaio 2014 23:33
Togliere la staticità ai quadri: ci è riuscita Valerie Hegarty

Il limite di ogni quadro è la cornice, anche se non la possiede. Immaginate però se una parte del soggetto di un dipinto potesse erompere dal suo confine, per posarsi e invadere altre cose e possibilità.
Valerie Hegarty realizza opere in cui le tematiche dei dipinti si spingono al di fuori della loro “linea d’arresto”, emancipandosi e connettendosi con l’ambiente che li circonda.
Adopera materiali fragili e precari come legno, schiuma e carta, al fine di interrompere l’ immortalità del dipinto comunemente fissato alla parete.
Un albero disegnato in una tela, si dirama così nella linea infinita del cielo, convertendosi in un organismo a sé stante.

Passare dalla prevedibilità dell’ordine all’ estro del disordine, non è mai stato così poetico.

via: valeriehegarty.com

valerie1

valerie2

valerie3

valerie4

valerie5

valerie6

valerie7

valerie8

valerie9

valerie10

COSA NE PENSI? (Sii gentile)