Art
di Gabriele Ferraresi 23 Dicembre 2015

La storia di Ulisse Bezzi, il fotografo di 90 anni diventato virale

Una storia incredibile, di quelle che la Pixar trasforma in film bellissimi

ulisse12home Huffington Post - Uno scatto di Ulisse Bezzi

 

Ulisse Bezzi ha 90 anni e vive a San Pietro in Vincoli, frazione di Ravenna: Ulisse è un fotografo, un grande fotografo contadino. Per tutta la vita infatti ha lavorato nei campi, nei suoi frutteti, scattando nel tempo libero, finché un giorno è diventato virale: come mai?

La notizia: parte delle sue foto sono state acquistate dalla Keith De Lellis Gallery di New York, galleria che ha ospitato tra gli altri lavori di Avedon, Cartier-Bresson, Man Ray. Uscita sull’Huffington Post il 13 ottobre, la storia di Ulisse aveva tutte le caratteristiche emozionali per funzionare: la scoperta di qualcosa di nascosto, l’emozione di vedere riconosciuti decenni di fatica, un protagonista così commovente che se lo trova la Pixar, ci fa un film. Così poi sono arrivati L’Huffington Post US, My Modern Met e altri. Se volete ascoltare il signor Ulisse raccontare in prima persona la sua storia, una decina d’anni fa Alessio Fattori gli aveva dedicato un breve documentario, lo trovate sul suo canale Youtube.

Così la storia di Ulisse ha fatto il consueto tour virale a colpi di migliaia di share che fanno le notizie quando colpiscono al cuore. Una storia alla Vivian Maier quella di Ulisse, così si è letto in giro, e in effetti le foto di Bezzi, almeno quelle circolate online in questi giorni, hanno davvero una forza fuori dal comune: ricordano alcuni lavori di Mario Giacomelli dei primi anni sessanta, ma è riduttivo accostare Bezzi a Giacomelli. Quelle di Bezzi sono immagini potentissime, bucano la mediocrità cui abbiamo abituato l’occhio e soprattutto la testa.

Bezzi è Bezzi, non è la copia di qualcuno. E scommetto che se avesse avuto più tempo per viaggiare avrebbe tirato fuori qualcosa di straordinario almeno quanto i reportage dei primi anni sessanta proprio di Giacomelli. Purtroppo Ulisse, malgrado il nome di battesimo, ha viaggiato meno di quanto avrebbe potuto: legato alla sua terra ha però camminato moltissimo, nelle campagne, o si è spostato a bordo del suo Galletto Guzzi, con cui andava in giro a cercare ispirazione. Volevo saperne di più, così l’ho chiamato, mi ha risposto la moglie, gentilissima, che lo ha interrotto proprio mentre Ulisse stava andando a fare un sonnellino. Ci sta: eravamo giusto dopo pranzo, e quella del riposino è un’usanza di grandissima civiltà.

Che effetto le ha fatto vedere riconosciuto oggi il suo lavoro? Le sue foto sono dappertutto in questi giorni
Mi ha fatto molto piacere, ci mancherebbe! Ho sempre avuto la passione della fotografia, ma mai avrei pensato di arrivare a un traguardo del genere, davvero, impensabile, è capitato. Poi cosa vuole, noi due non abbiamo il computer… ce l’ha mio figlio, ma sa: noi non siamo moderni, non ho mai cercato di usarlo il computer, è troppo complicato, avevo paura di non riuscire a imparare. Anche con le macchine fotografiche digitali, sono troppo complicate, alla mia età farei fatica.

Mi racconta com’è andata con la galleria di New York?
Tre, quattro anni fa è venuto questo gallerista da me, e ha preso le foto. Ma io ormai non ci pensavo più, erano già passati degli anni! Avevo fatto in tempo a dimenticarmi, mica me l’aspettavo che uscisse tutto ora.

 

ulisse3

 

Cosa coltiva nei suoi campi?
Ah qui a San Pietro in Vincoli è pieno di frutteti! Io coltivo pesche, pere, e mele. La vita nei campi è stata una necessità: mi sarebbe piaciuto studiare, ma in fondo la mia vita era qui e qui sono rimasto. Ma è andata bene: San Pietro in Vincoli non è cambiato, i frutteti c’erano e ci sono, le persone sono molto cordiali, oggi come cinquant’anni fa.

Una vita felice. Come teneva insieme la fotografia e il lavoro nei campi?
Non dovendo timbrare il cartellino e lavorando a casa mia ero libero, e ogni attimo che potevo mi prendevo il tempo. La notte, o a volte bastava anche una giornata di festa.

C’è qualche macchina fotografica che ricorda di avere usato?
Sicuramente all’inizio la Kodak Retinette, poi ho avuto anche una 6×6, ma non mi ricordo di che marca… e adesso una Yashica.

 

ulisse5

 

Le prime foto della sua vita se le ricorda?
Ah sì, avrò avuto una trentina d’anni, all’epoca fotografavo soprattutto i parenti, e i loro figli, sono stati sempre molto gentili, non mi hanno mai ostacolato nella mia passione.

E sua moglie cosa dice della sua passione?
Mia moglie è molto critica! Sfoglia le foto, se le guarda, mi dice “Questa sì, questa no”, è un aiuto importante per me.

Da quanto siete sposati?
(chiede alla moglie, NdR) “Ma da quant’è che siamo sposati” risposta della moglie “Da 51 anni”*

Ma è vero che vuole smettere con le foto?
Non è mica vero, anzi! Se trovo degli spunti interessanti, fotografo ancora. Ma quand’ero più giovane era più facile, potevo muovermi, magari prendevo il Galletto [scooter Moto Guzzi prodotto tra il 1950 e il 1965, n.d.r] e mi spostavo, andavo in giro, adesso è più complicato.

E a proposito di muoversi, a New York, a vedere le sue foto non vorrebbe andare
Mica detto che non ci andrò, può darsi che ci vada eccome a New York!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >